segui LMN:     


Il Gioco Interiore®: tra interferenze e potenziale personale

0 commenti

Direttamente dal padre del Coaching i Fondamentali dell’Inner Game 
A Castenaso (BO) 24-25-26 Aprile2015 presso il Golf Club “Casalunga” Tim Gallwey terrà il prossimo corso di “Fondamenti” dell’Inner Game
Per condividere insieme al padre del Coaching moderno un’esperienza straordinaria, per imparare a conoscere gli elementi essenziali dell’Inner Game, il metodo che ha rivoluzionato il mondo della formazione liberando l’espressione del proprio potenziale verso l’eccellenza.

Timothy Gallwey - BolognaUn percorso fatto di esercitazioni pratiche in aula e direttamente sul campo da tennis e da golf, per imparare ad ascoltare e riconoscere il proprio dialogo interiore, distraendo le interferenze interne che spesso ostacolano l’espressione più piena del nostro vero io.

Gran parte delle nostre difficoltà sono di origine mentale; tendiamo a pensare e a giudicarci molto; ci sforziamo di controllare i nostri pensieri e a condizionare le nostre azioni; pensiamo troppo ai risultati delle nostre azioni, ci preoccupiamo troppo e ci concentriamo male.

“Tim Gallwey ha trovato l’essenza del Coaching: liberare le potenzialità di una persona perchè riesca a portare al massimo il suo rendimento, aiutarla ad apprendere piuttosto che limitarsi ad impartirle insegnamenti.”
Sir John Whitmore

Accompagnati da Tim Gallwey, impariamo a distinguere ciò che pensiamo da quello che sentiamo, a fare esperienza di attenzione rilassata, a scegliere tra quello che dobbiamo e quello che desideriamo fare, disimparando a sorprenderci ancora attraverso l’apprendimento naturale.
Impareremo attraverso la nostra esperienza a sviluppare il potenziale ed aumentare la prestazione con l’INNER GAME, a riconoscere e limitare le proprie auto-interferenze, a facilitare il singolo e il team nell’espressione della propria eccellenza.

Coach professionisti, Manager, Imprenditori e Professionisti, Terapeuti, Formatori, Educatori, Atleti ed Allenatori sportivi che vogliono ampliare la loro esperienza e le proprie competenze verificando “sul campo” l’efficacia dell’INNER GAME nella propria vita e nella propria attività professionale, sono i destinatari di questo corso.

“L’avversario che si nasconde nella nostra mente è molto più forte di quello che troviamo dall’altra parte della rete.[…] 
La partita non viene decisa da una singola vittoria o una singola sconfitta”.
W. Timothy Gallwey

http://youtu.be/zUM0eoLqpJI

 

L’Inner Game si gioca all’interno della persona, per tutta la vita.
Impararlo adesso può fare la differenza per sempre. 
Per ogni ulteriore informazione potete visitare il sito Web www.theinnergame.it.

 

The Inner Game International School ItaliaThe Inner Game International School – Italia
Scarica la Brochure su Facebook
e da mobile


Nicola Savoretti, importante manager italiano che opera a livello internazionale

1 commento

Il percorso professionale e le esperienze del manager Nicola Savoretti, acquisite presso prestigiose aziende in campo internazionale.

Nicola Savoretti

Il percorso formativo svolto da Nicola Savoretti

Nato il 16 settembre del 1964, Nicola Savoretti trascorre la propria adolescenza in giro per il mondo, frequentando numerosi e differenti istituti scolastici. Inizialmente vive nella città di Courmayeur, da cui si sposta nel 1977 alla volta di Monte Carlo dove consegue il diploma nazionale BEPC presso il Collegio Francescano. Nel 1978 parte nuovamente per recarsi in Russia, presso la città di Mosca e qui consegue un nuovo diploma all'interno di un istituto superiore sovietico. Al termine di questo periodo si muove in Svizzera dove, dopo aver superato con successo un esame di maturità per l'accesso all'università, frequenta il corso di studi organizzato presso la facoltà di legge e quello di Business Administration presso la Webster University nella città di Ginevra. Inizia la sua carriera professionale nel 1984 collaborando come Responsabile delle pubbliche relazioni all'interno dell'azienda del padre, la Funivie Val Veny di Courmayeur. Nel 1986 passa ad una società svizzera, De La Rue Giori, specializzata nella produzione di attrezzature di stampa per valute e documenti di sicurezza, dove viene nominato Assistente del Vicepresidente.

