segui LMN:     



EasyJet: la scalata inarrestabile della compagnia low cost!

0 commenti

Normal
0
14

Una avanzata taciturna che registra risultati e che si decifra con guadagni in aumento di più del 50%. E’ questo il modo in cui la compagnia inglese low cost easyJet ha chiuso il 2013, con profitti in deciso progresso e guadagni incrementati del 10% rispetto al 2012 e che vedono la nostra penisola tra i mercanti principali del suo business.

Il mercato italiano fa registrare un incremento del 6% nell’operativo terminato per fine settembre e sull’Italia il vettore inglese, diretto da Carolyn McCall, ricava uno share del 12% che lo pone come uno dei principali leader del trasporto aereo.

Una flotta di 25 aerei in colorazione arancione, a difesa delle sue due attuali basi operative, quella di Roma Fiumicino e Milano Malpensa, alle quali si aggiungerà quella dello scalo di Napoli Capodichino la prossima primavera 2014. E recentemente easyJet ha anche comunicato un massiccio investimento per i voli Milano Catania.

Però un fattore determinante per l’ascesa ai guadagni della low cost inglese è rappresentato anche dalla partenza dei voli sul collegamento Milano Linate – Roma Fiumicino, una delle rotte maggiormente trafficate in Italia ed al tempo stesso la rotta Milano Malpensa–Sharm el Sheikh. Finora tutti i bilanci sono in positivo, dai guadagni a + 10 % rispetto all’anno precedente fino all’incremento dei passeggeri passati a +4% e tutto ciò significa che la strada intrapresa è vincente.

Senza pubblicità e analizzando in modo attendo l’evoluzione del mercato easyJet ha accumulato numeri da record e continua la sua silenziosa conquista del mercato europeo ed italiano, a dispetto di coloro che sostengono che il mercato delle low cost non è capace di garantire guadagni cospicui.


Caso Cosentino, sen. D’Anna (GAL): “E’ proibito fare jogging nel parco della Reggia”

0 commenti

NAPOLI. “Ora a Cosentino è proibito finanche fare jogging nel parco della Reggia. È proprio vero che, parafrasando Marx, la storia prima si manifesta come tragedia e poi come farsa”. Cosi, in una nota, il sen. Vincenzo D’Anna, vicepresidente del gruppo Grandi Autonomie e Libertà, commentando la decisione del Tribunale del Riesame di Napoli di riconfermare la carcerazione preventiva nei confronti dell’ex coordinatore campano del Pdl. “In tal modo – spiega D’Anna – si ribadisce il teorema dell’accusa (finora mai provato nel dibattimento in corso), secondo il quale l’ex sottosegretario è socialmente pericoloso e quindi degno di scontare la carcerazione per il semplice fatto che interagiva con amici ed uomini politici, ovvero si interessasse di politica”.

Per il parlamentare del GAL: “sembra che il ‘camorrista’ per antonomasia sia stato trovato in possesso dello statuto di Forza Campania, nota organizzazione criminale sorta da qualche tempo per organizzare il popolo di centrodestra e addirittura di una chiave che gli consentiva di praticare il suo sport preferito, lo jogging, nel parco Vanvitelliano della Reggia di Caserta”. “Da tutto questo – rincara la dose il senatore, con un pizzico di ironia – si deduce che viene di fatto inibito a Cosentino non solo il diritto costituzionalmente garantito di potersi interessare di politica e quindi di telefonare ai propri amici, quanto di poter praticare lo jogging, attività, quest’ultima, che potrebbe consentirgli l’incontro, all’interno del parco della Reggia, con non meglio identificati e mai individuati componenti del crimine organizzato”.

“Se questi sono i presupposti che possono determinare la carcerazione preventiva per un cittadino, ovvero che possa reiterare un’ipotesi di reato vecchia di 14 anni – conclude D’Anna – significa che veramente c’è chi non vede più né la legge, né il buon senso”.


Basilica di San Clemente: un concentrato di arte, storia e misticismo

0 commenti

Ad un  passo dai fasti e dal clamore del Colosseo e dei Fori Imperiali, percorrete Via Labicana e preparatevi al miracolo che state per scoprire: la Basilica di San Clemente.

