segui LMN:     


ICIM OTTIENE L’ACCREDITAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DEI SERRATURIERI E DEI TECNICI DI CASSEFORTI PROFESSIONISTI

0 commenti

È il primo ente italiano accreditato secondo la norma UNI 11557

e ha già certificato i primi serraturieri associati ERSI.

 

Cresce la richiesta di sicurezza, soprattutto da parte dell’utenza domestica, e aumenta

la ricerca di professionisti in grado di consigliare le giuste soluzioni tecniche ed economiche.

 

Milano, 29 aprile 2015 - ICIM, ente di certificazione indipendente, ha ottenuto l’accreditamento per la certificazione dei serraturieri e dei tecnici di casseforti. È il primo organismo di certificazione italiano accreditato da Accredia secondo la UNI 11557, una delle norme sviluppate in base alla legge 4/2013 per disciplinare le figure professionali non regolamentate, ovvero i moltissimi professionisti per i quali non esistono albi o collegi e che non hanno un riconoscimento a livello legislativo, né un’equipollenza dei titoli a livello internazionale.

In particolare, la norma UNI 11557 risponde a un’esigenza di tutela e riconoscimento delle competenze per tutti i serraturieri e tecnici di casseforti ma anche di tutela per i clienti – privati e non – che devono poter rivolgersi a esperti competenti e preparati nell’applicazione civile e industriale di serrature e mezzi forti, nel rispetto del codice etico e del principio di riservatezza.

Leader indiscusso nella certificazione di prodotti e componenti per il settore della sicurezza antieffrazione, ICIM ha già certificato 30 serraturieri durante le prime sessioni di esame organizzate presso ERSI – Esperti di Riferme e Serrature Italia, l’unica associazione in Italia nel settore dei serraturieri – qualificata da ICIM come prima sede di esami in Italia secondo la UNI 11557.

ERSI – associazione senza fini di lucro che raggruppa quasi 200 soci tra i maggiori esperti del settore sicurezza passiva – aveva già lavorato con ICIM alla definizione di uno schema di certificazione – anche questo su base volontaria – ravvisando la necessità di far qualificare il servizio di “serraturiere” da un ente indipendente secondo standard elevati che tenessero conto delle procedure di lavoro, dell’adeguatezza delle attrezzature e della qualità dell’assistenza al cliente. Allo schema si affianca ora la norma UNI 11557 che mira a certificare le competenze dei professionisti (serraturieri e tecnici di casseforti), ai quali si richiede una qualifica certificata per garantire la sicurezza dei beni (security) e della persona (safety).

La richiesta di maggiore sicurezza arriva, oggi, soprattutto dall’utenza domestica ma è cresciuta negli ultimi anni anche da parte di aziende, enti ed istituzioni. Si allarga anche l’esigenza di competenze specifiche, ovvero di professionisti che siano in grado di consigliare, caso per caso, quali soluzioni adottare dal punto di vista tecnico ed economico.

“Ancora una volta ICIM conferma la sua leadership ottenendo, prima in Italia, l’accreditamento per una norma che, al pari di ciò che è accaduto in altri settori, diventa una base di riferimento certa perché il mercato possa contare su competenze professionali certificate in modo oggettivo – dice Gaetano Trizio, amministratore delegato ICIM S.p.A. – La risposta alla maggiore esigenza di sicurezza è la certificazione, oggi possibile in Italia esclusivamente a cura di ICIM, che garantisce la professionalità del serraturiere distinguendola da quella del fabbro”.

Dice Rocco Fusillo, Presidente di ERSI: “Siamo i primi in Europa a essere riusciti a rendere possibile il riconoscimento e la valorizzazione della figura professionale del Serraturiere e del Tecnico di Casseforti, e dobbiamo esserne fieri e onorati. Oggi il serraturiere professionista è colui che, mettendo a frutto le sue conoscenze e competenze specifiche, è in grado di fornire, secondo regole deontologiche precise, un servizio di qualità agli utenti privati e alla clientela professionale. La legge 4:2013 e la norma di riferimento UNI 11557:2014 sono garanzia di maggior tutela, sia per tutti coloro che esercitano una professione delicata come quella del serraturiere sia per i consumatori finali che avranno la garanzia di rivolgersi sempre a professionisti competenti, preparati e qualificati”.