Gli incarichi successivi ricoperti da Nicola Savoretti

All'inizio degli anni '90, Nicola Savoretti passa ad ARES-SERONO, un'importante azienda farmaceutica dove riceve gli incarichi di Area Manager e General Manager. Grazie alle conoscenze acquisite in campo internazionale, decide di fondare una propria compagnia per fornire importanti servizi di rappresentanza in territorio sovietico per conto di altre aziende che desiderino ampliare i propri business. Negli stessi anni fonda anche Chronolux S.A., impegnata nell'importazione di oggetti di lusso provenienti dai principali Paesi europei, come Italia e Svizzera, distribuendoli in territorio russo. La società diventerà una delle più importanti del territorio. Infine crea Ursus Telecom Russia (in seguito NNT Group), operativa nei settori delle telecomunicazioni e dell'High-Tech. Successivamente il manager espande le proprie attività all'interno del settore della cooperazione internazionale, occupandosi di promozione del turismo russo in Thailandia e di sviluppo di opportunità di business con aziende italiane in Russia.

Per avere maggiori informazioni sulla carriera e sulle esperienze di Nicola Savoretti, visita il profilo professionale del manager.


Il calendario: uno strumento indispensabile nell’organizzazione di ogni giorno

0 commenti

Il calendario viene impiegato dalla notte dei tempi come un valido aiuto per organizzare, pianificare e organizzare il prezioso tempo delle persone. La sua struttura facile e intuitiva permette di avere 'sott'occhio' le festività, i week end e le giornate speciali, offrendo alle persone la possibilità di pianificare i giorni di lavoro e anche le eventuali e meritate vacanze! Alla pianificazione a lungo termine, il calendario associa la possibilità di annotare gli impegni di ogni giorno, dalla spesa fino alla scadenza della bolletta, per avere sotto controllo il bilancio degli impegni e quindi non dimenticarsi di assolverli.

Icalendario conosce l'importanza di questo strumento, per cui mette a tua disposizione una serie di calendari stampabili gratuiti molto piacevoli, facili da consultare e ricchi di spazio per annotare i tuoi pensieri e le tue frasi più importanti. Ma dove posso tenere il calendario per averlo sempre a portata di mano? Molte sono le scelte che puoi attuare in tutta libertà, le quali dipendono dalle tue esigenze e dalle tue abitudini.

Ami le soluzioni appese e vuoi abbellire la tua cucina con un calendario stampabile? Non ti resta che liberare la tua fantasia e dedicare un po' di tempo per realizzare il tuo calendario 2015 nuovo di zecca. Puoi stampare tutte le pagine del tuo calendario gratuito Icalendario, eseguire un piccolo buchetto sulla loro sommità e poi procedere a legare fra di loro i 12 fogli che il portale ha messo a tua disposizione. Puoi scegliere di chiudere il calendario con un laccio di tessuto colorato, oppure con dello spago da cucina se ami le soluzioni più rustiche. Scegli quindi un bel posto strategico nella tua cucina, o nel living, o in qualsiasi luogo della casa, pianta un bel chiodino e voilà, il gioco è fatto! Da questo momento puoi contare sul tuo nuovo calendario 2015, piacevole da consultare e a costo zero!

Se ami le soluzioni ordinate e vuoi disporre di un calendario a portata di mano, puoi scegliere di stampare mese per mese la tua tavola, appendendola alle pareti della casa come una singola stampa, oppure tenendola a disposizione sulla tua scrivania. Puoi scegliere la versione con santi e festività, oppure preferire il calendario stampabile vuoto, ricco di spazio aggiuntivo per appuntare i tuoi impegni. Se ami divertirti con i materiali puoi scegliere di incollare i fogli del tuo calendario su dei cartoncini spessi di diversi colori, perfetti per dare vita ad un'opera bella, colorata  e divertente.

 

Icalendario: un mondo di proposte per il tuo calendario 2015: bello, comodo e gratuito!


Giovedì, 8 gennaio, andrà in scena il “Laboratorio comico” del Planet Roma

0 commenti

Otto gennaio. Questa, la data della seratissima ricca di comici internazionali che ancora oggi vivono le piazze e teatri di tutta Italia, ridendo a crepapelle prima loro e poi tutto quel pubblico che ancora oggi li segue senza perdere un istante delle loro battute. Li abbiamo visti in Rai e a Mediaset e ora è arrivato non perderli dal vivo, le risate saranno assicurate al Planet Roma in un esclusivo Laboratorio comico.


MOLISE IN COMA: CRISI OVUNQUE

0 commenti

p { margin-bottom: 0.25cm; direction: ltr; color: rgb(0, 0, 0); line-height: 120%; text-align: left; }p.western { font-family: “Liberation Serif”,serif; font-size: 12pt; }p.cjk { font-family: “Liberation Serif”; font-size: 12pt; }p.ctl { font-family: “Liberation Serif”; font-size: 12pt; }a:link { text-decoration: underline; }

