segui LMN:     

FINALE REGIONALE LAZIO A FONDI DEL SANREMO ARTIST TALENT

0 commenti

lMercoledi’ sera si è svolta presso il ristorante Al Boschetto eventi in località di Fondi (LT) la finale regionale del Sanremo Artist Talent organizzata dalla bella e sexy presentatrice e attrice Cinzia Cella, referente regionale Lazio del Sanremo Artist Talent nonché coordinatrice dell’intero format nazionale. Passano alla semifinale nazionale che si terrà a Gaeta presso l’albergo Villa Irlanda, dopo una scrupolosa e zelante votazione da parte della giuria, Walter Giammattei aggiudicandosi il primo posto nella categoria canto, a seguire Roberta Taglienti, Alessandro Elmonetto, Giulia Ludovica Di Fazio, Laura Cella, Joel Sirico ed, ancora, Beatriz Lima categoria Moda. Quest’ultima durante la serata ha sfilato abiti unici di alta moda del negozio Style Vanity e Atelier Rinaldi di Alessia Rinaldi, cosi’ come la bella presentatrice Cinzia Cella. La giuria capitanata dal presidente Salvo Miraglia, nonché responsabile nazionale del Sanremo Artist Talent e composta da esponenti di rilievo del basso Lazio, quali la cantante Dora, il cantante Lino Antoniani, ha votato secondo uno scrupoloso criterio, e, spesso trovandosi in serie difficoltà nel votare gli uni o gli altri concorrenti. Inoltre, alcuni giurati si sono esibiti a loro volta nelle proprie arti regalando emozioni e tanto divertimento ai presenti in sala. Difatti, strabiliante ed entusiasmante è stata l’esibizione del mago illusionista e trasformista di Fondi “SOPINO” (pseudonimo artistico di Simone Zomparelli) che ci ha regalato bellissimi momenti con una delle sue performance quali il tavolo volante, e chissà cosa ci riserverà per il 20. Ancora, Jessica Calamity, danzatrice e insegnante di danza del ventre che ha rubato la scena con il suo repertorio di danze orientali. L’intera serata era in diretta con radio Tirreno Centrale nonché ripresa dalle videocamere della tv di Euro-Channel. Molti gli sponsor che hanno voluto partecipare a questa iniziativa, quali: la palestra OVER THE TOP di Daniele e Stefano Notarianni sito in Fondi (LT), l’agenzia immobiliare Peticone di Massimo Peticone, Rapid Rent di Tullio Stefano, il ristorante Al Boschetto Eventi di Antonino e Fabio Iannone e Style Vanity e Atellier Rinaldi di Alessia Rinaldi. Indispensabile è stata, poi, la presenza del dj Valentino per le musiche e la fonia. Una serata, insomma, costellata da tanti e diversi talenti che hanno voluto esservi, sfidarsi fra loro fra musica, canto, ballo magia, moda e tanto altro ancora…


Necrologi Vasto

0 commenti

Tutti gli annunci di necrologi a Chieti. Grazie al portale Ricordi di vita puoi ricordare il tuo caro defunto. Attraverso il sito Ricordi di vita è possibile: Avvisare tutti i Parenti, amici e familiari delle delle ricorrenze e commemorazioni. Trovare le Aziende Funebri trovando quella più vicina a voi, utilizzando i vari filtri a disposizione. Visualizzare i Necrologi è infatti possibile reperire l'elenco dei defunti suddivisi per provincia e per comune di Chieti. I profili dei propri defunti possono essere creati sia dai familiari e sia dalle stesse agenzie di onoranze funebri… Necrologi Vasto


Un brano dedicato a una storia d’amore spezzata dai recenti avvenimenti accaduti a Rigopiano. Siciliano Sono Band presentano “Esperanza”

