segui LMN:     

Hypotetis: Fabrizio Maci racconta l’ipotesi su un progetto abortito

0 commenti

McLuc Culture presenta: Hipothesis – Esposizione di Fabrizio Faber Maci. Presso il Modulo Eco. P.le della Pace, Parma. Dal 9 al 23 Aprile 2017.

Abiti di scena e delle sfilate spettacolo, disegni di collezioni, l'esperienza di crazy people events, visioni sull'ipotesi concettuale di un progetto abortito.

Inaugurazione 9 Aprile ore 19.00

"Con Hypothesis c’è un percorso di ricerca durato 15 anni, tra sfilate spettacolo, abiti di costume per il teatro e per cortometraggi, collezioni per case di moda e performance che ipotizzano un vestire concettuale poi abortito 15 anni fa. I progetti interrotti hanno sempre un sapore amaro e mai concluso.

E’ sospeso lì nell’aria come quando si spingono gli occhi di lato a cercare una ipotesi che possa ri-materializzarsi. Oppure che possa essere ripresa e darle nuova destinazione e ispirazione. "

Biografia:
Ideatore di McLuc Culture.
Fashion designer, cesellatore designer argento, decorazione dei tessuti. In Italia e a Parigi. Direttore creativo, Cool Hunter. Trend book. Ricerca dei nuovi linguaggi e le culture urbane.
Tra le sue esperienze: Teatro dilettantistico, costumista, doppiaggio, giornalismo, la radio. L'impegno politico e sociale. Promotore dell'affemazione della creativita' come messaggio per la sensibilizzazione sociale.
Per la realizzazione collettiva e indipendente dei progetti culturali.
Ha pubblicato tre raccolte di poesie, racconti, articoli sulla moda e le culture emergenti. Sfilate spettacolo, organizzazione di eventi dedicati alla creatività urbana.

Modulo Eco. P.le della Pace, Parma.
Inaugurazione 9 Aprile ore 19.00


Rendi Felice il Tuo Bambino con gli Adesivi Murali

0 commenti

Si sa che i bambini non sono mai facili da accontentare e hanno sempre bisogno di qualcosa di nuovo per farli contenti. Questo vale per qualsiasi cosa: devono essere coccolati e fatti contenti il più spesso possibile. È giusto che ogni bimbo possa trascorrere gli anni più belli della loro vita nella maniera più gioiosa e divertente possibile, senza dover pensare a ciò che verrà, ma solamente svagandosi ed essendo il più felice possibile. Si dice spesso che sono i dettagli a fare la differenza, e noi siamo convinti che questa frase racchiuda al suo interno una profonda verità. Perché i dettagli possono fare cambiare totalmente la prospettiva: rivoltano una situazione e mutano qualsiasi cosa, in bene o in male. Quando andiamo a parlare di arredamento e design all’interno di una casa e andiamo a trattare di dettagli, la discussione non può fare altro che spostarsi versi gli stickers murali. Questi rappresentano la nuova tendenza del momento e gli adesivi murali per bambini sono uno degli articoli più in voga nel settore dei wall stickers. Si tratta di un articolo perfetto per la cameretta del tuo bimbo, che farà effettivamente la differenza all’interno dell’abitazione. I dettagli sono tutto, e questo prodotto farà fare un salto di qualità alla tua casa, sia per te sia per il tuo bambino.

 

Perché Scegliere e Acquistare gli Adesivi Murali per Bambini

 

Se la felicità di tuo figlio è tutto, allora non aspettare oltre per regalargli uno dei magnifici stickers murali delle più varie forme, dimensioni e colori. Potrai riempire tutti gli angoli della tua casa, interamente o parzialmente secondo i tuoi gusti personali, così da non vedere quelle pareti vuote e tristi che ti circondano. Le tue stanze saranno finalmente decorate in linea col tuo arredamento dando all’abitazione una nuova linfa, rinnovando completamente il suo aspetto e la sua sembianza. Ti sembrerà di aver cambiato casa, e ogni volta che deciderai di cambiarli potrai godere di nuovi adesivi murali che ti daranno sempre nuove sensazioni ed emozioni. Di fronte all’ampia selezione di stickers, il tuo bambino rimarrà a bocca aperta e farà di certo fatica a scegliere quello più adatto. Aiutalo a trovare la soluzione perfetta tra le decine di forme: gatti, cavalli, uccelli, arcobaleni, orsacchiotti o qualsiasi animale di ogni specie e genere. E se poi ci si stancherà, non vi è alcun problema: gli adesivi murali si applicano facilmente in pochi minuti, senza alcuna complicazione, e allo stesso modo possono essere rimossi da chiunque senza rovinare le pareti della casa ne lasciare residui di sporco o usura. I tuoi muri torneranno come prima, e saranno pronti a ospitare il prossimo wall sticker.