Basilica di San Clemente

Basilica di San Clemente

Si accede alla chiesa da un magnifico quadriportico rinascimentale, attraversando il quale potrete rifugiarvi nel silenzio ed immergervi nell’arte della basilica superiore: da non perdere la schola cantorum del XII secolo ed il meraviglioso mosaico nell’abside centrale, Cristo crocifisso tra la Vergine e S. Giovanni Evangelista, i marmi ed i pavimenti cosmateschi. Bellissima anche la Cappella con la storia di S. Caterina, affrescata daMasolino da Panicale e Masaccio. Affascinante la storia di San Clemente, complessa e stratificata nei secoli: nel 1858 l’abate Mullooly diede il via agli scavi che portarono inizialmente alla luce la chiesa più antica, del IV secolo, posta sotto l’edificio attuale,  ed in seguito anche alla scoperta ad un livello ancora più basso di un ‘antichissima San Clemente, del I secolo, quando il livello del terreno era più basso di una ventina di metri rispetto all’attuale. Potrete dunque scendere nella Basilica inferiore ove visitare i magnifici affreschi primitivi, raffiguranti miracoli attribuiti a San Clemente: sotto gli affreschi potrete osservare un’iscrizione del XII sec., antiche frasi murali espresse in una lingua di passaggio tra il latino ed il volgare. Ancora più sotto il Mitreo, la chiesa degli albori ove l’acqua ancora scorre rumorosa.

I dintorni di San Clemente

Nel tornare alla rumorosa vita esteriore vi suggeriamo una passeggiata verso il Parco del Colle Oppio, con una magnifica vista sul Colosseo e la presenza della Domus Aurea neroniana, o verso il Parco del Celio e la Villa Celimontana. Se avete ancora energie artistiche ad un minuto di distanza da San Clemente non perdete il Monastero dei SS. Quattro Coronati, un’altra perla che ci regala questa magnifica città.


Le grate di sicurezza ottimo sistema per far desistere i malintenzionati

0 commenti

Frimar Serramenti, azienda leader specializzata nella vendita di grate di sicurezza, serramenti, porte blindate e infissi, offre un'ampia gamma di soluzioni per interni ed esterni, di qualità certificata e garantita.

Per  chi  è alla ricerca di grate di sicurezza, il catalogo attuale dispone di una buona gamma di inferriate con certificazione di classe tre e quattro, tutte prodotte e fabbricate interamente in Italia.

Inferriate di classe 3 e 4 certificate:

Le inferriate di classe 3 certificate commercializzate da Frimar Serramenti offrono al cliente finale tutta la sicurezza e la qualità di cui necessita. Nella vita quotidiana, ormai, è diventato sempre più importante proteggersi da incursioni in casa, dai  furti e dalle sgradite visite di ospiti non desiderati, soprattutto se si passa molto tempo fuori dalla propria abitazione o si è in vacanza.

Grazie alle resistenti cerniere pressofuse, alle serrature robuste e a prova di scasso, questo prodotto è in grado di offrire tutta la sicurezza e la tranquillità che ogni cittadino richiede.

La presenza di cerniere a scomparsa e di un sistema di apertura dotato di snodi permettono di ottenere un alto grado di impenetrabilità, ma senza la sgradevole sensazione di sentirsi " ingabbiati" in casa propria.

La gamma proposta dal  brand, inoltre, è facilmente installabile e subito fruibile in quanto non necessita di opere murarie o modifiche alla

struttura delle porte. Grazie alla qualità del prodotto, le grate di sicurezza Frimar Serramenti hanno ottenuto diverse certificazioni antieffrazione presso l'istituto Giordano.

Ed in più, ogni materiale impiegato e tutti i passaggi nella linea di produzione sono eseguiti in piena conformità alle normative della Comunità Europea.

Nessun dettaglio è stato lasciato al caso: le verniciature, i materiali di rifinitura e le colorazioni sono stati controllati in ogni step, rendendo i serramenti e le inferriate sicuri e in linea con gli standard di qualità richiesti dal  mercato.

Modelli disponibili:

Per  offrire il massimo al cliente sono disponibili in catalogo diversi modelli e linee atte a soddisfare le varie necessità e i vari gusti in materia di design. Le inferriate di classe 3 sono disponibili nelle versioni: Basic, essenziale e minimal, Retrò, Rombo, che crea motivi geometrici, Liberty, Plus e Deluxe.