Sta arrivando il Santo Natale e avverto nell'aria il sentore di una crisi senza precedenti. L'immobilismo generale, la corruzione e l'incompetenza ormai hanno rotto gli argini. In Molise (ma lo stesso discorso vale per l'Italia) si è verificato il collasso di tutti gli organi vitali della nostra comunità: la politica, poi l'economia, la chiesa, la famiglia, la scuola (università compresa), l'associazionismo e infine l’informazione. Un effetto domino quasi apocalittico. Non c’è istituzione indenne. Alla fine, del mio Molise, resta il corpo anoressico, ridotto alla fame. Un corpo privo di sensi dal quale non si ricevono segnali di miglioramento. Lo si scruta e lo si studia attentamente per capire se ci sia qualche speranza di cure efficaci ma lo si trova sempre più abulico, insensibile a qualunque sollecitazione persino all'elettroshock. Il Molise è in coma! Ma malgrado tutto, dal coma si può uscire, nonostante sia un'impresa immane e soprattutto occorre volerlo con forza e determinazione, è necessario essere attaccati alla vita. Basterebbe cominciare a fermare i molteplici oltraggi alla legalità e alla Carta Costituzionale. Voglio però chiudere queste riflessioni con un pizzico di ottimismo. Sono ancora convinto che con un forte sussulto di dignità (la società molisana possiede energie ancora vitali) si possa tranciare il legame (spesso complice) dei cittadini con la “mala politica”. Sarebbe già un buon inizio. La politica, quella con la “P” maiuscola, deve ritrovare il suo senso etico e con essa tutte le istituzioni vitali (chiesa, famiglia, scuola per citarne solo alcune). La crisi in Molise è profonda, seria e grave. Ma nella mia esperienza di vita ho imparato che spesso “volere è potere”, quindi, affrontiamo la tempesta non lasciamoci morire senza lottare! Rompiamo questo silenzio assordante!

(VINCENZO MUSACCHIO)-.


 


Intervista all’attore Renato Raimo

0 commenti

Abbiamo intervistato per voi in esclusiva l'attore Renato Raimo, protagonista della serie in onda su Rai 1 "Che dio ci aiuti". Renato ci racconta tutto sulla sua vita professionale e privata.

1Renato, com'è andata sul set di "Che dio ci aiuti"?
Clima piacevolissimo con attori di alto livello, giovani in crescita, figure d’esempio come Valeria Fabrizi.
Il tutto sapientemente diretto da Francesco Vicario.

2 – com'è Elena Sofia Ricci sul set e fuori dal set?
Come attrice l’ho sempre stimata moltissimo, conoscendola sul set viene fuori
tutta la sua determinazione.

3 – a quali altri progetti stai lavorando?
Adesso mi aspetta un doppio impegno teatrale. Porterò ancora in giro “La ragione degli altri” di Luigi Pirandello per la mia regia, mentre sono in cantiere “Silenzi di Guerra” dove interpreterò un soldato in trincea durante la grande guerra, , e poi la messa in scena di “Camera con Crimini” commedia brillante
sulla quale sto lavorando per formare una grande squadra con nomi d’eccellenza.
Per la televisione e il cinema sto aspettando che si concretizzino alcune proposte.

4 – ti manca Centovetrine?
Certo che sì. Mauro Zanasi aleggia intorno a me. Me lo ricorda l’affettuoso pubblico che in giro per l’Italia mi chiede “ma quando torna Zanasi”. Ed è un pubblico assolutamente variegato di età , sesso, e tipologie.
Sarebbero molto felici di un mio ritorno, e lo sarei anch’io naturalmente.

5 – cosa pensi del successo di tutte queste serie spagnole?
Ricordo con nostalgia le prime telenovelas, sono maestri in questo, credo tra l’altro abbiano fatto un salto anche nella modalità di sviluppo delle storie. Il pubblico è molto preso mi sembra. Come addetto ai lavori mi chiedo però se ci sia un equo scambio tra le possibilità che noi diamo a loro e le opportunità a noi riservate.

6 – come va in Polonia, dopo tante soddisfazioni?
Il popolo polacco è fantastico, allegro e sensibile allo stesso tempo. I contatti sono costanti e sperò presto di poter ritornare sul set.

7 – La tua famiglia, le tue ragazze? hai due figlie..come va?
Superate le fasi adolescenziali direi che navighiamo in acque più tranquille. Siamo una squadra, e anche se troppe volte pesa la maggioranza del sesso femminile con tutto ciò che questo comporta, al momento delle decisioni importanti ognuno cerca di lavorare per l’altro. Non mancano le discussioni, ma molti sono i momenti di condivisione sereni.


8 – cosa guardi al cinema e in tv in questo periodo?
Settembre e ottobre sono stati molto intensi quindi non ho potuto godere di momenti di relax, ma l’obbiettivo di quest’anno è di rubare tempo per tornare al cinema, con i pop corns.. Sto seguendo da vicino il festival di Roma anche per questo. In Tv? Che Dio ci aiuti 3…non perdo una puntata!

9 – un sogno da realizzare?
Ho un progetto cinematografico a cui sto lavorando in maniera diretta. Più che un sogno è diventata una volontà condivisa, la location? La mia Pisa.

10 – tra aggettivi per descriverti?
romantico, determinato, sognatore con i piedi per terra

( Artista proposto dalla MassMedia di Sante Cossentino e Stefano Telese)


Pagina 4 di 115« Inizio...«23456»...Fine »