segui LMN:     



Edilforma Italia e Stefano Ruvolo: un aiuto alle piccole e medie aziende italiane

0 commenti

Stefano Ruvolo è un importante manager italiano con una grande conoscenza del settore delle piccole e medie imprese italiane.

Stefano Ruvolo Confimprenditori
Il percorso di Stefano Ruvolo

Il percorso professionale di Stefano Ruvolo ha inizio al termine del proprio percorso formativo e, dopo aver ricoperto alcuni ruoli in ambito provinciale, approda a Monte Paschi Serit Sicilia dove è nominato Ufficiale di riscossione. Nel 2010 ottiene l'abilitazione alla certificazione e prevenzione degli incendi (Legge 818/1984), perfeziona la gestione di pratiche INPS, come ad esempio interventi in materia previdenziale, pensioni indennità e contenziosi, e INAIL, per interventi in materia di danni alla salute sul luogo di lavoro, infortuni e malattie professionali. È anche l'anno della svolta professionale: riceve infatti la nomina a Presidente di Confimprenditori e l'anno successivo a Presidente provinciale di AIC – Associazione Italiana Coltivatori, di cui nel 2013 viene eletto Membro della Giunta Nazionale.


Stefano Ruvolo e l'esperienza presso Edilforma Italia

Nel 2012 Stefano Ruvolo viene nominato Presidente di Edilforma Italia, Ente Paritetico Bilaterale Nazionale per la Formazione Professionale per la tutela della Salute e della Sicurezza nei luoghi di lavoro nel settore dell'Edilizia e affini. L'ente nasce grazie alla collaborazione tra Confimprenditori e l'Unione Sindacati Lavoratori e svolge principalmente attività volte a informare, assistere, formare e promuovere le tematiche relative alla sicurezza e alla salute nei luoghi di lavoro. I servizi si rivolgono principalmente a piccole e medie imprese e ai lavoratori autonomi. Grazie ai servizi proposti si vuole incentivare la prevenzione per ciò che riguarda il rischio degli infortuni sul lavoro, nel pieno rispetto delle più recenti normative relative alla sicurezza.


Per ottenere maggiori informazioni relative alla carriera di Stefano Ruvolo visita il profilo presente su H2biz.


Carbossiterapia, anidride carbonica per migliorare il microcircolo

0 commenti

Cos’è?

La carbossiterapia è una procedura terapeutica che prevede l’iniezione di anidride carbonica (Co2) nel sottocute e tessuto adiposo. La storia della carbossiterapia prende origine in Francia negli ani ‘30 nell’ambito della medicina termale.

Il CO2

L’anidride carbonica viene prodotta naturalmente dal nostro organismo (prodotto intermedio del metabolismo cellulare). Si tratta dunque di un sistema atossico e non embolico, senza pericoli o rischi per il paziente.

Il Co2 una volta iniettato nell’organismo causa vasodilatazione locale (aumento del flusso vascolare) con conseguente aumento della pressione dell’ossigeno e dell’Effetto Bohr (riduzione dell’affinità dell’emoglobina all’ossigeno). Il risultato finale della carbossiterapia è l’incremento della concentrazione periferica di ossigeno con il conseguente miglioramento del metabolismo tissutale.


L’impegno amministrativo e socio-sanitario di Antonio Mastrapasqua

0 commenti

Antonio Mastrapasqua è Consigliere indipendente e Presidente del Comitato per la Remunerazione e le Nomine di GTECH S.p.A.

Antonio Mastrapasqua - Youtube

Gli incarichi amministrativi ricoperti da Antonio Mastrapasqua

Antonio Mastrapasqua è un manager con ampia esperienza nella direzione e gestione di realtà societarie ed enti, sia pubblici che privati. Grazie alla formazione ricevuta, di tipo economico e finanziario, ha collaborato con alcune delle più prestigiose aziende operanti all'interno del settore. Tra i principali incarichi si ricordano quelli di Presidente del Consiglio di Amministrazione per numerose aziende italiane: è stato incaricato principalmente della gestione di portafogli immobiliari complessi e di fondi di investimento. 
Ha ricoperto inoltre il ruolo di Sindaco effettivo all'interno di importanti realtà aziendali come ad esempio Autostrade per l'Italia S.p.A, Coni Servizi S.p.A., ente per la promozione di attività sportive e Loquendo S.p.A., leader nel settore delle tecnologie di riconoscimento vocale. Altro ruolo di notevole importanza è quello di Presidente del Collegio Sindacale: tra le principali aziende in cui ha ricoperto questa posizione spiccano Telenergia S.r.l., che si occupa della produzione di energia elettrica, e Mediterranean Nautilus Italy S.p.A., operante nel settore delle telecomunicazioni.