 

 

Dove Applicarli? Nella Cameretta o in Altre Stanze?

 

 

La sistemazione perfetta degli adesivi murali per bambini non può che essere nella loro cameretta. Questo perché ne faranno di essa la stanza personale del tuo bambino per eccellenza. Al suo interno, in seguito all’applicazione degli adesivi murali, egli si troverà perfettamente a suo agio e non vedrà l’ora di passare i momenti più belli della giornata al suo interno. Avrai così modo di decorare le pareti della sua stanza in modo economico e con una qualità incomparabile. I prezzi degli adesivi murali sono, infatti, decisamente abbordabili da chiunque, oltra a considerare il fatto che durano per molto e molto tempo. Se però vuoi ampliare la loro applicazione e decorare altre stanze della casa, perché non acquistare più di uno sticker? Il tuo bagno, la tua cucina, il tuo soggiorno e addirittura il tuo ingresso potranno essere abbelliti con i disegni più fantasiosi e creativi, realizzati da esperti grafici del settore: non ti deluderanno e sarai pienamente soddisfatto.


Carla Rigato alla Triennale di Roma

0 commenti

Un inizio d’anno ricco di successi per l’artista Carla Rigato, attualmente tra i 27 artisti internazionali selezionati per il progetto d’arte contemporanea “Love and Violence” organizzato dal Comune di Padova dall’11 febbraio al 2 aprile in Galleria Civica Cavour, che sta raccogliendo un gran successo di pubblico e critica. Carla Rigato sarà anche tra gli artisti di “Aeterna” terza Esposizione Triennale di Arti Visive a Roma che aprirà al pubblico dal 26 marzo al 23 aprile 2017 presso il Complesso del Vittoriano. La Triennale di Roma 2017 si svolge con la curatela e la direzione artistica di Gianni Dunil e sarà inaugurata da Daniele Radini Tedeschi e Achille Bonito Oliva sabato 1 aprile 2017 dalle ore 15.00 alle ore 19.00, ingresso libero.

 

Il tema su cui poggia l'intera manifestazione consiste nella riflessione sul concetto di effimero contrapposto a quello di eterno, sulle possibilità delle arti visive di rispondere ai valori sociali contrastanti e tendenti sempre più verso un nichilismo tecnologico, un tilt estetico, un azzeramento formale ed una linguistica dell'incomunicabilità. La finalità è quella di sottolineare la potenzialità dell’arte di mantenere la persistenza dell’idea estetica al di là di ogni moda, gusto o epoca, lasciando ravvisabili i segni di una traccia comune tesa da Piero della Francesca a Pollock, da Cimabue a Morandi, dai Longobardi a d’Orazio, ovvero dall’antichità ad oggi. Il catalogo della mostra, a disposizione presso il bookshop del Vittoriano, raccoglierà le fotografie di tutte le opere esposte e recherà un saggio introduttivo del professore Vittorio Sgarbi.

 

Carla Rigato si inserisce nello storico scenario del Complesso del Vittoriano con l’opera “Donna d’acqua” (2015, acrilico su tela, 100×100 cm). Una tela dove tra tenui sfumature d’azzurro prende vita una delicata figura di donna. Fuoco, aria, terra e acqua, gli elementi fondanti dell’armonia cosmica, rispondono nelle tele di Carla Rigato al richiamo della creazione e si fanno veicolo alla forza creatrice dell’opera stessa. L’artista qui si libra sopra i vincoli della materia con una pittura che apre a mondi abissali e come un mare invita all’immersione. Sulla superficie della tela i colori si accostano e contrastano fino a trovare una profonda armonia, una cosmologia che si sostanzia di materia, di vapore, liquidamente aerea. Un astratto che qui tende al figurativo, quasi un percorso a ritroso che dona spazi di meditazione e invita alla scoperta delle profondità dell’Essere.