I requisiti della UNI 11557 in termini di abilità e competenze sono definiti in conformità del quadro Europeo delle Qualifiche (EQF) e prevedono diversi profilitre per i serraturieri (junior, senior e maestro) e due per i tecnici di casseforti (domestici e professionali): un mix di conoscenze, competenze, abilità ed esperienza lavorativa che segna l’evoluzione di una professione, in passato considerata come una vera e propria arte.

 

CORSI DI FORMAZIONE PER IL CONSEGUIMENTO DELLA CERTIFICAZIONE SECONDO LA UNI 11557

ERSI organizza corsi di formazione di cui è possibile verificare il calendario sul sito www.ersi.it

Le sessioni di esame sono a cura di ICIM. Per maggiori informazioni www.icim.it

 

ICIM è un Ente di Certificazione indipendente che si rivolge a tutti i segmenti di mercato. In tema “security” ha sviluppato schemi di certificazione volontaria in accordo con le principali norme applicabili mirati a verificare le caratteristiche dei prodotti – serrature e cilindri, serrature di alta sicurezza, casseforti per uso privato, armadi corazzati, ecc. – diventandone un punto di riferimento in Italia e in Europa. Già leader nella certificazione industriale per meccanica e impiantistica, sistemi di gestione della qualità, ambiente e sicurezza sul lavoro, termoidraulica, è oggi dei più importanti esperti al mondo nella certificazione di sostenibilità, delle energie rinnovabili e dell’efficienza energetica (sistemi di gestione dell’energia, ESCo, Esperti in Gestione dell’Energia). Attraverso la certificazione delle figure professionali ICIM garantisce al mercato la presenza di operatori qualificati e l’armonizzazione delle competenze a livello europeo. Propone infine, attraverso i corsi della Fabbrica della Conoscenza, un’ampia offerta formativa per aziende e professionisti

www.icim.it

 

ERSI è un’associazione di professionisti che operano nel settore della sicurezza passiva. E’ l’associazione Italiana di riferimento per i serraturieri e i Tecnici di Casseforti, iscritta nell’elenco delle associazioni di professionisti del Ministero dello Sviluppo Economico che rilasciano l’attestazione di qualità.

Raggruppa i maggiori esperti del settore con il fine di valorizzare e migliorare le competenze degli associati, di offrire uno spazio di scambio e crescita professionale, di promuovere, sviluppare e qualificare il settore dei sistemi di chiusura, agevolando la scelta e la tutela degli utenti finali.

Svolge attività tecnica, scientifica e professionale volta a far progredire, sviluppare e perfezionare le tecnologie delle chiusure di sicurezza. Promuove, sviluppa e qualifica la formazione degli associati.

Rappresenta i Soci in sede nazionale ed internazionale, nell’ambito delle associazioni e Enti di riferimento, apportando una cultura altamente specializzata e favorendo l’istituzione e la promozione di sistemi di qualificazione e certificazione.

Apporta un tangibile contributo agli utenti finali, documentandoli ed orientandoli sulle problematiche generali e sulle specifiche soluzioni.

www.ersi.it

 

Per ulteriori informazioni:

Ufficio Stampa ICIM SpA

Dragonetti&Montefusco Comunicazione

Annachiara Montefusco T 02 4802 2325 M 339.7218836  montefusco@dragonettimontefusco.com

ERSI

Lucia Casiraghi

T 02 90724526

info@ersi.it


H2R – Hip Hop Revolution: torna l’evento di street dance più seguito del Nord Est

0 commenti

Padova chiama a raccolta tutti gli amanti dell’hip-hop per l’ottava edizione di “H2R – Hip Hop Revolution”, uno degli eventi di maggior spessore a livello nazionale e il più seguito del Nord-Est, organizzato dalla a.s.d. Stand Up Hip Hop School con il patrocinio del Comune di Campodarsego, del Comune di Cadoneghe e con la collaborazione dell’ente di promozione sportiva C.S.A.IN. L’Altaforum di Campodarsego (Padova) da sabato 9 a domenica 10 maggio vedrà protagonisti ospiti di livello internazionale e migliaia di giovani provenienti da tutta Italia – oltre 2.400 visitatori e 700 ballerini nel 2014 – che parteciperanno a workshop, concorsi e sfide di hip-hop.