0 commenti

S’intitola “Esperanza”, il nuovo singolo della “Siciliano Sono Band”. La canzone racconta una storia d’amore spezzata dalle recenti tragedie avvenute nel centro Italia, tra neve e terremoti. Da sempre i disagi sociali sono stati fonte di attenzione e di ispirazione per il gruppo agrigentino che utilizza la loro musica per raccontarli. Il leader della band Biagio Marino afferma: “Riteniamo che le sofferenze, la corruzione, la malavita, l'odio razziale siano alcuni dei temi profondi, a volte spettrali sui quali riflettere per non rassegnarsi e tirare avanti con un sorriso amaro". La musica dei “Siciliano Sono Band” racchiude parole e suoni che abbracciano universalmente tutte le realtà e che miscelano lingue, pensieri e culture. Questa volta è il proprio Paese che la band vuole raccontare, ed in particolare gli ultimi dolori patiti dal centro Italia che ha subito in un ristrettissimo lasso di tempo terremoti, allagamenti e valanghe. Regioni martoriate dalla potenza della natura che si è accanita come se avesse con loro un conto in sospeso: costruzioni inadeguate, gestioni approssimative, che ancora una volta vengono messe inesorabilmente a nudo dalla potenza della natura che sembra quasi voler fare giustizia.

Con il videoclip del brano “Esperanza”, la band “Siciliano Sono” vuole esprimere la propria vicinanza e condividere il disagio e la frustrazione che quegli italiani stanno vivendo. Al di là degli errori politici, di quelli professionali e umani, l'obiettivo è quello di raccontare e rappresentare l'esperienza di coloro che hanno vissuto in prima persona il dramma attraverso una storia d'amore "uccisa" dalla violenza della catastrofe. Il dolore di un uomo che impotente e rassegnato alla natura, si vede strappare la propria metà che perde la vita sotto la neve. Esperanza è una rumba dalla melodia malinconica che accompagna dolcemente il racconto fino al ritornello, volutamente ripetitivo, che disegna la stessa continuità con la quale si sono verificati i disastri naturali. Il ritmo è morbido, quasi rispettoso, e silenziosamente si fa strada tra le note per non disturbare le emozioni. Un brano prevalentemente acustico in cui dominano gli incastri ritmico-melodici delle chitarre e del guitalele che si poggiano su leggeri tappeti di fiati e fisarmonica. Ancora una volta la band nella propria espressione sottolinea l'integrazione di culture, simbolo del nome ma anche tema portante e ricorrente della loro musica.

 

9PuDUcUmqkk&fs=0&rel=0&autoplay=0&loop=0&egm=0&border=0&color1=0x2b405b&color2=0x6b8ab6&hd=1&showsearch=1&showinfo=1&iv_load_policy=1&cc_load_policy=0" width="425" height="355" wmode="transparent"> 9PuDUcUmqkk&fs=0&rel=0&autoplay=0&loop=0&egm=0&border=0&color1=0x2b405b&color2=0x6b8ab6&hd=1&showsearch=1&showinfo=1&iv_load_policy=1&cc_load_policy=0" />

 


Le frasi di condoglianze migliori per alleviare il dolore

0 commenti

Nel mondo religioso sono sempre più diffuse le frasi di condoglianze per accompagnare il defunto nel regno dei cieli e soprattutto per cercare di sollevare alla famiglia del morto e fargli sentire la nostra vicinanza in un momento così difficile. La comunità religiosa si stringe intorno al defunto e lo accompagna come meglio può nell’aldilà cercando di fare una cosa fatta bene perché ogni uomo che lascia questa terra ha diritto al miglior saluto possibile. Esistono diverse frasi da poter usare come adesso vediamo e soprattutto si può anche effettuare una donazione sfruttando questo momento così religioso e toccante.

 

 

                       Tipologie di Frasi di Condoglianze

Quando un nostro caro ci lascia dobbiamo cercare di salutarlo per l’ultima volta nel migliore dei modi e per questo ci rivolgiamo alle parrocchie che offrono servizi di messe di suffragio e di frasi di condoglianze. Non per forza dovremo rivolgerci alla nostra solita parrocchia se essa non ci da le giuste garanzie poiché la scelta dell’ente e della chiesa è particolarmente importante per riuscire perfettamente nel nostro intento. Una frase di condoglianza può essere una citazione del Papa che fa la domenica a San Pietro oppure può anche essere una massima presa dal Vangelo e per questo ancora più religiosa e carica di significato; poi abbiamo frasi prese dai poeti antichi o più contemporanei e in ogni caso si contatterà prima la famiglia per capire se quel tipo di frase andrà bene per la persona che ci ha appena lasciato. Un poeta molto apprezzato è sicuramente Victor Hugo il quale spesso ha scritto riguardo ai morti e la classe con cui lo ha fatto non è passata di certo inosservata e per questo è molto apprezzato per questo tipo di iniziativa. Altre frasi possibili riguardano i grandi miti della musica che mai tramonteranno, frasi celebri di film sulla morte, sul viaggio che ne consegue e infine sul dolore che provano i familiari ma che potrà essere lenito grazie ai ricordi che ci ha lasciato il defunto.