Anche il colore può essere personalizzato scegliendo tra le tante alternative disponibili.

Stessa possibilità di personalizzazione anche per la classe 4 che è possibile acquistare in versione Royal, Plus, Onda, Classic, Liberty, Stile e in tutti gli altri modelli presenti sul  catalogo aziendale


Le Nuove Sfide della Finanza

0 commenti

Cosa succederà ora che si intravedono le prime avvisaglie di una lenta ripresa? E come dovrebbe comportarsi un manager per non trovarsi impreparato?

Le ferite che la crisi economica di questi ultimi anni ci ha lasciato sono davvero profonde e ora bisogna far tesoro degli errori del passato e guardare con ottimismo gli ultimi segnali dell'economia, soprattutto in ambito finanziario.

Davvero interessante l'intervista di Stefano Gatti, direttore dell'Executive Master in Corporate Finance & Banking di SDA Bocconi che illustra le novità del programma e offre utili consigli a tutti coloro che vogliono giocare d'anticipo per essere pronti nel momento in cui il mercato ripartirà davvero.

Per approfondimenti leggi l'intervista


sgravi e tagli; trivella trivella… arriva il sisma in emilia

0 commenti

Faccio una premessa necessaria ma la riassumo in due punti:

  1. i mitici 80 euri (in realtà 70 e non a tutti come promesso ma a scaglioni e con recupero degli stessi tramite bollette, tasi e altri aumenti) comporteranno: tagli per 2,5 mld nella sanità; l'annullamento dell'esenzione imu per i fabbricati rurali ad uso rurale (non quellli della chies, sempre intoccabili naturalmente); la rispolveratura dell'operazione "cieli blu" che dovrebbe comportare un risparmio di 100 mln di euri per i comuni…. era un idea di Bondi; un taglio del 30% dell'affitto di auto blu (cosa buona e giusta … se vera); addio al PRA (- 60 mln); taglio di 167 mln (67 quest'anno e 100 il prossimo) ai CAAAF; acrobazie con la rpesunta lotta all'evasione fiscale… qui mi taccio perchè una risata li seppellirebbe.. p.s. non danno soldi in più ma sgravi in base alla fascia di reddito: non illudetevi niente soldi i più ma maggiori detrazioni salvo quelle appena cancellate come quella della moglie a carico.
  2. al DEF è stata allegata, su richiesta dell'On Brunetta (si proprio lui), una lettera di Padoan alla Commissione (che gli ha risposto con un laconico quanto burocratico "valuteremo") che "comunica (in realtà chiede il permesso)" lo spostamento del rientro del debito al 2016" perchè "la ripresa è fragile"……

post, parte seconda.

Direte: che c'azzecca la trivellazione e il sisma verificatosi in emilia-romagna? C'azzecca eccome…… è appena stato descretato il rapporto Ichese  (Commissione tecnico-scientifica per la valutazione delle possibili relazioni tra attività di esplorazione per gli idrocarburi e aumento di attività sismica nel territorio della regione Emilia Romagna colpita dal sisma del mese di maggio 2012) sul fracking dove si afferma che: "non si può escludere" che le attività estrattive effettuate nel giacimento in località Cavone di Mirandola (Mo) possano avere innescato il sisma del 20 Maggio, il cui epicentro si trova a 20 km di distanza anche in relazione all'incremento delle attività estrattive nel pozzo a partire dall'aprile 2011.

In poche parole: il fracking ha innescato il sisma…..

Perchè se ne viene solo ora a conoscenza?

Perchè si è taciuto pur sapendo che, dalle anticipazioni, il verdetto era negativo?

Perchè si fermano solo "le nuove trivellazioni" e non tutte?

Perchè il report è venuto alla luce SOLO dopo che media e giornali ne hanno parlato?

In un paese normale politici, dirigenti, ecc. si dovrebbero dimettere dopo aver risposto alla cittadinanza delle proprie azioni, soprattutto in negativo, pagandone le conseguenze non solo in termini politici ma anche penali, civili e in materia di risarcimento danni… che come ben sappiamo sono ancora tutti lì.

p.s.

sono anni che pochi blog e qualche media "complottista" ed esperti come maria rita d'orsogna ne denunciano il pericolo; ma venivano derisi ed emarginati: come sempre accade in questi casi invece avevano ragione da vendere nel fare le denunce pubbliche perchè come ben si è saputo, solo ora, di ragione ne avevano da vendere: am si sa che gli italioti prima ci devono sbattere il muso e solo dopo capiscono che l'hanno sbattuto e su cosa……..