 

BIOGRAFIA – L’arte di Carla Rigato è espressione del nostro tempo. Con passione e forza visionaria ha messo sotto esame le principali fonti della pittura del Novecento, dall’Espressionismo all’Astrattismo, per coglierne gli aspetti che meglio traducono il senso di contemporaneità. La sua ricerca pittorica si lancia da queste basi alla conquista di un linguaggio nuovo, moderno, musicale, flessibile, contrassegnato da note coloristiche inconfondibili che ne stimolano una lettura unica. Oltre alle numerose presenze in rassegne collettive e mostre personali, sia nazionali che internazionali, Carla Rigato ha esposto i suoi lavori al Padiglione Italia della 54° Mostra Internazionale d’Arte “la Biennale di Venezia” mentre alla 55° Biennale di Venezia è stata ospitata al Padiglione Tibet e all’evento collaterale Overplay. Nel 2015 è stata tra gli artisti selezionati all’Expo Milano 2015 – Padiglione Aquae Venezia. Da segnalare nel 2016 la partecipazione alla mostra “Padiglione Tibet. Il padiglione per un paese che non c’è" (evento nato alla Biennale d’Arte di Venezia) al Castello Visconteo di Pavia e la personale “Poesia e sinfonie dell’informale” alla Galleria La Teca di Padova.

 

CARLA RIGATO CONTATTI:
Atelier / Studio Via Roma, 71 b
35036 Montegrotto Terme – Padova
www.carlarigato.it
www.facebook.com/carlarigatoartista/

 

INFORMAZIONI:
ESPOSIZIONE TRIENNALE DI ARTI VISIVE A ROMA
22 marzo – 23 aprile 2017 | inaugurazione 1 aprile 2017 ore 15.00
Complesso del Vittoriano – Ala Brasini, Via San Pietro in Carcere
Palazzo Velli Expo, Piazza Sant’Egidio 10
Fondazione Venanzo Crocetti, via Cassia 492
www.esposizionetriennale.it | @esposizionetriennalediroma

#triennalediroma2017 | #T17

 

Orari

Complesso del Vittoriano – Ala Brasini
Lunedì – Giovedì 9.30 -19.30
Venerdì – Sabato 9.30 – 22.00
Domenica 9.30 – 20.30

 

Ingresso libero
L’ingresso è consentito fino a 45 minuti prima dell’orario di chiusura


Il corpo della donna nella fotografia femminile

0 commenti

Prosegue il ciclo di incontri e conferenze all’interno del progetto d’arte contemporanea “Love and Violence”, organizzato dal Comune di Padova, Settore Cultura Turismo Musei e Biblioteche a cura di Barbara Codogno e Silvia Prelz, mostra che ha già superato i 4.000 visitatori nelle prime quattro settimane di apertura. Giovedì 23 marzo alle ore 17.30 alla Galleria Cavour (piazza Cavour) focus condotto da Barbara Codogno, critica e curatrice d’arte, giornalista, scrittrice e direttore della rivista di antropologia visuale Fieldworks Magazine, che affronterà la fotografia femminile seguendo uno dei cardini della ricerca che porta avanti nella scrittura e nella curatela: la narrazione del corpo attraverso il corpo. Ingresso libero.

Come vedono il corpo della donna le fotografe? Tipico della scrittura e della produzione artistica femminile è un contatto intimo, una ricerca a partire da se stesse. Lo sguardo rivolto al sé è imprescindibile. Inoltre la forte presenza del proprio corpo, ma anche corpo come dialettica, caratterizzante il processo stesso dell'esperienza e della conoscenza dell'alterità. In questo percorso Barbara Codogno affronta la fotografia di due autrici “classiche” e storicizzate, ma anche di due giovani fotografe padovane.

Il corpo sociale – deviato e deviante – di Diane Arbus; la dialettica del corpo oggetto / soggetto di Francesca Woodman fino al corpo del nostro tempo, narrato da due giovani fotografe padovane. Olga Amendola ci propone l’esposizione del corpo attraverso il selfie. Il suo è un corpo tatuato che racconta quindi l’irruzione dell'artificiale nel naturale. E la fotografia di Piera de Nicolao: suo lo scatto scelto come icona di “Love and Violence”, dove il corpo torna ad essere soggetto che si sottrae allo sguardo pubblico per rivendicare la propria autonomia e dignità.