Tra le novità di questa nuova edizione, che raddoppia con un denso programma di due giornate, la collaborazione in esclusiva per l’Italia con R16, tra gli otto eventi di hip-hop più importanti al mondo: in palio volo, hotel ed un posto nel tabellone dei top 16 ad “R16 Europe” che si terrà a Parigi il 27 giugno 2015. La gara all'ultimo passo di street dance però non finisce qui, molte le categorie e le borse di studio in palio: dal Contest Nazionale Coreografico Hip Hop (categorie New Generation, Junior, Senior) alle 1vs1 Hip Hop Battle e 3vs3 Mixed Style Battle. I ballerini in gara saranno osservati e valutati dai migliori ballerini al mondo: il canadese Dyzee, tra gli organizzatori di R16, il francese Joseph Go, il finlandese Ata e ancora dal Belgio Sponky Love e dall’Olanda Jake. Tra gli italiani confermate le presenze del campione del mondo Cico e poi Swan, La B. Fujiko.

Unico vero evento Hip Hop di Padova, H2R da anni si è ritagliato uno spazio importante nel calendario nazionale tra gli appuntamenti più attesi da giovani, meno giovani e grandi artisti accumunati dalla passione, dal colore e dall’energia della street dance. Professionalità e dedizione dell’Art Director dell’evento Emannuel Biasiolo sono la garanzia di un evento che di anno in anno riserva sempre nuove sorprese: collegamenti dal backstage, showcase e dj set nell’area open, shooting fotografici con un occhio di riguardo alla solidarietà ed ai messaggi costruttivi.

«L’obiettivo di questa nuova edizione – spiega Emannuel Biasiolo – è  avvicinare sempre più persone comuni, non appartenenti alla “nicchia” dell’hip-hop, dando loro la possibilità di scoprire un mondo giovane, fresco e positivo. Non è facile, ma è tanta la voglia di portare allegria e felicità anche solo per un giorno. Il mio motto? Creare Creare!».

                                                                                                                          

IL PROGRAMMA

L’ottava edizione di “H2R – Hip Hop Revolution” prenderà il via SABATO 9 MAGGIO alle ore 16.00 con il Contest Nazionale Coreografico Hip Hop per le tre categorie New Generation (fino a 12 anni), Junior (13-17 anni), Senior (sopra 18 anni). In giura Swan, Joseph Go, Jake, La B. Fujiko e in consolle il dj Sam Hutchy. Dopo le premiazioni (ore 20.30) la serata proseguirà con l’esibizione delle crew vincitrici. L'ingresso al pubblico sarà consentito a partire dalle ore 15.00, il biglietto d’ingresso è di 8 euro fino ad esaurimento posti.

H2R entra nel vivo nella seconda giornata di DOMENICA 10 MAGGIO con una doppia sessione di workshop che si alterneranno nel corso di tutta la mattinata a partire dalle ore 10.00. Al Palasport "Olof Palme" di Cadoneghe (PD)  si terranno i workshop B-Boy con Cico (Italia), Dyzee (Canada) e Ata (Finlandia); e ancora Joseph Go (Francia) per Hip-Hop e AfroHouse, La B. Fujiko (Italia) per il Waackin' e Swan (Italia) per il poppin’.

Per tutti gli appassionati l'evento si aprirà già nel pomeriggio dalle ore 16:00 con le eliminatorie a cui prenderanno parte tutte le crew iscritte per conquistare un posto nella finale serale. All’esterno del’AltaForum di Campodarsego gara all’ultimo passo di street dance per le 1vs1 Hip Hop Battle e 3vs3 Mixed Style Battle, in console Dj iCloud dalla Romagna, mentre all’interno B-Boys e B-Girls inizieranno le selezioni per “R16 Italy”. Uno spettacolo che ogni anno appassiona un pubblico di tutte le età, una giornata interamente ad ingresso gratuito (fino ad esaurimento posti) in cui respirare e toccare con mano l’allegria, l’energia e la positività dei tanti ballerini in gara e vivere il mondo della street dance appieno grazie nello spazio all’aperto allestito con dj-set e shooting fotografici. Come ospite in consolle direttamente dall'Olanda Dj Mr.Tee, il grande organizzatore di “The Notorious Ibe”, evento internazionale di Breakdance nei Paesi Bassi.