Alimentazione sana ed ecosostenibilità: parte la terza edizione di Radiobici

0 commenti

Anche quest'anno la bicinchiesta parte da Milano per un viaggio alla scoperta della sostenibilità.


"Un viaggio a tappe per ricostruire i percorsi del cibo: dalla produzione locale alla ristorazione". Questo è il focus della terza edizione di Radiobici, un format web di videogiornalismo, che fin dalla sua prima edizione si è concetrato sul tema della sostenibilità e che vedrà i giornalisti Maurizio Guagnetti e Gianluca Pellizzoni, attraversare l’Italia a bordo di un tandem multimediale trasformato quest’anno nella prima cucina a pedali.

Questo nuovo elemento della carovana è stato inaugurato oggi, giorno della partenza di Radiobici da Milano: Guagnetti e Pellizzoni hanno salutato la città preparando la colazione alla “Massa Marmocchi”, un’interessante iniziativa che sfida il traffico automobilistico, nata da alcuni genitori milanesi per riuscire ad accompagnare i propri figli "IBici a Scuola".

Radiobici: l'assessore Maran si confronta con Guagnetti e Pellizzoni

Tra le molte attività realizzate a Milano prima della partenza un'intervista a Giuseppe Civati, un blitz a Palazzo Marino a Milano, per un confronto con Pierfrancesco Maran, assessore alla mobilità, ambiente, metropolitane, acqua pubblica ed energia del Comune di Milano, e un incontro con gli operatori di Opera San Francesco per i Poveri, per parlare di cibo anche dal punto di vista di chi non ne ha.

Anticipando il tema di Expo 2015, nei prossimi quattro mesi la bicinchiesta attraverserà l'Italia in 40 tappe, da Aosta a Pantelleria, toccando le principali città italiane e le aree agricole maggiormente apprezzate nel mondo per la loro ricchezza enogastronomica. Verrà così realizzato un video racconto di un modo sostenibile di viaggiare e di mangiare, pedalando con i migliori chef, ma anche con personalità di spicco dell’attualità, della politica, dello spettacolo, imprenditori, agricoltori e cittadini.

Tra le novità di questa edizione, l’apparato tecnologico del tandem di Radiobici, costruito da un’azienda di Cesena che si occupa di motori per bici a pedalata assistita. Per l’occasione è stato ideato un sistema in grado di muovere i 280 chili del tandem e alimentarne gli impianti di trasmissione, rendendolo energeticamente autonomo. Gianluca Pellizzoni, a tal proposito, ha dichiarato: "La scelta della pedalata assistita non è motivata soltanto dal peso del tandem: vogliamo far conoscere di più questa tecnologia che diminuisce lo sforzo fisico e permette anche a chi ha una limitata mobilità fisica, di utilizzare la bicicletta, un mezzo all'insegna della sostenibilità". 

Guardando così la sostenibilità sotto una nuova luce, verranno preparati i più famosi piatti italiani nei luoghi più suggestivi della penisola, a partire dalla prima tappa in programma ad Aosta.

Le tappe e i servizi saranno pubblicati su Repubblica.it e sul sito della bicinchiesta il lunedì, un appuntamento settimanale che racconterà di tutti gli ospiti incontrati lungo la strada, e il giovedì, con l’intervista sulle due ruote. Inoltre, Radiobici sarà in onda lunedì, mercoledì e venerdì con un collegamento in diretta su Radio 105 all’interno del programma 105 Friends.

LEGGI TUTTO L’ARTICOLO

Orizzontenergia.it


Orizzontenergia – Dal 2008 Orizzontenergia si occupa di divulgazione in ambito energetico-ambientale, sia sul campo – tramite convegni, studi e ricerche – che on-line, rendendosi portavoce della promozione e diffusione di contenuti di rilievo ed interesse nazionale, con il supporto di un Comitato Scientifico costituito da oltre 30 personalità del mondo istituzionale e accademico nazionale. 