 

Le curatrici della mostra sono a disposizione di associazioni, centro aiuto donna, e di tutti quei gruppi coinvolti attivamente nel sociale, interessati ad approfondire le tematiche della mostra, per una visita guidata. Informazioni: 347-6936594 oppure info.loveandviolence@gmail.com.

La mostra “Love and Violence”, a cura di Barbara Codogno e Silvia Prelz, è organizzata dal Comune di Padova, Settore Cultura Turismo Musei e Biblioteche e patrocinata da la Nuova Provincia di Padova, con il sostegno di Confartigianato Imprese Veneto e Assosomm – Associazione Italiana delle Agenzie per il Lavoro. “Love and Violence” rimarrà aperta al pubblico fino a domenica 2 aprile ad ingresso libero, dal martedì alla domenica dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 19.00.

 

Contatti
www.facebook.com/loveandviolence.artfair
info.loveandviolence@gmail.com 


Triennale di Arti Visive a Roma

0 commenti

Normal
0

14

false
false
false

IT
JA
X-NONE

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-priority:99;
mso-style-parent:”";
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin:0cm;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:10.0pt;
font-family:”Times New Roman”;
mso-fareast-language:JA;}

Aeterna è il titolo della terza Esposizione Triennale di Arti Visive a Roma, ospitata presso il Complesso del Vittoriano, Ala Brasini, dal 26 marzo al 23 aprile 2017. La mostra a cura di Gianni Dunil, è inaugurata da Daniele Radini Tedeschi e Achille Bonito Oliva, l’introduzione al catalogo da Vittorio Sgarbi. Tra le opere esposte si annovera la presenza del pittore, scultore Roberto Piaia che espone Iris, opera di marmo statuario di Carrara, plasmata con l’inconfondibile tecnica a forma di spirale.

Come per le precedenti edizioni, anche questa volta la Triennale ha voluto un coinvolgimento dell’intera città grazie a Padiglioni esterni: il Palazzo Velli Expo e la Fondazione Venanzo Crocetti.

Sotto l’egida dell’Istituto per la storia del Risorgimento italiano, promossa dalla società Start, con la gestione e l’organizzazione del Gruppo Arthemisia, la mostra è curata quest’anno da Gianni Dunil, è allestita su circa 1000 mq. con 235 artisti e 253 opere esposte.

La Triennale di Roma 2017 sarà inaugurata dal conte Daniele Radini Tedeschi e dal prof. Achille Bonito Oliva, saggio introduttivo del catalogo a cura del prof. Vittorio Sgarbi.

Il tema su cui poggia l’intera manifestazione, consiste nella riflessione del concetto di effimero contrapposto a quello di eterno; sulle possibilità delle arti visive di rispondere ai valori sociali contrastanti, tendenti sempre più verso un nichilismo tecnologico, un tilt estetico, un azzeramento formale ed una linguistica dell’incomunicabilità. Gran parte dei lavori selezionati, riguardano i confini dell’astrattismo inteso come confine del regno del Nulla, demarcati filosoficamente, entro una dialettica fatta di contaminazioni informali e immateriali. Tra gli autori più affermati è possibile annoverare la presenza in mostra di artisti partecipanti a diverse edizioni, passate e future, della Biennale di Venezia.

Il catalogo della mostra, disponibile presso il bookshop del Vittoriano, raccoglie le immagini di tutte le opere esposte e reca un saggio introduttivo del prof. Vittorio Sgarbi.

Esposizione Triennale di Arti Visive a Roma

Complesso del Vittoriano – Ala Brasini, Via San Pietro in Carcere,

Inaugurazione 1 aprile dale 15.00 alle 19.00

 

Orari:

Lunedì | Giovedì 9.30 | 19.30

Venerdì | Sabato 9.30 | 22.00

Domenica9.30 20.30 Ingressolibero

L’ingresso è consentito fino a 45 minuti prima dell’orario di chiusura

Palazzo Velli Expo, Piazza Sant’Egidio 10, Roma

Orari:Lunedì | Venerdì 11.00 | 19.00 Sabato e Domenica chiuso Ingresso libero

Fondazione Venanzo Crocetti, via Cassia 492, Roma

 Orari:

