segui LMN:     

AL JOY DI MILANO, LUNEDI’ 28 NOVEMBRE, ALL’INTERNO DELLA NUOVA RASSEGNA DI CABARET… STAND UP – COMICI GIA’ IN PIEDI AL LUNEDI’… CARLO GIUFFRA — ARGEO LONGHITANO

0 commenti

LUNEDI' 28 NOVEMBRE

AL JOY DI MILANO

STAND UP – COMICI GIA' IN PIEDI IL LUNEDI'

 

 

CARLO GIUFFRA — ARGEO LONGHITANO

La razionalità e la follia estrema racchiusi in una sola serata

 

 

VIA VALVASSOR PERONI 56

MILANO

 

inizio alle ore 21,30

ingresso con sottoscrizione libera

 

Il Joy, locale che col tempo sta prendendo sempre più importanza, grazie alla sua capacità di essere multifunzionale per giovani e meno giovani e alla vicinanza (che spesso diventa gemellaggio) di strutture bibliotecarie e teatrali, cercherà di proporre quest'anno anche l'umorismo come forma d'arte.

La direzione di comicità scelta non poteva che essere  la forma comica più “nuova” (benché con radici lontanissime) che sta prendendo piede in tutta Italia e principalmente a Roma, Milano e Bologna: la stand up Comedy. Questo “movimento”, la cui rinascita ha un paio d'anni d'età, ha ripreso in mano la logica degli spazi ristrettissimi e della trinità che sta alla base del cabaret “comico-microfono-pubblico”: niente mascheramenti, niente “tormentone”, niente trucchetti televisivi. Solo storie molto divertenti, spesso trasgressive (linguaggio e tematiche sono fortemente adulti, e proprio qui sta la presa di distanza dall'omogeneizzata comicità televisiva) recitate principalmente da giovani e da qualche ottimo antesignano. Il comico stand up racconta di tutto, pubblico e privato, il razzismo e la paura di invecchiare, l'ISIS e i problemi dell'università, la politica e le droghe. Non ci sono argomenti tabù, anzi i tabù sono tirati in ballo con lo scopo di essere infranti e distrutti.

Le serate sono presentate da Dado Tedeschi, stand up della vecchia guardia (trent'anni di carriera sulle spalle), anche organizzatore della rassegna insieme con Francesca Terzoni.


Cercare i migliori negli sgomberi Lecco e provincia

0 commenti

Una delle curiosità di Lecco è che è stata insignita del titolo di Città alpina dell’anno 2013. Lecco e provincia inoltre, godono di bellezze naturali e architettoniche di grande spessore e interesse. Meno cara di Como, però con panorami simili, itinerari e degustazioni di prodotti locali a deliziare i visitatori. Servizi studiati per catapultare il visitatore nei luoghi familiari di Alessandro Manzoni e Giuseppe Parini. Un trasloco non è uno scherzo e non è facile da organizzare. Non importa se si tratta di un single, di una famiglia, di una coppia di anziani o di una vera e propria azienda. Ogni ditta trasloco a Lecco sarà in grado di rispondere positivamente ad ogni richiesta dei potenziali clienti. Il momento non è dei migliori e non sempre ci si può permettere di spendere grosse cifre. Le ditte di sgomberi di Lecco hanno riferito che vengono chiamate per sgomberare case e appartamenti per conto di banche e ufficiali giudiziari a causa di pignoramenti e sfratti. Per non perdere la clientela e non pesare sul budget, molte aziende lecchesi che si occupano di traslochi scelgono di erogare il servizio di sgombero a titolo gratuito.

 

Sgomberi Lecco, come operano i migliori professionisti

 

 

Che sia un trasloco a Milano o a Lecco cambia poco. Trasferirsi comporta dei cambiamenti e la prima cosa di cui ci si deve occupare è trovare dei professionisti dello sgombero. Pacchi e nastro da imballaggi diventeranno sicuramente uno dei peggiori incubi di chi è in procinto di trasferirsi da o verso Lecco. Ogni azienda di sgombero lecchese è qualificata ed eroga servizi eccellenti. Per trovare le migliori a pagamento, o se si sta cercando una ditta di sgomberi lecchese gratuita, è bene affidarsi a Internet. Si possono visionare gli annunci nei vari forum e pagine Internet dedicate, oppure consultare le Pagine Gialle. Si consiglia di contattare l’azienda tramite telefonata e concordare un sopralluogo o inviare foto dettagliate del locale da svuotare. Informarsi bene sui servizi a pagamento (alcuni applicano un sovrapprezzo per smontare e rimontare i mobili) e chiedere se saranno loro ad occuparsi dell’eventuale smaltimento.


