segui LMN:     

Essere su internet è fondamentale, ma quanto costa un sito web?

0 commenti

Quante volte, specialmente in ambito professionale, si ha la necessità di conoscere quanto costa un sito web? Se anche voi vi state facendo questa domanda, vi posso consigliare uno strumento online semplice e gratuito. La pagina in questione si chiama appunto “Quanto costa un sito web?“. Rispondendo a poche e semplici domande sulle caratteristiche che vorreste inserire nel vostro sito, la pagina fornisce una stima del costo totale per la creazione del sito web. Ad esempio  se vogliamo una pagina multilingue, se desideriamo che gli utenti vi possano accedere anche da altri dispositivi portatili come smartphone o tablet, se abbiamo bisogno della creazione di un design. Possiamo anche prevedere l’integrazione di un sistema di pagamento o un’area riservata con login. Ognuno di questi elementi influirà, in diversa misura, sul prezzo finale.

Un sistema semplice e intuitivo, che in non più di 5 minuti vi fornirà un preventivo abbastanza accurato del costo del sito che avevate in mente. A questo punto potrete rivolgervi a un programmatore o ad un team di sviluppo con un’idea più precisa della spesa da affrontare. Geniale, no?

Nel mondo attuale avere una presenza in rete è fondamentale per qualsiasi tipo di attività. Sempre più spesso infatti la rete viene utilizzata per cercare informazioni, conoscere le aziende vicino a noi, trovare partner commerciali.

 Una attività che non ha una presenza su internet e che non ha un sito web è destinata ad avere meno successo di chi invece è presente. Sicuramente i nostri clienti passano la metà del loro tempo in rete ed effettuano molti acquisti in internet.

Determinare quanto può costare creare un sito web è complicato, dal momento che per prima cosa dobbiamo specificare come sarà la pagina e le caratteristiche che dovrà avere. Per risolvere questi dubbi e scoprire quanto costa fare un sito web è nato un calcolatore online e gratuito che ti permette di calcolare un preventivo approssimato del sito che hai in mente. Lo trovate all'indirizzo https://www.quantocostaunsitoweb.com/

 

Creare un sito web per qualsiasi attività

Riassumendo, possiamo dire che proprio tutte le attività, anche quelle con caratteristiche locali e che non possono per loro natura offrire i propri servizi in forma digitale, possono scegliere di creare una pagina web aziendale, dove indicare l’indirizzo, le modalità di contatto ed i servizi offerti.

 
  • Negozi e ristoranti: per esempio per promuovere menù esclusivi, semplificare le prenotazioni, raccontare la propria storia, aiutare il cliente a localizzare il ristorante attraverso una cartina, ecc.
  • Piccole e medie imprese: Possono aumentare le vendite provenienti da altre zone del proprio paese o anche dall’estero grazie ad internet. La rete permetterà di iniziare un processo di internazionalizzazione.
  • Multinazionali: Le multinazionali sono state le prime ad approfittare delle opportunità di internet. Ciò nonostante ancora oggi ne rimangono alcune più tradizionaliste che hanno pagine obsolete che hanno bisogno di essere rinnovate.
  • ONG e associazioni: Essere presenti su internet attraverso un proprio sito ed i social network darà maggior visibilità ed una prospettiva più internazionale ai progetti delle ONG e delle ONLUS .
  • Ed infine anche le applicazioni mobili necessitano delle cosiddette landingpages per presentare la app a chi cerca informazioni al riguardo navigando dal proprio computer.

Creare un sito web può garantirci molti vantaggi, dalla possibilità di fare branding e lavorare sulla nostra marca, a conquistare nuovi clienti o aumentare le vendite. E tutto con un costo relativamente basso per le aziende che già esistono offline.

Ma anche per le attività native digitali il cui principale investimento girerà attorno allo sviluppo della pagina web. Sono queste attività (e soprattutto quelle di e-commerce) quelle che avranno bisogno di investimenti maggiori per creare il proprio sito. Per un'attività locale o una piccola azienda sarà invece necessario un'impegno ecomomico decisamente minore, in grado tuttavia di aumentarne la visibilità e costituire un punto di forza nei confronti dei concorrenti che ancora non si sono decisi a fare il primo passo nella rete.


