segui LMN:     

Alla diciassettesima edizione de LO SPIRITO DEL PIANETA di Chiuduno (BG) suoneranno live i MILLADOIRO – venerdì 26 maggio

0 commenti

LO SPIRITO DEL PIANETA

Diciassettesima edizione

L’unico festival tribale indigeno in Italia

@ Polo Fieristico – Chiuduno (BG)

Via Martiri della Libertà

 

Venerdì 26 maggio

Milladoiro

 

Il programma della serata

ore 19.00: – Apertura del centro

ore 20.00: – Inaugurazione: Accensione del Fuoco Sacro (parco)

- Conferenza: Naturalmente, incontrarsi, partecipare, coinvolgere, organizzare (palazzetto)

ore 20.45: – Conferenza: l’Assemblea dei Popoli Indigeni (palco principale)

ore 21.15:Concerto del gruppo Milladoiro (Galizia, Spagna) (palco principale)

ore 21.45: – Canti e danze del gruppo Donne dell’Era Rovetta (Bergamo) (palazzetto)

ore 22.00: – Incontro con gli Apache (parco c/o spazio conoscenza)

Ingresso libero

Presente struttura al coperto che garantirà la realizzazione degli spettacoli anche in caso di maltempo

 

Orari di apertura del centro

Sabato: ore 17.00

Domenica: ore 12.00

Tutti i giorni feriali: ore 19.00

 

INFOLINE

ASSOCIAZIONE CHICUACE IN TONIATIUH SESTO SOLE(BG)

Via Donizetti, 112 – 24030 Brembate Sopra (BG)

Cell: 347 5763417

- info@lospiritodelpianeta.it

- www.lospiritodelpianeta.it

 

     MILLADOIRO

I Milladoiro sono un gruppo di musica folk galiziano, formatosi sul finire degli anni settanta dall'unione del gruppo tradizionale di Faiscas do Xiabre con i musicisti Antón Seoane e Rodrigo Romaní.

Dall’incontro tra la musica medioevale e la tradizionale musica folk celtica, i Milladoiro hanno creato un sound unico chiamato "folk da camera".

 

La visione originale che ha condotto alla formazione dei Milladoiro è stata concepita dal multi-strumentalista jazz e storico della musica Xose A. Ferreiros nel novembre del 1978.

 

Formato da ex-studenti dell'Università di Santiago di Compostela, il gruppo ha raccolto il suo vasto repertorio da antichi manoscritti e spartiti.

Hanno poi però continuato a basare il proprio approccio alla musica su altri gruppi musicali di tendenza celtica.

In un'intervista Rodrigo Romani ha spiegato: "Quando iniziammo volevamo fare ciò che i Chieftains o The Bothy Band stavano realizzando per la musica irlandese, o Alan Stivell per la musica bretone".

 

Rodrigo Romaní e Antón Seoane nel 1978 pubblicano l'album Milladoiro cercando di combinare strumenti e sonorità venendo premiati dalla critica nello stesso anno.

 

Acquisendo i componenti del gruppo Faiscas do Xiabre, nell'anno successivo nasce l'album A Galicia de Maeloc.

 

Tra gli altri album ricordiamo: Solfafria, del 1984, il quale è stato registrato a Dublino con la partecipazione di Paddy Moloney dei The Chieftains; Galicia no pais das maravillas, del 1986, colonna sonora del film “La mitad del cielo”, grazie al quale il film vinse il premio Goya per la miglior musica originale;

e Iacobus Magnus, del 1994, realizzato assieme all'English Chamber Orchestra negli studi di Abbey Road.

 

 

Il servizio di bus navetta è gratuito da e per Bergamo e attorno al festival

bus navetta gratuiti da piazza mercato (Malpensata) Bergamo, davanti alla stazione di Bergamo; e dalla zona industriale di Chiuduno (adiacente a uscita autostrada A4 Grumello del Monte/Telgate). Ulteriori dettagli sul sito del festival.