Alle 20.30 l’AltaForum si accende per i quarti, semifinali e finali; in palio borse di studio e un posto nel tabellone dei top 16 ad “R16 Europe” che si terrà a Parigi il 27 giugno 2015.

0Qc9mWZUvb8&fs=0&rel=0&autoplay=0&loop=0&egm=0&border=0&color1=0x2b405b&color2=0x6b8ab6&hd=1&showsearch=1&showinfo=1&iv_load_policy=1&cc_load_policy=0" width="425" height="355" wmode="transparent"> 0Qc9mWZUvb8&fs=0&rel=0&autoplay=0&loop=0&egm=0&border=0&color1=0x2b405b&color2=0x6b8ab6&hd=1&showsearch=1&showinfo=1&iv_load_policy=1&cc_load_policy=0" />

Per tutte le informazioni sulle iscrizioni a workshop e contest:
visitare il sito ufficiale www.h2r-hiphoprevolution.com

 

CONTATTI E INFORMAZIONI
Asd Stand Up Hip Hop School | H2R-HIP HOP REVOLUTION
E-mail: h2r.revolution@gmail.com
Cell phone: +39 348 6545367
WebSite: www.asd-standup.it | www.h2r-hiphoprevolution.com


CONFERENZA A CORMANO: “DEFICIT DELL’ATTENZIONE DISTURBI DELL’APPRENDIMENTO – PREVENZIONE O PROPAGANDA?”

0 commenti

Cormano (MI) – Martedì 28 aprile 2015 ore 20:30, presso il Centro Culturale AS.P.E.A.  del Comune di Cormano in Via Leonardo da Vinci 68, il Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani terrà una Conferenza dal titolo: "DEFICIT DELL’ATTENZIONE DISTURBI DELL’APPRENDIMENTO  – PREVENZIONE O PROPAGANDA?”

Relatori:

Alberto Brugnettini – fisico, membro del Consiglio Direttivo CCDU,
parlera' di: "adhd, basi scentifiche e campagna di marketing" ;

Antonella Marzaroli, insegnante di scuola primaria con esperienza trentennale che parlerà del ruolo della scuola e dell'insegnante con consigli pratici per aiutare i bambini.

Ingresso Libero

Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani
Email info@ccdu.org
www.ccdu.org


OGNI SCUSA E BUONA

0 commenti
Questa mattina parlerò di uno degli nemici del successo… Le Scuse.
 
Pensate un po a tutte le scuse che troviamo pur di non fare quello che dobbiamo. In quei momenti dobbiamo sapere che la nostra immaginazione sta al massimo della sua efficienza.
 
Anche il più scarso utilizzatore dell'immaginazione riesce a fare dei capolavori.  Un giorno alla radio stavo ascoltando alcune scuse comiche ed ovviamente non utilizzabili in nessun caso però tramite queste vorrei farvi capire una cosa.
Vediamone un paio che me le ricordo:
 
Non voglio venire perché mi si è addormentato il piede e mi spiace svegliarlo
Oppure
Non voglio uscire perché siccome non piove non mi spiace lasciare l'ombrello a casa da solo
 
Come ho già detto prima, queste scuse sono a fine comico ma se osserviamo le nostre di scuse da un altro punto di vista, vedremo che anche esse possono farci ridere.
 
Per esempio, saltare una giornata all'università può causare:
 
  • perdere il filo delle lezioni e non riuscire a capirli da solo
  • far arrabbiare il professore
  • quindi non passare l'esame
Il risultato sarebbe quello di stressarci il doppio e studiare intensivamente altre due settimane per prepararci all'esame.
 