 

 

                  Donare insieme a delle Frasi di Condoglianze

 

Oltre alle frasi di condoglianze per la famiglia del defunto si può effettuare anche una donazione per chi ne ha più bisogno e quindi regalare un sorriso alle persone che sono in difficoltà sotto diversi punti di vista. La donazione è semplice effettuarla, infatti basta compilare un modulo con il proprio nome, cognome, residenza e mettere si intende inviare questa donazione. Esistono molte Onlus a cui si appoggiano le comunità religiose che fanno da tramite per far arrivare il nostro gesto benefico a destinazione.  È importante sottolineare che la donazione è libera, dipende cioè dalla nostra buona volontà  e dalla nostra disponibilità economica. È un atto estremamente altruista che permette di mostrare tutta la nostra sensibilità in momenti così particolari e soprattutto per aiutare le persone che ogni giorno soffrono e che non hanno i nostri stessi diritti. Dunque scrivere delle frasi di condoglianze e unire ad esse una donazione permette di stare vicino ai familiari del caro estinto e soprattutto di regalare un sorriso ai bambini più poveri.


Antonio Cospito incontrerà Papa Francesco a Monza il 25 Marzo 2017

0 commenti

>> Il dehoniano orante Antonio Cospito é famoso in tutto il mondo per aver scritto la prima canzone dedicata al Santo Padre, ed incontrerà Papa Francesco a Monza il 25 Marzo 2017, dopo averlo già abbracciato a Roma e Torino.

Antonio Cospito é un "disabile", che ha scritto diversi libri cattolici e pubblicato canzoni importanti.

Il 15 Marzo 2013 pubblica sui digital store "Papa Francesco", la prima canzone dedicata al Santo Padre.

Il 25 Aprile 2016 pubblica sui Digital Store "Preghiera Madonna dei Fiori", venerata nel Santuario di Bra (Cuneo).

Il 21 Maggio 2016 pubblica sui Digital Store "La Disabilità", la canzone che sottolinea quando le autorità danno poca attenzione a questo grave problema sociale.

Il 03 Marzo 2017 pubblica sui Digital Store "Libertà di Vivere", brano musicale curato dal Maestro Vince Tempera.

Il 10 Marzo 2017 pubblica in esclusiva per Amazon "I Messaggi di Papa Francesco che aiutano a crescere nella Fede", il libro esce in occasione del quarto anno di Pontificato del Santo Padre.

Il dehoniano orante Antonio Cospito afferma: "Vedersi recapitare i Pass a domicilio, é stata per me una grande gioia. Ma purtroppo, vivo con molta ansia l'attesa di questo incontro, perché non ho la certezza di poter effettuare il viaggio. Le mie patologie degenerative, creano sempre un'incognita in tutta la mia vita. Tra l'altro proprio in questi giorni, mi hanno diagnosticato una trombosi alla safena gamba destra, ed ho iniziato con le punture nella pancia di eparina. Deciderò all'ultimo momento, e dopo aver consultato i medici, se potrò recarmi a Monza per incontrare Papa Francesco".

Sito Web Ufficiale:
www.antoniocospito.eu


Il Dehoniano Orante Antonio Cospito nel 2016 ha pubblicato 50 Libri Cattolici

0 commenti

Il Dehoniano Orante Antonio Cospito e il torinese Natale Maroglio già Ministro Straordinario della Comunione, nel 2016 hanno pubblicato 50 Libri Cattolici.

Tutte le opere sono distribuite in librerie e book store del mondo, ottenendo numerosi consensi da parte di Fedeli della Chiesa Cattolica.