Come installare la Videosorveglianza a casa nostra

0 commenti

Oggi nel mondo della tecnologia è sempre più diffuso l’acquisto di un kit di videosorveglianza, infatti moltissime persone ormai decidono di proteggere la propria casa installando impianti di sicurezza che tutelino loro e la propria famiglia. Installare delle telecamere alla fine è semplice e lo si può fare in ogni angolo della casa, l’importante è che la protezione della nostra casa sia sempre al massimo. La videosorveglianza è l’ultimo rimedio contro i ladri e contro tutte quelle persone che magari accogliamo in casa nostra pensando di poterci fidare e che invece poi si rivelano essere completamente l’opposto.

 

 

      

      Diversi Motivi per Acquistare un Impianto di Videosorveglianza

Se abbiamo deciso di acquistare un impianto di videosorveglianza allora abbiamo scelto di mettere in sicurezza nel migliore dei modi la nostra casa. Infatti molte volte succede che tornando a casa di notte si pensa ad accendere tutte le luci e a controllare ogni singolo locale casalingo per paura che sia entrato qualcuno non disponendo magari di una telecamera collegata direttamente al nostro cellulare. Quindi la sicurezza nostra ma prima di tutto della nostra famiglia è ciò a cui bisogna mirare per far si che si possa vivere meglio e senza patemi inutili senza correre rischi ogni volta che si rientra  casa. Un buon kit di videosorveglianza è ottimo da installare anche in giardino, cosi che una volta tornati a casa non stiamo con l’ansia che possa esserci qualcuno o che questo individuo possa essere entrato in casa di nascosto. Infine bisogna sottolineare come un buon impianto di videosorveglianza debba essere installato in più parti della casa per avere un controllo a 360 gradi.

 

    Cosa deve Contenere un Kit di Videosorveglianza e dove Installarlo

 

Un buon kit di videosorveglianza deve quindi assicurare l’incolumità dei nostri cari e soprattutto è importante che sia sempre accessibile a tutti sia in ambito economico e che nel settore tecnologico. Tantissime case hanno installato in casa un kit in più parti del loro ambiente casalingo, questo per avere un controllo a 360 gradi; infatti ad esempio nello studio bisogna controllare ogni singolo spostamento perché è il luogo professionale in cui si porta avanti il proprio lavoro. Anche in salone è fondamentale installare delle telecamere poiché molto spesso bisogna passare da esso per uscire dalla casa e per forza di cose si inquadrano perfettamente le persone. In camera da letto invece molte persone tengono i loro risparmi, specialmente gli anziani, e quindi sarebbe importante installare una telecamera anche lì.  I kit messi a disposizione del cliente sono numerosi, si va da quelli per i meno esperti a quelli per chi invece se ne intende molto di più e quindi può comprare qualche accessorio aggiuntivo. Un buon impianto dovrà comunque avere un videoregistratore al quale sono collegate le diverse telecamere, un telecomando che è fondamentale per riavvolgere il nastro e dei connettori in grado di aiutare la trasmissione di immagini.  Infine è possibile acquistare delle schede di memoria in grado di aumentare la capienza di immagini e video per rendere più sicura la nostra abitazione.


Interoute presenta la soluzione Managed Container Platform a Cloud Expo Europe

0 commenti

Interoute, l'operatore proprietario della più grande piattaforma internazionale di servizi cloud e uno dei più estesi e avanzati network europei, ha annunciato l’integrazione tra la propria infrastruttura globale di managed cloud e la container management platform di Rancher Labs, in occasione di Cloud Expo 2017. Questo nuovo approccio innovativo consente alle aziende di accelerare i processi interni di digital transformation e gli investimenti infrastrutturali.

 

L'avvento della tecnologia dei container ha rivoluzionato il modo in cui le aziende possono creare e distribuire le applicazioni software, favorendo una maggiore agilità, una implementazione più rapida e costi operativi ridotti. In passato, i team Enterprise Operations & Infrastructure, dediti alla realizzazione di nuove applicazioni e servizi software, hanno dovuto gestire tutti i building block delle infrastrutture cloud (il Virtual Server, il sistema operativo e le librerie di applicazioni), necessari per creare l'ambiente di sviluppo di applicazioni. Scegliendo un approccio basato su container, gli sviluppatori possono ora concentrarsi sulla scrittura di applicazioni e sul deployment del codice direttamente all’interno del container. Tramite il successivo deployment del container all’interno dell’infrastruttura cloud di Interoute, è possibile incrementare il tempo di sviluppo e lancio di nuove applicazioni e software.