Saltare un giorno di lavoro fingendo di star male può causare:
  • Accumulo eccessivo di lavoro
  • Ritardo consegna della documentazione
  • Penalità per il ritardo
 
Saltare un giorno di lavoro quando si ha un'azienda può essere ancora più grave. Questo perché quando si ha un'azienda o anche uno small business c'è una cosa che in pochi sanno.
 
Ogni giorno di lavoro segna un coefficiente di crescita. 
 
Praticamente quello che si fa quando si ha un'azienda è far crescere il più possibile questo coefficiente o nel caso stia andando giù, cercare di trattenerlo il più possibile.
 
Se noi perdiamo un giorno di lavoro in questo campo, quello che ci troviamo è:
  • nel migliore dei casi un coefficiente positivo minimo per inerzia
  • oppure un pessimo coefficiente negativo
Sia nel primo così anche nel secondo la tendenza è la stessa… perdita.
 
Ed il peggio è che questo avrà effetto su tutti i giorni a seguire perché nella crescita di un'azienda, i coefficienti di tutti i giorni si moltiplicano l'uno con l'altro per dare poi il coefficiente di crescita annuale o storico.
 
Non è strano calcolare che per un semplice capriccio,  a fine anno ci si sia incassato il 10% in meno specialmente se le giornate mancate sono posizionate all'inizio del progetto. Provate a fare un calcolo per vedere quanto può incidere nella vostra azienda. Nel caso qualcuno non sappia farlo, può lasciarmi un commento per chiedermelo.

 

 
Ma la cosa peggiore ancora, che include tutti gli esseri umani, è che la vita stessa è un business. Bisogna crescere ogni giorno. Quello che facciamo con le nostre esperienze oppure con lo studio è semplicemente cercare di aumentare il coefficiente di crescite quindi…
 
Ditemi ora se le nostre scuse, qualunque esse siano, sono o non sono comiche.
 
MA, anche se il finale sembra drastico per ogni scusa, la buona notizia c'è.
 
Le scuse le inventiamo tutti senza escludere nessuno. Fanno parte dell'essere umano e non riusciremo mai a toglierle del tutto. Per avere più successo nella vita, l'unica cosa da fare è di capire perché le inventiamo, in quali casi le pratichiamo di più e come organizzarle o indirizzarle?
 
Ecco questo "esame di coscienza" sarebbe molto utile per ogni persona perché installerebbe un "allarme" in ognuno di noi qualsiasi volta ci troviamo d'avanti ad una situazione che ci predispone per inventarne una. Diventando coscienti di questo processo riusciamo a fermare il pilota automatico (il quale ci farebbe inventare una) e iniziamo a vedere una determinata situazione dandole il giusto valore e calcolandone le conseguenza.
 
Ovviamente non riusciremo a farlo sempre, ma almeno ne approfitteremo di tante situazioni che diversamente sarebbero finite con risultati di crescita negativi.
 
Ma le scuse possono derivare anche da una mal'organizzazione personale. Per esempio, se noi ci carichiamo di lavori pesanti tutto il giorno senza fare le giuste pause ed usando le giuste misure, è molto facile finire per tollerare i compiti di sera ed inoltrarli ad un altro giorno grazie alla mancata voglia causata dalla stanchezza.
 
Per questo motivo, quando si fa la pianificazione di una giornata, è molto importante puntare ad obiettivi realizzabili, usare mezzi di controllo, prendere le giuste pause e cibarsi con giusti alimenti che riescono a darvi le energie necessarie per affrontare tutta la giornata.
 
Alcuni motivi che causano giustificazioni per non fare un lavoro utile possono essere:
 
Ore piccole
malnutrizione
mancata pianificazione
mancata organizzazione del tempo
obiettivi irraggiungibili
mancata informazione
poca attività ( causa pigrizia)
poca stimolazione
etc…
 
Come ho già detto non sarà possibile diventare iperattivi in tutto però possiamo cercare di diminuire l'inefficienza nella direzione che più ci sta a cuore.
 
Ci vediamo al prossimo post


Inaugurazione delle 25 abitazioni autocostruite a Villaricca.