“9° Increa Summer Fest 2017″ – Giovedì 6, Venerdì 7 e Sabato 8 Luglio @ Parco Increa di Brugherio (MB)

0 commenti

Masnada in collaborazione con

The 60S Prod. & lofi Milano

Presentano

 

"9° Increa Summer Fest 2017"

Giovedì 6 – Venerdì 7 – Sabato 8
Luglio

@ Parco Increa di Brugherio(MB)

 

3 giorni di live music, dj set, vintage shop, drinks and food

 

Tutto a Ingresso Gratuito

Inizio concerti ore 22.00 a seguire dj set fino alle 02.00.

 

I concerti si svolgeranno anche in caso di maltempo – Palco e Spazio al coperto.

MasnadaClub, Bar Parco Increa - Via Increa, 20047 Brugherio, MB Tel. 039882481

Sito del luogo http://www.masnadaclub.it

Info  https://www.facebook.com/the60sprod/ https://www.facebook.com/lo.fi.milano/

 

Increa Summer Fest un evento free entry fin dal 2009, 3 giorni imperdibili con il meglio della scena musicale italiana ed internazionale.

Dedicati ai suoni lofi, alla cultura underground, alla moda vintage.

Programma allegato con bands & djs in stile retrò che suoneranno per voi dal R’n’R allo Shake dal Surf al Punk Garage, Grande musica alternativa con un impatto live incredibilmente, coinvolgente e unico.

Il meglio della scena italiana, che vi farà ballare sfrenate danze, dissetare con cocktail, vestire con il ciuffo, mangiare alla brace, molleggiare al ritmo del rockandroll surfare sui tavoli e godervi sempre la buona musica spensierata. Inoltre vi aspetta una cucina appetitosa ed un baretto a prova d’assetato . Tutto questo in una calda atmosfera danzante nel fresco del bellissimo Parco Increa di Brugherio(MB).

Inoltre tanti espositori vintage di vinili,spille,abbigliamento,libri,oggettistica creativa, hand made e modernariato.

Vi aspettiamo vestiti a tema come vi pare, ma con tanta voglia di ballare

 

 

PROGRAMMA

 

Giovedì 6 luglio

 

SEX CRIME – SEX PUNK / CRIME WAVE / SYNTH ROCK N' ROLL from USA

Super band! Con membri Epoxies (epitaph) e No talents, grande energia e classe

https://www.facebook.com/SexCrime/

http://www.reverbnation.com/sexcrimeportland

 

SURF CASSETTE – Garage Pop Trio da Milano

https://www.facebook.com/surfcassette/

 

Venerdì 7 luglio

 

THE BACKSEAT BOOGIE – Rock’n' Roll da Milano

https://www.facebook.com/thebackseatboogie/

 

UNCLESHIT - one man band Trashabilly Blues da Milan

https://www.facebook.com/Uncleshit/

 

DJ’S DEVIL’S JUKEBOX – Rock'n'roll selectionhttps://www.facebook.com/groups/devilsjukebox/

 

Sabato 8 luglio

 

THE MIDNIGHT KINGS – Rhythm and Blues da Verbania

https://www.facebook.com/themidnightkings/

Prima e dopo dj set Monsieur Hugo


Come Crescere i Gladioli

0 commenti

Se pianifichi per la prima volta di crescere gladioli nel tuo giardino, sappi che non è poi così difficile. Questi fiori appaiono bellissimi in molti aspetti, sono praticamente i come i tulipani d’estate. I gladioli sono stupefacenti come fiori recisi e se li pianterai nel tuo giardino, lo faranno sicuramente risaltare. In questo articolo, ecco alcuni consigli su come piantare i gladioli di cui abbiamo discusso.

Terreno e luogo

Hai bisogno di piantare i tuoi gladioli in un terreno che presenta un buon drenaggio e che sia ricco. In caso il terreno del tuo giardino sia pesante, puoi scegliere di piantare i tuoi gladioli in dei vasi.

Spazio

Scava nel terreno ad una profondità di 4-6 pollici e lascia uno spazio di circa 4 pollici tra due piante. Dopo aver piantato i cormi di gladioli, copri tutto il buco con il terriccio. Poi annaffia generosamente l’intera area.