E non per ultimo, in questi giorni hanno ricevuto una pergamena dalla Segreteria vaticana, con la Benedizione Apostolica di Papa Francesco.


Rivolgiamo qualche domanda al dehoniano orante Antonio Cospito:

Da qualche mese sul web, compaiono spesso banner promozionali dei suoi libri cattolici, che portano l'alto patrocinio del Gruppo Mondadori, Ibs, Amazon, La Feltrinelli, Hoepli, Rizzoli, i-Tunes, Google Play, ecc….

Quali sono le sensazioni che prova?
E' per me motivo di grande gioia e soddisfazione, che ripaga tanto dolore morale che ho dovuto sopportare. Tutte le pubblicazioni cattoliche e non solo, scritte con il torinese Natale Maroglio, sono un segno indelebile che nessuna cattiveria umana potrà mai cancellare.

Ci può spiegare meglio?
Certo. Dal 2009 alcuni sacerdoti dopo aver constatato la mia preparazione liturgica e musicale, hanno ritenuto opportuno non usare i doni di Dio per l'edificazione della comunità cristiana.

Quindi?
Sono rimasto in assemblea, come semplice adoratore di Gesù. Poi la vita mi ha riservato diverse patologie degenerative, che mi hanno portato molta sofferenza fisica, morale e psicologica.

Come ha reagito a tutto questo?
Molto male all'inizio. Specie se in certi momenti viene meno, l'affetto e l'appoggio di genitori e parenti scellerati. Con l'aiuto delle giuste terapie, e dell'immancabile affetto paterno di Natale Maroglio, dal 13 Ottobre 2015 mi sono dedicato alla scrittura di diversi libri cattolici, e sulla storia della mia vita di disabile.

Cos'é successo dentro di lei?
Deve sapere che il 13 Ottobre 2015, eseguivo per la prima volta, un intervento chirurgico in anestesia totale. La paura di non risvegliarsi era tanta dentro di me, ma in quella occasione ho affidato la mia vita alla Madonna dei Fiori – Venerata nel Santuario di Bra.

Poi cos'è successo?
Dal mio risveglio sono avvenute tante cose belle, che mi hanno ridato la speranza di poter convivere con la mia disabilità. Ho conosciuto il mio attuale editore, e in un anno abbiamo pubblicato 50 opere di forte ispirazione cattolica.

Tante opere per un autore di libri? Aveva molto da raccontare?
Ho voluto scrivere tutta la mia esperienza trentennale, come Fedele della Chiesa Cattolica. Ho parlato di liturgia, preghiera, musica, dei Santi a cui sono devoto, ecc…..

Chi vuole ringraziare pubblicamente?
Natale Maroglio, Elena Franchino e Padre Felice, che mi hanno aiutato a superare momenti molto difficili.

Chi pensa non le abbia dato il sostegno, che le sue problematiche personali richiedono?
In primis mi sono sentito abbandonato totalmente dal Sindaco di Bra – Bruna Sibille, dal parroco Don Gigi Coello e dal rettore Don Sergio Boarino. In molte occasioni si sono comportati come certi piemontesi "Falsi e Cortesi", hanno sempre fatto finta di non vedere il mio disagio e la mia disabilità, che immancabilmente porta discriminazione nella società civile e religiosa. Il loro atteggiamento  é vergognoso, e non é da buon cattolico  (presbitero), che deve testimoniare Dio nella vita e nella comunità.

Cosa vuole dire alle persone che ha citato?
Dio Vi Benedica! Dio Vi perdoni per tutto il male che mi avete fatto dal 2009 ad oggi.

Progetti Futuri?
Terapie antalgiche, fisioterapia periodica, sedute dallo psicologo del dolore, ed interventi chirurgici. Tanta riabilitazione.

A livello editoriale?
Al momento nulla. Penso che il 2017, sarà per me un anno sabatico "pieno di preghiera".

Bibliografia:
amzn.to/2euWO02

Discografia:
amzn.to/2dGgFUV

Sito Ufficiale:
www.antoniocospito.eu


Pagina 1 di 3912345»...Fine »