Antonio Mastrapasqua: ruoli dirigenziali nel settore socio – sanitario

Dal 2001 Antonio Mastrapasqua è incaricato della direzione dell'Ospedale Israelitico, Ospedale provinciale specializzato la cui sede è situata nella città di Roma. Dal 2007 è stato scelto come nuovo direttore della Casa di Riposo ebraica di Roma, struttura in grado di offrire servizi integrati e coordinati nel campo socio-sanitario; tra i progetti di business è prevista l'implementazione della struttura a centro di aggregazione per la popolazione anziana autosufficiente.
Attualmente ricopre l'incarico di Consigliere indipendente e di Presidente del Comitato per la Remunerazione e le Nomine di GTECH S.p.A., azienda leader nel settore del mercato regolamentato dei giochi, che produce tecnologie innovative per sistemi centrali di controllo, terminali di gioco, gaming machine, canali multigaming, lotterie online.

Per maggiori informazioni e per visualizzare tutti gli interventi di Antonio Mastrapasqua visita la sua pagina su Youtube.


Nuovo direttore presso la sede Gef Mediazione di Milano

0 commenti

GEF Mediazione: è la Dottoressa Angela Chinnì la nuova responsabile della sede di Milano

 

Milano 25 Novembre 2014. Nuovo direttore, per la sede sita a Milano in via Freguglia, di Gef Mediazione è Angela Chinnì, esperta nel settore della mediazione civile e commerciale.

Con la nomina di un responsabile locale, Gef Mediazione conferma la volontà di far sentire maggiormente la sua presenza sul territorio lombardo. La mission dell’organismo è duplice: da un lato offrire attività di consulenza per imprese e cittadini che necessitano di un mediatore professionista; dall’altro promuovere corsi di formazione e aggiornamento per mediatori e aspiranti tali.

Introdotto dal decreto legislativo 4 marzo 2010 numero 28 come alternativa al processo civile, il procedimento di mediazione è particolarmente apprezzato per i tempi rapidi e costi certi, come conferma il neo direttore di Gef Mediazione Milano. “Una causa civile, solo per poter iniziare, richiede un’attesa dalla notifica di citazione alla prima udienza di almeno 90 giorni e spesso la prima udienza viene ulteriormente rinviata per non parlare poi della durata incerta e lunga dei processi e delle conseguenti spese. Il tutto rende il processo civile un processo “pesante da sopportare” per cittadini e imprese. Il procedimento di mediazione, invece, ha una durata massima di 3 mesi e costi predeterminati. Altro aspetto da non sottovalutare – spiega Angela Chinnì – riguarda l’essenza e le modalità attraverso cui si svolge il procedimento. La mediazione risolve i conflitti tra le parti attraverso il dialogo, appianando le liti, mantenendo e talvolta recuperando i rapporti commerciali, patrimoniali e personali”.

Gef Mediazione è uno dei rami di attività della Società per Azioni "GEF Consulting S.p.A", fondata dal Cav. Dott. Carlo Scarpone nel 2002 e operante nel settore dell’aggiornamento tecnico-professionale e nella consulenza alle Piccole Medie Imprese.

 

Gef Mediazione

 

Milano 20122

Via Freguglia n. 10

Tel: 02. 55 19 97 34

Fax: 02. 48 63 08 42

 

Dott.ssa Angela Chinnì 

 

Cell. 349. 29 82 717                                                                                                                                                                           



Julien Friedler “Voyage” a Ventimiglia

0 commenti

L’esposizione s’intitola voyage e riflette gli aspetti della sua meditazione interiore, viaggio intimo che l’artista restituisce sulla tela in opere forti e toccanti.
Si tratta anche di viaggi effettivi, attraverso i quali Friedler torna alle origini e riattiva la propria ispirazione nella meditazione e nel contatto con altre realtà.
La mostra propone circa 70 opere. Tra lavori ad olio su tela di grande formato e carte più piccole che rappresentano le tracce del suo passaggio in luoghi di soggiorno propizi al raccoglimento, nei quali egli risiede circa una settimana al mese. Questi spostamenti sono fonte di comunicazione e di conoscenza e rigenerano il lavoro dell’artista.