Nel giardino

Se devi piantare i cormi dei gladioli nel tuo giardino, allora avrai bisogno di molta acqua per annaffiarli bene. Per questo, prima di piantarli, puoi scavare una trincea e metterci del letame ben marcito alla base. In questo modo, i bulbi saranno ben nutriti e tu sarai in grado di conservare acqua in modo che possa riceverne una fornitura più regolare. Se vuoi far durare di più la bellezza di questi magnifici fiori, allora non piantare i cormi nello stesso momento. Scegli di piantare 15-20 cormi ogni paio di settimane a partire da Maggio fino a Luglio. In questo modo, avrai un giardino pieno di bellissimi gladioli durante tutta l’estate e l’autunno.

I contenitori

Se non hai molto spazio nel tuo giardino per piantare i gladioli, allora puoi sempre piantarli in dei contenitori. Scegli un vaso largo 6 pollici. Pianta cinque cormi, ognuno alla profondità di 8 pollici. Rispetto a quanto vicino piantavi i gladioli nel tuo giardino, qui puoi piantarli un po' più vicini uno all’altro. Metti poi il vaso in un luogo illuminato e fresco. Assicurati che il luogo sia senza rischio congelamento e riceva abbastanza acqua. Non appena le punte del fiore saranno alte 6 pollici, aggiungi del nutrimento ad alto contenuto di potassa, per esempio, un fertilizzante al pomodoro o dei petali consolidati, ogni due settimane. Devi continuare questo processo per almeno tre settimane dopo la fioritura. Pochi mesi dopo la semina, vedrai che i gladioli avranno fiorito.

Cure per i gladioli

Per controllare l’erba e conservare l’umidità, devi ricoprire di pacciame il terreno tra e intorno alle piante. È necessario apportare queste cure extra, poiché i gladioli spesso perdono terreno con l’erba. Se non c’è sufficiente pioggia, allora in quel periodo, devi annaffiare le piante con 2.5 cm di acqua. Usa un pesticida per spruzzare le piante.

 

Ora che sai come piantare gladioli e prenderti cura di loro, potrai avere un bellissimo giardino pieno di fiori di gladioli che cattureranno l’attenzione di chiunque.


Scarpina Neonata: Ultimo Trend e Novità

0 commenti

Scoprire di essere in dolce attesa è forse, anzi toglierei il forse, è sicuramente l’emozione più grande per una futura mamma. Alcune coppie non resistono e vogliono sapere assolutamente il sesso del bambino, altre invece preferiscono aspettare il giorno del parto per scoprirlo. E se è un maschietto come lo chiamiamo? E se è una femminuccia? Le donerà il nome che le daremo? E poi via alla corsa ai primi acquisti: tutine e body all’ordine del giorno, ma la cosa più graziosa, soprattutto se si tratta di una femminuccia, è sicuramente la scarpina da neonata.

Prima della nascita: mai trovarsi impreparati

La nostra piccola principessa sta per nascere, sta per uscire dal grembo della propria mamma e sta per emettere le sue prime urla, quelle che ci sveglieranno ad ogni ora della notte quando dovrà fare la pappa e quelle che più ci mancheranno una volta cresciuta. Prima della nascita ogni mamma prepara la cameretta rendendola più graziosa possibile: una bella culla, una cassettiera, un fasciatoio indispensabile per cambiare il bebè nelle migliori condizioni, passeggini e carrozzine indispensabili per portarli con sé in ogni momento.  Per non parlare delle copertine, berrettini, bavaglini, tutine e body che copriranno il loro corpicini per molti mesi. E ancor più carine sono le scarpine da neonata che terranno al caldo i loro piedini e la sosterranno nei suoi primi passi. Le calzature per neonati sono l’indumento che più ci ricorderà l’infanzia dei nostri figli.

 

Scarpine Neonate: Modelli e Tessuti

 