0 commenti

“L’housing sociale è una scelta che consacra il diritto alla casa, che offre una soluzione alla difficoltà di permettersi un alloggio, che responsabilizza chi ne può usufruire e che garantisce inclusione sociale”. Queste le parole di Flora Beneduce, consigliere regionale della Campania e vice presidente della commissione che si occupa di Affari istituzionali, all’inaugurazione di uno dei progetti pilota in Italia di cantiere sociale. L’idea è stata realizzata grazie alla collaborazione tra il comune di Villaricca, la regione Campania e la cooperativa Alisei, che promuove l’housing sociale, attraverso la metodologia dell’autocostruzione. Venticinque le famiglie vincitrici di bando hanno costruito la propria casa, diventando operai edili nel loro tempo libero.

“Offrire alloggi e servizi abitativi a prezzi contenuti ai cittadini con reddito medio basso, che non riescono a pagare un affitto o un mutuo sul mercato privato ma non possono accedere ad un alloggio popolare, è l’obiettivo  dell’housing sociale – spiega l’onorevole Beneduce -.  Intanto, è di qualche giorno fa la notizia che un provvedimento statale, già registrato, finanzia il programma di riqualificazione e recupero degli alloggi di edilizia residenziale pubblica, con circa 470 milioni euro. Questo stanziamento rientra in un progetto nazionale che intende occuparsi, appunto, del diritto all’abitazione. L’esperienza di Villaricca, in questo contesto, diventa un modello, anche per la regione Campania”.

A febbraio, la regione Campania sottoscritto quattro convenzioni relative ai programmi di housing sociale, che riguardano i comuni di Atripalda, Avellino, Casalnuovo di Napoli e Castellammare di Stabia.  Gli interventi, che afferiscono al Piano Nazionale di Edilizia Abitativa, cofinanziato dal Ministero delle Infrastrutture, offriranno la possibilità di affitto, per un periodo minimo di 10 anni fino ad oltre 25 anni, di 246 alloggi, e l’acquisto a prezzo convenzionato, non superiore cioè al costo di costruzione, di 133 abitazioni.

“La Regione investe in questo Piano 28,3 milioni di euro – conclude Flora Beneduce – . Ogni cittadino deve poter vivere dignitosamente. E non c’è dignità senza la disponibilità di una casa. L’inaugurazione di oggi riduce il gap tra le esigenze reali delle cittadinanza e le istituzioni. Villaricca ha dimostrato che la collaborazione tra gli enti e i cittadini può cambiare la vita a molte famiglie. Il sogno di una casa oggi non è più tanto lontano”.



Slick Steve and the Gangster, dal 21 Aprile nei negozi l’Album “On Parade”

0 commenti

Slick Steve and the Gangster, dal 21 Aprile nei negozi l'Album “On Parade”

 

“On Parade” è il titolo del secondo album dei Slick Steve and the Gangsters, rivela le intenzioni del gruppo di voler continuare ad evolversi,

prendendo ispirazione dalla musica del passato aggiungendoci nuove sonorità e concetti.

Le sonorità, appunto, sono genuine, pure e sincere, e aiutano a proiettare chi ascolta il disco nei luoghi descritti dai vari brani.

I testi sono fantasiosi, a volte iperdescrittivi, contraddistinti dalla passione del cantante per storie strane e fantastiche, le arti magiche e per il circo.

La musica è un matrimonio tra diversi stili, ma per lo più prende ispirazione dallo Swing, il Rhythm'n Blues e il Rock’n Roll.

Ogni canzone è un mondo a se ed è contraddistinta dal suo stile particolare. Questa apparente “multi personalità” del gruppo, in realtà rivela grande coesione ed affiatamento.

Uno stile ben definito. Lo stile unico di Slick Steve and the Gangsters.

L’album è uscito sotto le etichette “Go Down Records e Latlantide” ed è stato prodotto e registrato da Alessandro “Asso” Stefana negli studi della Perpetuum Mobile a Nave (BS), tra il gennaio e il marzo del 2015.

È stato successivamente mixato da Gianfranco Fiorenzi in collaborazione con Alessandro “Asso” Stefana e masterizzato da Andrea Suriani negli studi dell’Alpha Dept. di Bologna.