Julien Friedler è pittore. Un pittore che osserva il mondo, e da questa contemplazione nasce una forza di ricezione e trasmissione delle percezioni visibili e invisibili delle energie vive che abitano il nostro pianeta. La sua arte mette in moto sensazioni, relazioni, analisi, capacità di azione, e ed è concepita come opera di integrazione di tutte le espressioni vitali, derivino esse dalla propria esperienza o da quella altrui. La sua azione, di conseguenza, riveste molteplici aspetti e la sua opera abbraccia vari campi, dalla letteratura alla filosofia, dall’analisi sociologica alle arti plastiche (pittura, scultura).

Il suo linguaggio artistico comporta una produzione pittorica generata dalla propria necessità creatrice, dal proprio desiderio di trasmissione spontanea e viscerale, derivante da quello che l’artista definisce: «tentativo di scoprire ciò che costituisce l’essenza passionale delle persone». Julien Friedler procede secondo una modalità quasi ipnotica, senza vincolo di soggetti, di materiali messi in opera, definendo così un ritmo, un modo di espressione informale. La qualità della sua opera deriva dalla sua capacità di dissociazione e introspezione che egli applica a se stesso, prima di interessarsi agli altri, e dal voler scoprire nell’altro le motivazioni più intime: esplorare l’animo umano.

La sua indagine si cristallizza nel suo lavoro anche in una forma più concettuale, generata da un altro volto del contemplatore, impersonato dall’alter ego di Friedler: Jack Balance. Vicina al linguaggio Fluxus, questa parte della sua opera rappresenta un tentativo di fusione tra diverse forme di espressione. Come in Fluxus, l’arte è supporto di scambio e di comunicazione, che corrisponde più a un atteggiamento verso la vita, a un tentativo di abolire le frontiere che separano quest’ultima dall’ambito della creazione artistica. Non vi è più oggetto privilegiato, sacralizzato dalla denominazione “arte”, né categoria fissa come teatro, musica, arti plastiche e letteratura, ma una base comune di scambio che si traduce in proposte, gesti e azioni che richiedono una partecipazione collettiva.

Facendo eco alla propria pittura e secondo questa filosofia di indagine e condivisione, Julien Friedler ha concepito un progetto di installazione intitolato «La Forêt des Âmes» (La Foresta delle anime), progetto ambizioso e partecipativo promosso dall’associazione Spirit of Boz, fondata nel 2006. Boz definisce una tendenza attuale, al tempo stesso filosofica e artistica interattiva, interessata dalla convergenza delle energie e delle forze sensibili universali che si esprimono nelle risposte spontanee a un questionario, elaborato dall’artista e che l’associazione di Boz raccoglie. Queste migliaia di risposte costituiscono il materiale necessario all’edificazione di colonne che costituiranno l’opera intitolata «La Forêt des Âmes». Funzionando per riflesso individuale o collettivo, Spirit of Boz fa nascere una leggenda o una spiritualità moderna fondata sull’arte. Il suo punto di vista è contemplativo e non militante. Il suo ideale: la pace interiore al di là della confusione e della frenesia.

La sua carica emotiva e sensibile, la sua capacità introspettiva, arricchita da una conoscenza dei meccanismi segreti degli esseri umani, che oggi Friedler sviluppa nel suo progetto di Boz, ma che egli ha nutrito tempo addietro attraverso la pratica della psicanalisi, alimenta il suo immaginario pittorico. Le sue opere sono abitate da spiriti invisibili, da ombre furtive che vagano in universi eterei. Di ispirazione informale, i suoi quadri talvolta inquietanti ma spesso colorati e aerei, definiscono una pittura fatta di armonie sottili, che riflettono il suo interesse per le conoscenze subliminali del mondo. Vi è qualcosa di surrealista nella sua arte, ma in una componente più onirica e più gestuale. Julien Friedler restituisce sulla tela l’energia dei flussi invisibili che circolano nell’universo, dando corpo a una mitologia ancorata alla realtà del nostro tempo e all’eternità del divenire.