I neonati di pochi mesi indossano di solito le calzette o babbucce da neonato, quando il bebè inizia ad avere 9-10 mesi, allora le scarpette saranno ancora più utili. Per i primi mesi di vita le scarpine da neonata sono per lo più una moda  potendo scegliere diversi modelli e tessuti, dai quali è impossibile resistere. Vi sono modelli che rendono la nostra neonata una piccola donna. La stagione primavera – estate è ricca di colori e fantasie ed è possibile scegliere tra diversi modelli: dal sandalo aperto adatto per portare la propria bimba al parco alla scarpina ballerina che la rende una principessa. Chi cerca una scarpina deliziosa impeccabile per le occasioni più importanti come il battesimo, è sempre possibile scegliere tra i modelli come Burberry che offrono una linea sandalo davvero mozzafiato. Semplice, elegante e confortevole per la nostra piccola dolcezza. Per le mamme sportive è sempre possibile scegliere tra i modelli Nike, Adidas e Converse che danno quel tocco di originalità e fantasia a quel piedino.  In voca negli ultimi anni sono anche le scarpine da neonata all’uncinetto. Qui la creatività supera davvero ogni limite: le scarpine fatte di maglia a mano con i ferri o con l’uncinetto sono le prime cose che si iniziano a preparare prima della nascita. Se nascerà in primavera o in estate è opportuno utilizzare tessuti in cotone così da non far sudare il piedino e permettendo al bebè di essere comodo; se invece nascerà in inverno, è meglio utilizzare della lana così da proteggere il neonato dal freddo gelido. Fiorellini e fiocchetti rendono il piedino della neonata un gioiellino. 


RIFLETTORI ACCESI ANCHE IN SICILIA: SANREMO ARTIST TALENT APPRODA NELLA LOCALITA’ DI ENNA

0 commenti

Dopo la finale Calabrese diretta dal referente di regione Francesco Mercurio, si conclude nella città di Enna la finale regionale della Sicilia del Sanremo Artist Talent, grazie alla responsabile e coordinatrice regionale Mariarita Campione. Un vero spettacolo realizzato dai concorrenti che sfidandosi fra loro, hanno dato vita ad una serata a dir poco strabiliante fra musica, canto e arti varie. Divertimento, emozioni e tanto altro ancora sono stati i temi dell'evento che hanno portato alla semifinale nazionale, che si terrà il 20 aprile a Gaeta, nel Lazio, dove vi saranno ad aspettarli, i concorrenti delle altre regioni, i ragazzi talentuosi. Auguri a tutti voi ragazzi, e che i vostri sogni possano prendere forma.


Quando conviene optare per le stufe in ghisa?

0 commenti

Una stufa in ghisa è prima di tutto una stufa, e non può quindi essere installata in modo casuale ma necessita di una canna fumaria per lo sfiato dei fumi di combustione. Esistono vari tipi di stufe in ghisa, alcune anche funzionanti con diverso tipo di combustibile, ma l’alimentazione naturale per una stufa è la normalissima legna. Dando per contato che una stufa sia la nostra scelta, vediamo nello specifico questo tipo di stufe.

Pro e contro le stufe in ghisa

Se stiamo pensando di installare una stufa, possiamo prendere in considerazione l’acquisto di una stufa in  ghisa. Vediamone i pro ed i contro, partendo dal presupposto che già conosciamo i pro ed i contro di una stufa.

Tra gli indiscutibili fattori a favore di una stufa in ghisa abbiamo senza dubbio l’altissimo rendimento termico: infatti le stufe in ghisa mantengono ed irraggiano il calore più a lungo rispetto ad altri tipi di stufa. Questo è certamente dovuto anche allo spessore, ma il principale responsabile di questa grande capacità di irradiare calore è il materiale stesso. La ghisa infatti, richiede un certo tempo per raggiungere una temperatura adeguata a riscaldare, ma allo stesso tempo mantiene il calore molto a lungo, anche dopo la fine della combustione.

Questo potrebbe essere uno dei primi fattori contro: le stufe in ghisa richiedono molto tempo per arrivare a temperatura, e non sono quindi indicate nei casi in cui abbiamo bisogno di riscaldare velocemente un ambiente, per contro, sono perfette per mantenere una adeguata temperatura anche da spente per effetto dell’irraggiamento, ad esempio durante la notte.

Le stufe in ghisa necessitano di canna fumaria, ovviamente, ma c’è da considerare che sono di peso non indifferente e vanno quindi collocate in modo adeguato.

 

Esistono diversi modelli di stufe in ghisa, dai modelli vintage ai modelli più moderni, ma hanno tutti in comune un prezzo decisamente superiore a quello di altri tipi di stufe: se una stufa in ghisa vi viene proposta a poco prezzo, verificatene l’integrità.


Pagina 3 di 162«12345»...Fine »