Lunedì | Venerdì 11.30 | 13.00  | 15.00 |19.00

Sabato 11.00 | 19.00 – Domenica chiuso Ingresso libero

 Catalogo Start, € 25  Introduzione di Vittorio Sgarbi

www.esposizionetriennale.it | @esposizionetriennalediroma | #triennalediroma2017 | #T17

 Ufficio Stampa centrale email: startsrls2015@gmail.com  

Cell. 380 6872197


I Vantaggi della Vendita di Tappeti Online sul Sito Morandi Tappeti

0 commenti

La scelta di un tappeto non è affatto semplice, sia per l’incredibile varietà di soluzioni sia per il valore artistico di questi prodotti. Decidere se acquistare un antico tappeto persiano o un bellissimo tappeto moderno richiede tempo e accurate riflessioni, sia sullo stile che si vuole dare con l’arredamento della propria casa sia in base a gusti e preferenze.

Quando si parla di tappeti orientali antichi o contemporanei, realizzati e annodati a mano da esperti maestri con le migliori materie prime, tinte e fibre naturali si pensa generalmente ad un acquisto presso un punto vendita fisico e specializzato. In realtà sta diventando sempre più comune e per molti aspetti conveniente rivolgersi a e-commerce per la vendita di tappeti online.

Entrambe le modalità d’acquisto hanno i loro pregi e difetti, per questo motivo Morandi Tappeti offre ai suoi affezionati clienti sia la possibilità di acquistare i prodotti direttamente dal suo sito online, sia di recarsi presso i tre punti vendita a Crema, Castelvetro Piacentino e Pietrasanta.

 

I Vantaggi di Acquistare Tappeti Online

In quanto opere d’arte, è innegabile che poter toccare con mano e vedere dal vivo i tappeti sia un enorme punto di forza che offrono soltanto i punti vendita fisici, possibilità che non è appunto garantita da un e-commerce online. Inoltre il rapporto diretto che si crea con un venditore appassionato e competente può risultare fondamentale nel guidare il cliente verso la decisione più adatta alle sue esigenze.

Allo stesso tempo i siti di vendita online offrono una serie di vantaggi estremamente rilevanti anche in questo particolare settore. Infatti permettono a ogni appassionato, in qualsiasi momento della giornata e con la massima comodità, di esplorare dal proprio computer tutte le collezioni disponibili, potendo fare rapidi e veloci confronti e avendo sempre sott’occhio le caratteristiche e il prezzo di ogni tappeto. Inoltre per ogni pezzo unico è stata creata un’apposita scheda prodotto dove poter guardare tutte le foto del tappeto dettaglio per dettaglio. Infine per ovviare all’impossibilità di vedere i tappeti dal vivo, Morandi Tappeti offre il servizio della prova a casa, grazie alla quale sarà possibile ricevere il tappeto con un corriere per un certo periodo di tempo, in modo da poterne valutare l’acquisto una volta osservato nel contesto in cui dovrebbe andare a collocarsi.

 

Come è Strutturata la Vendita di Tappeti Online di Morandi Tappeti?

Per rendere ancora più semplice e immediata la ricerca sul proprio sito, Morandi ha suddiviso il suo assortimento in varie categorie, che si distinguono per lo stile e la provenienza dei tappeti.

I Persiani rappresentano probabilmente la categoria più amata ed apprezzata dagli appassionati di questo settore. Sul sito vengono ulteriormente suddivisi in antichi, vecchi, nuovi e moderni per facilitare la ricerca della soluzione perfetta per il cliente.

I Moderni e Contemporanei racchiudono al loro interno tutti i pezzi realizzati negli ultimi anni, da artisti e maestri del tappeto che hanno saputo dare la loro reinterpretazione artistica della tradizione, mantenendo le tecniche di lavorazione più antiche.

Altre importanti categorie sono quelle dei Caucasici, annodati nella regione del Caucaso con il tipico nodo simmetrico ghiordes, e i Classici in cui sono inseriti i tappeti nuovi dal classico disegno floreale e i tappeti decorativi o stilizzati provenienti dall’Asia centrale, mentre tappeti turchi, cinesi e di altre origini e provenienze sono raccolti nella collezione Altri Tappeti. Sul sito di Morandi Tappeti è inoltre possibile osservare ed acquistare bellissimi Kilim intrecciati a mano.


Pagina 1 di 9612345»...Fine »