L’esposizione sarà accompagnata da un catalogo bilingue, con un testo di Dominique Stella, pubblicato per l’occasione da Jacques Flament éditions (Francia). La mostra è promossa da l’Association Julien Friedler pour l’Art Contemporain Spirit of Boz – Julien Friedler.

Info:
Association for Contemporary Art Spirit of Boz – Julien Friedler, Corso Italia 3/18012 Bordighera
(IM) Italia, tel: ++33.6.40.62.04.34, www.spiritofboz.com

Orari :
martedì, giovedì e sabato: ore 9,00-12,30/ 15,00-17.00
mercoledì e venerdì: ore 9,00 – 12,30
prima e terza domenica del mese: ore 10-12,30
Chiusura settimanale: lunedì
Civico Museo Archeologico “Girolamo Rossi”
Via Verdi, 41 – 18039 Ventimiglia Italia
tel. +39 0184 35.11.81 –
info@fortedellannunziata.it
www.marventimiglia.it


Cinquanta sfumature di Red Carpet

0 commenti

Il Red Carpet ideato dalla stilista Marzia Cerolin e dal manager Stefano Sturlese presentato per la prima volta in occasione del Premio Lunezia la scorsa estate a Marina Di Carrara è stato riproposto in occasione del festival del cinema Agave di Cristallo a Pietrasanta il 22 Novembre, sbarcando per la prima volta nella splendida citta’ toscana, portando mondanita’ e stile ed aprendo la stagione mondana autunnale.Piera degli Esposti,Abel Ferrara,Sebastiano Rizzo,Enrico Lo Verso,Rolando Ravello, alcuni dei prestigiosi nomi che hanno sfilato sul tappetto rosso con gli innumerevoli paparazzi e miss che hanno creato lo spettacolo nello spettacolo,prima di passare ad un vero e proprio momento di cultura,quello della premiazione dei film per i dialoghi.


“Napoli nel cuore” un corto sociale su Napoli scritto e diretto da Giuseppe Cossentino

0 commenti

E’ uscito il Dvd scritto è diretto da Cossentino tratto dal libro Piccolo e Nappa.

E' uscito il Dvd collegato al libro Napoli nel cuore. Book Trailer/ Corto Sociale tratto dal romanzo scritto a quattro mani dalla poetessa definita da accademie e associazioni "ambasciatrice della poesia italiana nel mondo" Tina Piccolo  e dal conduttore e giornalista Giuseppe Nappa. Scritto e diretto dall'autore e sceneggiatore Giuseppe Cossentino questo lavoro rappresenta il suo debutto alla regia cinematografica.  Cossentino già conosciuto per il successo del primo radiodramma sul web "Passioni senza fine". il regista dichiara: Questo corto racconta una Napoli vista in una prospettiva diversa, per me è un film in otto minuti che racconta la Napoli bella, pulita ed artistica attraverso tre grandi professionisti. Credo che ho colto a pieno il grande cuore della poetessa e del giornalista. Attori professionisti hanno preso parte a questo lavoro è sono: Emanuela Tittocchia Attrice è parte del  della famosa soap di canale 5 CentoVetrine  nel ruolo di "Carmen   Rigoni"  tantissime volte ospite a Mattino 5 e tantissime trasmissioni nazionali, Anna Capasso Attrice e Cantante tantissimo teatro in Italia ed è  stata ospite in diverse trasmissioni nazionali come Cinematografo, Applausi su Raiuno e tante altre, Mariano Mascolo Attore, teatro, stage con tantissimi professionisti del cinema e del doppiaggio. La produzione di questo lavoro è di Giuseppe Nappa, Giuseppe Cossentino e Alessandra Vergara. Riprese e Montaggio a cura di Giuseppe Ponticiello, Truccatore Agostino Di Stasio,   Graphic design Ilaria Del Giudice, Foto di copertina è a cura del fotografo Ciro Amalfitano, Voce Narrante è di Anna Capasso. Il Dvd è uscito collegato al libro scritto a quattro mani dalla amata poetessa Tina Piccolo e da Giuseppe Nappa il tutto pubblicato da Autorinediti e stampato da grafica elettronica. Un Book Trailer/ Corto Sociale che è un inno alla nostra amata città. Una sinergia unica per un grande progetto. Mi raccomando diffondete e chi ama Napoli non può fare almeno di avere nella sua biblioteca questo Libro e questo Dvd.