Come realizzare una nail art gel

0 commenti

La nail art non passa mai di moda e non smette mai di affascinare e di catturare nella sua rete ragazze e donne di qualsiasi età. La nail art gel permette una personalizzazione senza limiti e consente di accontentare tutti i gusti. Con la nail art gel è possibile venire incontro ai gusti più tradizionali e a quelli più eccentrici.

Nail art gel per tutti i gusti

Le nail artist da tutto il mondo diventano famose in rete, e non solo, per realizzare fantastiche nail art che sono delle vere e proprie opere d'arte realizzate sulle unghie. Ma il bello della nail art gel è anche che pure le principianti possono cimentarsi a realizzare la propria nail art: certo, il risultato non sarà lo stesso, ma ci vuole pratica. Si può comunque realizzare qualcosa di grazioso e ben fatto.

Quello che serve è una lampada UV, lima in microcristalli, gel monofasico, cleaner, primer, pennellino e qualcosa per decorare (glitter, applicazioni, strass…). Il primo passo da compiere è preparare le unghie alla nail art: pulirle, eliminare le cuticole, limarle… Quindi stendere il primer e il gel…e a questo punto mettere le mani nella lampada per circa due minuti; infine decorare le unghie a proprio piacimento, lasciarle asciugare nella lampada, stendere il gel sigillante e rimettere le mani nella lampada per fissare il lavoro appena completato. 

 

Le mani sono il nostro biglietto da visita, le unghie sono ormai sempre più al centro dell'attenzione, non meno del trucco sul volto e dei capelli. Con la nail art gel è possibile sbizzarrire nel vero senso della parola la propria fantasia e scatenarsi con nail art colorate, eccentriche oppure classiche, sobrie ed eleganti, a seconda dei propri gusti, della propria personalità e dell'occasione in cui si andranno a sfoggiare le proprie unghie sempre impeccabili, grazie alla nail art gel!


Consigli utili: come cercare i migliori negozi di arredamento a Roma

0 commenti

Sei alla ricerca di un negozio particolare di arredamento a Roma, ma non sai dove andare? In realtà, la capitale è ricca di shop dedicati proprio all'interior design. Ecco alcuni consigli utili per scegliere il negozio più vicino alle vostre esigenze.

 

Prima di iniziare, però, è opportuno ricordare che tutte le città (e i paesi più piccoli) sono caratterizzate da negozi più o meno  grandi dedicati all'arredamento. Roma, ovviamente, non fa eccezioni. Il dubbio è solo uno: come si può scegliere in modo corretto il negozio di arredamento a Roma più idoneo per le nostre esigenze?

 

Scegliere i negozi di arredamento a Roma: ecco alcuni consigli utili

 

La situazione è comune a molte coppie: state arredando casa, e siete alla ricerca di un mobilificio. La domanda, quindi, scatta in modo automatico: dove trovo negozi  di arredamento a Roma? La capitale, ovviamente, ve ne offrirà numerosi. Per non parlare della Rete: qualsiasi motore di ricerca, infatti, può indirizzarvi verso un mobilificio piuttosto che verso un altro.

 

Per evitare confusione, oppure giri inutili, c'è solo un modo: se siete alla ricerca di un negozio di arredamento a Roma, vi consigliamo di appoggiarvi ad amici e parenti. Qualcuno che si trova all'interno della vostra cerchia, forse, avrà già arredato la propria casa, e saprà darvi consigli precisi e preziosi.

 

Se così non fosse, non disperatevi: i vostri familiari avranno degli amici. Provate ad informarvi presso di loro: qualcuno vi saprà sicuramente indirizzare verso il negozio di arredamento più vicino a voi. Non solo: il passaparola tra vicini è sempre lo strumento più efficace per non sbagliare.

 

Avete sentito commenti negativi? Evitate quel mobilificio. Eppure, se la vostra curiosità vi spinge a “tentare la sorte”, abbiate l'accortezza di non perderci troppo tempo: le esperienze (positive o negative) degli altri devono esservi d'aiuto al fine di non cadere negli stessi sbagli.

 

 

Insomma, armatevi di pazienza, e sguinzagliate amici e parenti alla ricerca di un negozio di arredamento a Roma. Ricordatevi, infatti, che il passaparola  resta (e probabilmente lo sarà per sempre) la migliore pubblicità possibile. 