 

La piattaforma di containerizzazione di Interoute è parte dell’Enterprise Digital Platform di Interoute, un’infrastruttura globale e sicura in grado di integrare una soluzione di Software Defined Core Network all’interno di una rete globale composta da 17 nodi cloud, in modo da ottimizzare applicazioni e servizi. Interoute permette alle organizzazioni di integrare i sistemi legacy, digitali e di terze parti in un'unica piattaforma globale, sicura e connessa privatamente. In questo modo, grazie ad Interoute, è possibile gettare le basi per avviare il processo di Digital Transformation aziendale.

 

Con l’integrazione del software Rancher, Interoute è ora in grado di fornire accesso ad una serie completa di servizi infrastrutturali per la containerizzazione, permettendo agli utenti di eseguire il deployment dei container in un nodo cloud a scelta tra i 17 messi a disposizione da Interoute in tutto il mondo. Rancher è una container management platform open-source che rende il deployment e la gestione di container in fase di produzione più semplice.

 

Matthew Finnie, CTO Interoute, ha commentato: "Le aziende che stanno sviluppando e realizzando app sul cloud, insieme a quelle che stanno affrontando un processo di digital transformation, necessitano di infrastrutture digitali (ICT) che permettano loro di accelerare i processi di sviluppo, test e implementazione. L’integrazione del software Rancher all’interno della piattaforma digitale di Interoute consente agli sviluppatori di accedere a una piattaforma gestita di containerizzazione, ospitata all’interno di un networked cloud privato e globale, e consentendo funzioni di vero calcolo distribuito".

 

 

Louise Westoby, VP Marketing di Rancher Labs, ha aggiunto: "Siamo entusiasti di collaborare con Interoute e offrire agli utenti della soluzione di Enteprise Digital Platform una container management platform completa e pronta all’uso. Non vediamo l'ora di osservare i vantaggi che potranno avere gli utenti, sia in termini di scrittura e test del codice, sia di esecuzione delle applicazioni con architettura a microservizi più complesse.”


Perché installare un kit di videosorveglianza

0 commenti

Oggi se vogliamo proteggere la nostra casa dobbiamo comprare un kit di videosorveglianza efficace che ci permetta di dormire sonni tranquilli. Infatti sono sempre di più le occasioni in cui si sente dire che una casa ha subito un’effrazione da parte di ignoti perché non era dotata di telecamere pronte a riprendere lo scassinatore. Per questo l’esigenza di oggi nel mondo tecnologico è quella di dotare la propria casa di un impianto di sicurezza efficace, a basso prezzo e soprattutto conosciuto in tutto il mercato della sicurezza online in modo da andare sul sicuro e soprattutto senza il rischio di prendere delle fregature.

 

 

 

 

            Perché Installare un Impianto di Videosorveglianza

 

Spesso molte persone si autoconvincono che dotare la propria casa di impianti di videosorveglianza non sia necessario ed è qui che si commette il primo errore. Infatti si pensa che possa bastare tenere chiuse porte e finestre o che basti il cane per fare la guardia, quando invece avere un buon impianto scoraggerebbe molti possibili ladri ad entrare in casa. Infatti commettere un furto è una cosa spesso premeditata e quindi l’intruso saprebbe se ci fossero delle telecamere o meno, in caso positivo si farebbe qualche problema in più prima di commettere una simile azione. Proteggere la nostra famiglia è la prerogativa di chi decide di acquistare delle telecamere per la propria casa, sono oggetti che possono essere installati non solo in casa ma anche in giardino. Infatti se rientriamo molto tardi una sera a casa con la nostra famiglia , rischiamo di meno se ad osservarci ci fosse l’occhio della telecamere pronta a riprendere ogni minimo movimento circostante. Se magari partiamo per  una vacanza di una settimana non possiamo controllare la casa e quindi, non avendo la situazione sotto controllo, dobbiamo trovare il modo che qualcuno o qualche cosa la controllino per noi.