Normal
0

14

false
false
false

IT
X-NONE
X-NONE

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-priority:99;
mso-style-parent:”";
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin-top:0cm;
mso-para-margin-right:0cm;
mso-para-margin-bottom:10.0pt;
mso-para-margin-left:0cm;
line-height:115%;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:11.0pt;
font-family:”Calibri”,sans-serif;
mso-ascii-font-family:Calibri;
mso-ascii-theme-font:minor-latin;
mso-hansi-font-family:Calibri;
mso-hansi-theme-font:minor-latin;
mso-fareast-language:EN-US;}


Disponibile “Fin”, il nuovo album targato Thomas.

0 commenti

Dopo il debutto con "Mr Thomas's Travelogue Fantastic" (Automatic/Goodfellas), la band piemontese pubblica il suo secondo LP (Seahorse Recordings), confermando nuovamente la propria sfuggevolezza alle classificazioni.

Etichetta-Seahorse Recordings; Distribuzione digitale-The Orchard; Distribuzione fisica-Audioglobe; Editore-New Model Label

Spotify https://play.spotify.com/album/36iXnFVw4MUXOmMjoJORYy

Soundcloud https://soundcloud.com/thomastheband/sets/fin

YouTube https://www.youtube.com/user/Thomastheband

iTunes https://itunes.apple.com/it/album/fin/id938193406?l=en

Registrato e prodotto dallo stesso cantante della band, Massimiliano Zaccone tra Acqui Terme e Torino negli studi Audiomokette, "Fin" mostra sempre lo stampo caratteristico della band dai tratti funk e groove aggiungendo un tocco più psichedelico e riflessivo.

Gli undici brani dal tocco pop rappresentativo dei Thomas dagli esordi presentano una produzione ricercata nel suono e nella composizione, non mancano inoltre le collaborazioni che vedono anche l'incursione di strumenti atipici quali il violino grazie alla partecipazione di Alex Leonte, mentre troviamo Matteo Cerboncini alla chitarra solista e la sezione dei fiati è affidata alla Bandarotta Fraudolenta.

Il primo singolo e videoclip "April Fool", il cui testo è stato regalato dal

cantante della Tom Ton Band Andrea Canobbio, vede i Thomas impegnati in un esperimento acustico ben riuscito. "Fin" in questo modo rappresenta un'ulteriore prova del gruppo di saper sfruttare la sua poliedricità musicale senza mai perdere il sound che lo contraddistingue. L’album è disponibile su tutte le principali piattaforme di distribuzione digitale (iTunes, Spotify…) e in cd distribuito da Audioglobe. Dopo essersi esibiti in più di 60 live che hanno seguito la pubblicazione del disco d'esordio, tra cui Asti Musica con Goran Bregovic e Collisioni a Barolo, i Thomas sono pronti a calcare nuovamente i palchi nazionali ed internazionali per proporre un show ulteriormente rifinito e ballerino. “Siamo convinti che il nuovo lavoro ci rappresenti a pieno, e non vediamo l’ora di proporlo dal vivo, una dimensione che abbiamo sempre amato e dove diamo il massimo” dichiara la band.

Di “April Fool”, primo singolo scelto, i Thomas dicono: “è una toccante ballad acustica dal gusto folk, con le armonie vocali che riempono lo spazio tra le casse. Il testo è di Andrea Canobbio, cantante della Tom Ton Band.”. Della canzone è stato realizzato anche il videoclip, per la regia del cantante del gruppo Massimiliano Zaccone.