L’importanza delle maschere a Carnevale

0 commenti

Si dice che l'essere umano ogni giorno porta una maschera per nascondere il suo vero se. A Carnevale lo fa in modo palese e certamente in un modo più allegro, scanzonato e spensierato. Non appena si nomina il Carnevale il pensiero corre alle maschere: semplici, raffinate, eleganti, essenziali, ci sono maschere di vario tipo e per tutti i gusti, da adattare al proprio costume di Carnevale e ad ogni occasione di festa.

Maschere di Carnevale per tutti i gusti

Impossibile non restare incantati di fronte alle maschere veneziane: al Carnevale di Venezia si sfoggiano le classiche maschere veneziane bellissime, raffinate ed eleganti, delle vere e proprie opere d'arte elaborate e fini. Si associano ai vestiti di Carnevale altrettanto sontuosi, che tuttavia perderebbero qualcosa se non ci fossero queste maschere grandiose ad accompagnarli. Da qui possiamo comprendere molto facilmente l'importanza delle maschere per la buona riuscita di un travestimento e costume di Carnevale. Indossare una maschera può essere utile anche se state preparando un bello scherzo di Carnevale ai danni dei vostri amici.

La maschera sarà vostra complice. Se siete particolarmente creativi e amate i lavori manuali, potreste anche divertirvi a creare la vostra maschera di cartone o di cartapesta, con i colori e le decorazioni che preferite. In questo modo il livello di personalizzazione sarà massimo. Se avete bambini, sarà molto divertente e anche istruttivo coinvolgere anche loro in questa attività.

 

 Si fa presto a dire maschere, ma il mondo delle maschere è davvero sconfinato: in commercio potete trovare maschere eleganti o essenziali, maschere spiritose, maschere mostruose e spaventose, maschere di carnevale con animali… Potete personalizzare la vostra maschera aggiungendo decorazioni, colori, glitter, pendenti… Sta solo a voi scegliere la maschera più adatta per il travestimento e costume che avete scelto per divertirvi a Carnevale!


AL JOY DI MILANO, LUNEDI’ 21 NOVEMBRE, ALL’INTERNO DELLA NUOVA RASSEGNA DI CABARET… STAND UP – COMICI GIA’ IN PIEDI AL LUNEDI’… SOFIA GOTTARDI — ANDREA SALERI

0 commenti

LUNEDI' 21 NOVEMBRE

AL JOY DI MILANO

STAND UP – COMICI GIA' IN PIEDI IL LUNEDI'

 

SOFIA GOTTARDI — ANDREA SALERI

Fanno coppia anche nella vita, eppure non c'è nulla che potrebbe essere più “diverso” sulla pedana

 

 

VIA VALVASSOR PERONI 56

MILANO

 

inizio alle ore 21,30

ingresso con sottoscrizione libera

 

Il Joy, locale che col tempo sta prendendo sempre più importanza, grazie alla sua capacità di essere multifunzionale per giovani e meno giovani e alla vicinanza (che spesso diventa gemellaggio) di strutture bibliotecarie e teatrali, cercherà di proporre quest'anno anche l'umorismo come forma d'arte.

La direzione di comicità scelta non poteva che essere  la forma comica più “nuova” (benché con radici lontanissime) che sta prendendo piede in tutta Italia e principalmente a Roma, Milano e Bologna: la stand up Comedy. Questo “movimento”, la cui rinascita ha un paio d'anni d'età, ha ripreso in mano la logica degli spazi ristrettissimi e della trinità che sta alla base del cabaret “comico-microfono-pubblico”: niente mascheramenti, niente “tormentone”, niente trucchetti televisivi. Solo storie molto divertenti, spesso trasgressive (linguaggio e tematiche sono fortemente adulti, e proprio qui sta la presa di distanza dall'omogeneizzata comicità televisiva) recitate principalmente da giovani e da qualche ottimo antesignano. Il comico stand up racconta di tutto, pubblico e privato, il razzismo e la paura di invecchiare, l'ISIS e i problemi dell'università, la politica e le droghe. Non ci sono argomenti tabù, anzi i tabù sono tirati in ballo con lo scopo di essere infranti e distrutti.

 

Le serate sono presentate da Dado Tedeschi, stand up della vecchia guardia (trent'anni di carriera sulle spalle), anche organizzatore della rassegna insieme con Francesca Terzoni.


Pagina 3 di 146«12345»...Fine »