La collaborazione con “Asso” è stata preziosa e produttiva per la band e il risultato è stato un vero e proprio salto di qualità rispetto all’album debutto. 

“Asso” musicista eclettico, produttore, arrangiatore (chitarrista di Vinicio Capossela e fondatore dei Guano padano), ha accompagnato la band durante tutto il lavoro, dando una forte impronta al disco grazie alla sua spiccata personalità.

In oltre non si sono fatti mancare anche amici musicisti e ospiti, infatti suonano nell’album:

l’immancabile David Hogan (saxofono, tromba e clarinetto), Vincenzo Vasi (musicista e suonatore di Theremin di fama internazionale), Valeria Sturba (violini) e infine il mitico Enrico Gabrielli (Calibro 35) in veste di arrangiatore per le parti di violino.

 

Tracking List Album "On Parade" Slick Steve and the Gangster:

 

  1. MY STYLE (OPENING NIGHT)    (Hogan Stephen)
  2. THE OTHER SIDE OF TOWN    (Hogan Stephen)
  3. HOLLYWOOD FEVER    (Hogan Stephen)
  4. STEAM WHISTLE    (Hogan Stephen)
  5. THE HEIST    (Hogan Stephen)
  6. SPRING HEELED JACK    (Hogan Stephen)
  7. CORCKSCREW    (Hogan Stephen)
  8. THE KEEPER OF THE ZOO    (Hogan Stephen)
  9. VOODOO CLOWN    (Hogan Stephen)
  10. LUCKY MOUSE    (Hogan Stephen)

 

 

Biografia

 

Quartetto esplosivo formato nel 2011 a Brescia. L’idea è nata da Slick Steve (alias Stephen Hogan), cantante e showman madrelingua inglese e Alle B.Goode, giovane e talentuoso chitarrista riconoscibile per il suo stile Rock’n Roll.

A sostenere la sezione ritmica si sono aggiunti, in seguito, due abili artisti bresciani: Michele Zuccarelli Gennasi (batteria) e Pietro Ettore Gozzini (contrabbasso).

Ad arricchire la formazione con strumenti a fiato, spesso si aggiunge il polistrumentista David Hogan (cugino di Slick Steve), talentuoso musicista dello Yorkshire (UK).

Il “quinto gangster” aggiunge extra carica allo show dividendosi tra saxofono, tromba e clarinetto.

Il progetto è basato su una consapevole contaminazione artistica tra sonorità vintage e moderne, Swing, Rock’n Roll e performance circensi, che spaziano dalla magia alla giocoleria.

L’ asso nella manica del gruppo è lo spettacolo dal vivo, che riesce a trasformare un evento musicale in un vero e proprio “show” d’altri tempi!

La band licenzia l’omonimo disco d’esordio nel 2013 registrato a Savignano sul Rubicone nei GO DOWN STUDIOS, e vede la luce appunto per l’omonima label.

Il disco raggiunge un numero ragguardevole di copie vendute, molto grazie all’incredibile mole di concerti sostenuta dalla band. È appunto in sede live che la band raggiunge il proprio apice.

Non solo r’n’r, come detto, ma anche molti momenti introspettivi e sperimentali, segnando un immaginario asse tra Tom Waits e Jack White.

Nei successivi 2 anni la band intraprendo un imponente tour avvicinandosi a quasi 200 date tra Italia e Germania.

A fine 2014 la band si prende una pausa dall’attività live per lavorare al nuovo disco. Si individua in Alessandro “Asso” Stefana la persona ideale per tramutare le nuove idee e direzioni stilistiche in musica concreta!

Ed è amore! Asso, musicista e produttore dalle note capacità, spreme i ragazzi e lavora con loro estrapolando la vera anima dei Gangsters!

Ad aprile 2015 vede la luce “ON PARADE” (Go Down Records-Latlantide) il DISCO (in maiuscolo) di Slick Steve & the Gangsters! Incredibile disco dalle mille sfaccettature, si denotano pezzi più noir ed intimi fino ad esplosioni di energia.

Un immaginario che va da Tom Waits a Jack White, passando per gli Stray Cats e con radice roots blues, swing e jazzy.


Pagina 4 di 122« Inizio...«23456»...Fine »