Guarda il videoclip di “April Fool”

Tracklist

Universe Is Me

Lowland Boletus

Masturbation

Tether

Miracolo Italiano

A New Ending

U Turn Me Up

Nine O’ Clock

April Fool

The Fastest Singer In The World

When Mr Thomas Met Santhe

Biografia

I Thomas nascono durante una serata in quella che sarebbe diventata la loro sala prove nel marzo 2001. Nel corso degli anni la band si è modellata fino all’attuale formazione che vede Giordano Menegazzi alle tastiere, Enrico Di Marzio alla chitarra elettrica, Nicolò Gallo al basso, Sergio Sciammacca alla batteria e Massimiliano Zaccone a synth, voci e percussioni. Per i primi anni il gruppo si occupa esclusivamente della dimensione live, con show basati prevalentemente sull’improvvisazione, ed è solo nel 2010 che decidono finalmente di chiudersi in studio e riassumere le idee in pezzi fatti e finiti: ne viene fuori il loro primo album “Mr. Thomas’ Travelogue Fantastic” (Automatic/Goodfellas) con conseguente tour italiano ed europeo con piu' di 60 date in un anno. Nel dicembre 2010 danno alle stampe uno split single su vinile a 45 giri con il poliedrico dj genovese Tarick1. L’approccio dei Thomas alla musica è radicale, senza selezione tra generi o stili, ma solo tra musica bella o brutta, se possibile sottolineando il tutto con un pò di ironia; quindi il compito che si sono dati è quello di riportare il buonumore nella musica indipendente italiana, generalmente molto “seriosa”. Gianrico Bezzato, autore chitarrista e cantante degli Knot Toulouse, definì la band “una sachertorte allucinata per palati fini predisposti al divertimento intelligente”. Ora i Thomas continuano la loro corsa in fuga da generi e catalogazioni pubblicando per Seahorse Recordings il loro secondo lavoro intitolato “Fin”. Anche questo è prodotto e registrato dal cantante del gruppo, Massimiliano Zaccone, negli studi Audiomokette e si presenta come un album più psichedelico e riflessivo ma che non sacrifica il caratteristico sound della band votato al funk e al groove. Undici brani che si intrecciano in una produzione ricercata nel suono e nella composizione, senza dimenticare l’immediatezza pop che contraddistingue i Thomas sin dagli esordi.

Rassegna stampa

ROCKIT di Letizia Bognanni: “l'abilità dei Thomas sta nella fluidità con cui compiono il loro viaggio sonoro, rendendolo per l'ascoltatore un percorso stimolante e divertente.”

ROCKERILLA – Recensione di Francesco Casuscelli: “… spiazza ad ogni giro d’angolo e riesce a sfornare melodie orecchiabilissime”

FULL SONG – Recensione di Piero Vittoria: “…un lavoro affascinante e degno di prendere posto nelle case di chi ama la buona musica.”

BUSCADERO – Rubrica Italians Do It Better “…sfornano un disco che diverte proponendo musica di classe…ecclettici!”

ROCKAMBULA – Recensione di Marco Vittoria: “… non deluderà le aspettative dell'ascoltatore e lo costringerà a diventarne dipendente (…) non mancheranno di appassionarvi sin dal primo secondo d'ascolto.”

BLOW UP – Recensione di Piergiorgio Pardo: “.. hanno fantasia, amore per la musica, energia, vitalita’, tecnica, feeling e ironia (…) Un esordio davvero notevole.”

MUSIC ON TNT – Recensione di Loris Gualdi: “…disco destabilizzante e coinvolgente (…) dentro al quale saprete perdervi”.

SHIVER – Recensione di Max Sannella: “…una piccola perfezione che fa lezione a tanti”.

IL FATTO QUOTIDIANO – Articolo/Intervista di Pasquale Rinaldis: “Un disco dal quale non si può che essere stregati, e soggiogati dopo averlo ascoltato.”

PAPERSTREET – Matteo Conti: “…Le dieci canzoni dell'album spaziano amabilmente tra generi diversi, situazioni impossibili messe insieme con maestria da arrangiamenti che ci regalano un ricco affresco compatto e riuscito”.

LO SPETTACOLO: “i Thomas si mostrano colti e spensierati allo stesso tempo. Mr. Thomas’s Travelogue Fantastic è un album in cui sono presenti ritmi e sonorità mai banali…un’identità musicale libera da qualsiasi schema artistico precostituito.”

SOUND 36 – Recensione di Serena Zavatta: “…Mr Thomas’ s Travelogue Fantastic va sentito a ripetizione con la consapevolezza che non sarai lo stesso personaggio per più di un paio di minuti a canzone. Pensi di poterlo fare?”