 

 

              

           Di cosa è Dotato un Impianto di Videosorveglianza

 

 

Nel campo della tecnologia quindi fare in modo che in nostri cari siano al sicuro è un obiettivo fondamentale. Per questo sempre più case hanno installate delle telecamere in diversi luoghi della casa attraverso un vero e proprio kit di videosorveglianza.  Esistono diversi kit che si possono acquistare e molti di essi sono destinati a persone che non sono dei grandi esperti del settore. Un kit  può essere composto da numerosi pezzi collegati fra loro e per essere considerato di ottimo livello deve presentare diversi oggetti base. Sicuramente le telecamere, il cui numero è molto variabile e  infatti va da una singola a ben a quattro-cinque che possono essere piazzate in qualsiasi angolo della casa. Poi abbiamo il videoregistratore dove collegarle provvisto di telecomando ed infine i connettori che aiutano la trasmissione di immagini e l’alimentazione. Infine esistono kit che danno in dotazione pezzi in più come sostegni che aiutano l’installazione delle telecamere e che offrono schede di memoria che aumentano la capacità di immagazzinare le immagini e poi vederle con calma senza limiti di tempo o di dimensioni, questi kit di base sono migliori degli altri poiché offrono una maggiore completezza.


DEBUTTA WIND, L’ETICHETTA RFID DI CHECKPOINT SYSTEMS IDEALE PER I COSMETICI E ALTRE APPLICAZIONI PER LA VISIBILITÀ DELLA MERCE NEL RETAIL

0 commenti

Checkpoint Systems, Inc., fornitore leader a livello mondiale di soluzioni RFID e di Sorveglianza Elettronica degli Articoli (EAS) nel settore Retail, presenta l'etichetta Wind RFID per le categorie di prodotti cosmetici e per molte altre applicazioni di merchandise visibility.

La nuova etichetta è caratterizzata dal chip Monza® R6-P di Impinj dotato della tecnologia RAIN RFID, e ottimizzato per la serializzazione di molti articoli, tra cui capi d'abbigliamento, prodotti elettronici, cosmetici, farmaci, gioielli e molto altro. I chip offrono ai Retailer e ai proprietari di marchio funzionalità a supporto della privacy, della prevenzione delle perdite e di protezione del brand. Monza R6-P vanta anche la migliore portata di lettura e velocità di codifica del settore, oltre alla straordinaria integrità dei dati.

L'etichetta è caratterizzata da un inlay di dimensioni 50mm x 30mm, è conforme alla normativa ISO18000-6C e può essere codificata e stampata per contenere i dati EPC in diversi formati, con la stampa dei codici a barre e del testo leggibile associato. Wind è, inoltre, unica perché pienamente compatibile con i più comuni sistemi di lettura, come i lettori portatili, ma anche quelli fissi e altamente richiesti come le antenne basate sulla tecnologia Wirama di Checkpoint (E10 2.0), i sensori montati al soffitto (OverHead 2) e i tunnel RFID nei CeDi.

“Siamo estremamente contenti di notare che Checkpoint punti su soluzioni sempre attive per la gestione dell'inventario utilizzando l'etichetta Wind dotata del nostro chip Monza R6-P con AutoTune™,” ha detto Craig Cotton, VP Marketing e Gestione Prodotti presso Impinj.  "La nostra partnership con Checkpoint, solida e continuativa, consente di creare soluzioni moderne e di etichettare nuove categorie di articoli. Il chip Monza R6-P è dotato della tecnologia Integra, che permette alle etichette RAIN RFID di garantire un'affidabilità e un'accuratezza dei dati elevate, essenziali per le implementazioni nel Retail."

Alberto Corradini, Country Manager di Checkpoint Systems Italia, ha affermato: "Molti grandi Retailer hanno mostrato particolare interesse nell'ampliamento delle categorie RAIN RFID per includere prodotti di Health & Beauty. I nuovi tag RFID Wind pensati per questi prodotti aiuteranno i Retailer a raggiungere gli obiettivi prefissati in termini di riassortimento automatico e gestione dell'inventario.”

Le etichette RFID Wind sono disponibili da subito.


“Creami WOW” la Tariffa Personazillabile Poste Mobile

0 commenti

Poste Mobile esce sul mercato dell' "All in One" con una proposta che permette ai clienti di costruirsi una tariffa modulare. Creami WOW è fatta apposta per chi divora Gigabyte come noccioline, infatti sarà possibile abbinare ai 500 crediti (utilizzabili per sms, voce o anche internet), la navigazione internet fino a 7GB. Non mi resta che augurarvi: "Buon Risparmio!".


Pagina 1 di 7112345»...Fine »