Next Gigs

29 novembre @ L'Isola Condorito, Cuneo

6 dicembre @ Beer Room, Pontinvrea (SV)

26 dicembre @ Raindogs House, Savona

27 dicembre @ Bar Dante, Acqui Terme (AL)

Foto band

https://db.tt/dN8FkEOi

https://db.tt/H6Nh9VDq

https://db.tt/aSODSv6b

https://db.tt/OAjXFi0w

Contatti

Fan Page www.facebook.com/thomastheband

Sito ufficiale www.thomastheband.com

Press Media Office

www.blobagency.com

www.facebook.com/blobagency

Frank Lavorino 339 6038451

antipop.project@gmail.com

Skype: sgrooveman


Google consumer barometer, capire dove e come vendere grazie al web

0 commenti

Il Consumer Barometer è un prodotto realizzato in collaborazione con Google, in grado di fornire delle utili evidenze in favore di tutti coloro i quali si stanno accingendo a vendere con il web. Ma cosa è il Consumer Barometer? E perché potrebbe essere veramente impossibile farne a meno?

 

Cosa è il Consumer Barometer

Il Consumer Barometer (d’ora in poi, per comodità, CB) è uno straordinario strumento posto a disposizione gratuita da Google per permettere ai soggetti interessati di conoscere in che modo gli utenti di tutto il mondo si relazionano con Internet. Attraverso il CB sarà quindi possibile ottenere una ricca serie di informazioni sempre aggiornate, mediante le quali orientare le proprie politiche di marketing. Qualche esempio?

 

Che dati ottenere con il Consumer Barometer?

Attraverso il CB è oggi possibile ottenere un ricco ventaglio di dati. Ecco i principali:

-          Numero di smartphone connessi a Internet per persona

-          Tasso di utilizzo di smartphone nella popolazione

-          Frequenza di utilizzo di Internet

-          Tasso di penetrazione dei social media

-          Percentuale di acquisto di abbigliamento e calzature online

-          Tasso di effettuazione di ricerche online

-          Utilizzo dello smartphone durante i processi di acquisto

-          Tasso di richiesta di informazioni prima dell’acquisto di una TV

-          Consultazione di video online per ottenere informazioni su specifici prodotti

-          Consultazione di video online in compagnia del coniuge

-          … e tanto altro ancora!

 

Come personalizzare i dati del Consumer Barometer

Oltre ad essere una vera e propria miniera di informazioni basilari sulle modalità di approccio alla clientela di un determinato mercato, il CB è una piattaforma estremamente flessibile, che permetterà di poter indagare nel dettaglio le abitudini di utilizzo della rete (fissa e mobile) in qualsiasi nazione, ottenendo non solamente un’analisi sull’evoluzione temporale, quanto altresì degli spaccati più profondi sui singoli parametri di osservazione.

Ogni grafico può inoltre essere facilmente modificato a seconda delle proprie abitudini di consultazione, condiviso con altri utenti, scaricato in formato immagine (PNG) o in formato CSV per una futura rielaborazione.

 

Come utilizzare i dati del Consumer Barometer

I dati ottenibili attraverso il CB possono essere facilmente utilizzati per poter migliorare la propria strategia di marketing, finalizzando e rendendo più efficaci i propri sforzi di comunicazione, distribuzione, promozione online.

Si può ad esempio scoprire con estrema facilità che i consumatori olandesi sono quelli più connessi attraverso diversi dispositivi (in media, 3,6 per persona), il triplo di quelli brasiliani. Ancora, si può scoprire che il tasso di penetrazione degli smartphone all’interno della popolazione di Singapore non conosce termini di paragone in tutto il mondo (85%), essendo quasi doppio rispetto al mercato russo (45%).

Per quanto concerne la frequenza di utilizzo della rete, il tasso maggiore si tocca in Giappone, dove il 95% dell’utenza accede alla rete almeno una volta al giorno, contro una percentuale del 52% in Messico. E che dire dei social network? Sapevate che il Paese nel quale il tasso più elevato di popolazione utilizza i social media è la Turchia, con il 92% delle persone che fruisce delle community online?

Ulteriormente, se avete intenzione di vendere abbigliamento e calzature, forse potrà essere utile sapere che in Corea del Sud ben il 75% delle persone che ha effettuato un acquisto in tal settore ha comprato online, contro una percentuale di soli 11 punti in Canada. Se invece volete vendere TV in Germania, fate attenzione alla vostra comunicazione online: tre tedeschi su quattro, prima di comprare una TV, effettuano approfondite ricerche online…


IL NUOVO DISCO DI MISTA B & GIONATHAN – COME SABBIA

0 commenti

COME SABBIA – LE NUOVE FRONTIERE DELLA MUSICA URBAN IN ITALIA

IL NUOVO DISCO DI MISTA B & GIONATHAN


Videoclip MISTA B & GIONATHAN "L'unico" – https://www.youtube.com/watch?v=Tz3954d8HJk

Videoclip MISTA B & GIONATHAN "Mai" feat. MAXI B & ATPC – https://www.youtube.com/watch?v=1f_QOyh0Ngw

"Come Sabbia" é il primo disco ufficiale del duo formato dal noto produttore e Dj Bolognese Mista B e da Gionathan, talentuoso cantante di Torino. Il disco, pubblicato dall'Etichetta Latlantide (17 novembre 2014) e distribuito da Edel, aveva già fatto parlare di se attraverso i numerosi successi ottenuti nei mesi scorsi dai due artisti.
Mista B e Gionathan hanno vinto il primo posto come “artisti zimbaland” per le finali nazionali del "Vocal Talent Show", sono stati selezionati e inseriti fra i dieci migliori video per la categoria indipendenti di Plindo e hanno ottenuto numerosi consensi anche all'estero (specialmente Inghilterra, Canada e Usa), dove i singoli proposti sono entrati nel palinsesto di numerose radio.
Disponibile in digitale e in copia fisica, il disco si pone l’obiettivo di rilanciare la musica Urban allontanandola dai soliti cliché che la vedono spesso protagonista di pregiudizi dove in un mercato musicale in cui la ghettizzazione è lo standard, “Come Sabbia” parte dalla musicalità “nera” per arrivare a proporre vere e proprie contaminazioni attraverso suoni contemporanei quali l’RnB, il Funk e il Soul.
Un disco “groove” e fresco capace di accattivare ogni tipo di ascoltatore grazie alla grande dinamicità musicale che possiede, un album che, come la sabbia, sa occupare spazi diversi e modellarsi a seconda delle esigenze, di adattarsi al suo contenitore, ma senza mai perdere le sue proprietà originali, granelli impalpabili in grado di corrodere se trascinati dal vento e di diventare cemento se mescolati ad altri materiali.
“Come Sabbia” racconta di vita, di esperienze personali,di amore, lo fa in maniera determinata e senza mezzi termini, ad accompagnare “Come Sabbia” il video (diretto da Francesco Martinati) di uno dei singoli più ambiziosi del progetto : “L’unico”,  il brano, oltre a presentare le potenzialità canore di Gionathan e a confermare l’abilità sonora di Mista B, rappresenta la voglia di internazionalità che contraddistingue il messaggio portato dai due artisti. Il singolo esce infatti in due diverse versioni : in Italiano (per omaggiare la lingua madre) e in Spagnolo, lingua molto cara a Gionathan grazie alle sue precedenti esperienze lavorative.
“L’Unico” tratta un tema spesso presente nel disco : l’amore, quello tormentato e combattuto che si miscela ai sentimenti della gelosia e della paura, toccando vari aspetti della vita quotidiana e del vivere di oggi, “Come Sabbia” sa trasportare l’ascoltatore in un nuovo mondo e sa renderlo partecipe attraverso un vero e proprio messaggio positivo.
Il disco è orientato alla musica e a una perfetta ricerca lirica, sinuoso, affascinante, ricco di spunti e riflessivo, non annoia e si fa apprezzare per la grande eterogeneità proposta, adatto a ogni fascia di età, presenta in maniera pulita e sincera il mondo della musica urbana.
Senza interferenze e con genuinità, con stile, passione e con attitudine.

Artista: MISTA B & GIONATHAN
Titolo Album: “COME SABBIA”
Data di Uscita: 17 novembre 2014
Distributore: Edel Italy srl

www.comesabbia.it
https://www.facebook.com/mistabworld
https://twitter.com/MistaBworld
www.gionathan.com
https://www.facebook.com/GionathanOfficial
www.twitter.com/Gionathands
www.latlantide.it

 

 

 

 


Pagina 1 di 91712345»...Fine »