Orizzontenergia – APPENA USCITA LA NOSTRA NUOVA NEWSLETTER CONSULTALA - Articoli, Interviste, Notizie, Eventi, Letture Consigliate, Video Suggeriti…

Inoltre, se non lo avete già fatto iscrivetevi alla nostra newsletter per aggiornamenti quindicinali REGISTRATI


A Milano la 2° edizione di Flora et Decora, mostra mercato dedicata al verde e al giardinaggio

0 commenti

Dal 25 al 27 aprile prossimo si rinnova l’appuntamento a Sant’Ambrogio, nel pieno centro storico di Milano, con Flora et Decora, la mostra mercato organizzata in due sezioni dedicate rispettivamente al comparto florovivaistico (Flora) e all’arredo e decoro dei giardini (Decora): circa cento espositori, tra i migliori produttori e artigiani italiani e stranieri legati al mondo del verde e della natura.

Passeggiando in un luogo di rara bellezza, si potrà così acquistare il meglio del florovivaismo italiano, garantito dalla scelta di ospitare solamente vivaisti produttori, che, grazie al loro impegno e creatività, proporranno le novità di stagione: rose, ortensie, orchidee, garofanini, ma anche di piante aromatiche, frutti antichi, piante grasse e bonsai, per soddisfare i gusti e le esigenze dei clienti più ricercati, desiderosi di abbellire le loro case, terrazzi e giardini.

Nell’area del Decora, che occuperà i Giardini di San Sigismondo e il Chiostro del Bramante, affianco alle migliori aziende già protagoniste della scorsa edizione, troveranno spazio stampe botaniche, mobili rustici, tessuti stampati a mano oltre a una selezione di specialità naturali come cioccolati, spezie, olii e vini.

Ad animare le giornate ci saranno anche vari eventi.
Innanzitutto quelli dedicati a bambini con l’Oasi Bimbi di Galbusera Bianca che organizzerà laboratori di disegno, canto e tecniche creative dove poter realizzare divertenti oggetti e lavori di tessitura, con momenti dedicati al racconto di storie e anche a mini corsi per piccoli cuochi. Per i grandi appassionati del verde sono previsti laboratori di stampi e sculture d’erba e di lavori con i fiori; infine, concerti e intrattenimenti musicali per rendere ancora più gradevole la vista alla mostra.

Anche quest’anno Flora et Decora mantiene la sua vocazione filantropica. Dopo aver contribuito, con la 1° edizione, alla realizzazione della nuova biblioteca (inaugurata lo scorso dicembre) contenente l’Archivio Capitolare della Basilica, la mostra mercato dedicherà quest’anno i suoi proventi al restauro degli affreschi dei sottarchi del presbiterio, opera di un pittore lombardo della prima metà del Duecento e interpretabili come la Visione del mare di cristallo del profeta Ezechiele. Il loro considerevole valore deriva dall’essere tra i più antichi affreschi della città di Milano secondi solamente a quelli custoditi nella chiesa di San Simpliciano.

Garantita anche la partecipazione del Comune di Milano. Il Settore Arredo, Decoro urbano e Verde, sarà presente con l’allestimento dello spazio educativo “E tu…. da che Parco stai?” dove verranno rappresentate due realtà contrapposte di giardino cittadino: da una parte, un percorso vandalizzato, desolato, sporco, pieno di rifiuti e cieco; dall’altra, un percorso in un giardino ordinato, pulito, accogliente, ricco di piante e fiori, rispettato dal cittadino e che condurrà all’ingresso della manifestazione.
I visitatori potranno anche dialogare e confrontarsi con i rappresentanti del Comune sul verde della nostra città.

L’ingresso alla mostra è gratuito, con i seguenti orari di apertura: dalle 10.00 alle 19.00 nei giorni di venerdì 25 e sabato 26, dalle 10.00 alle 18.00 domenica 27 aprile.

Ingressi da Piazza Sant’Ambrogio e Largo Gemelli.


Online il Bilancio di Sostenibilità del Gruppo Hera: due miliardi di ricchezza al territorio nel 2013

0 commenti

Sale la ricaduta economica nelle aree di insediamento e prosegue l’impegno su fonti rinnovabili e riduzione della discarica

 

Dalle emissioni degli impianti alle politiche sugli appalti; dalla ricchezza creata alle performance di servizio: il Gruppo Hera è tutto nei numeri (tanti) del Bilancio di Sostenibilità 2013, pubblicato on-line all’indirizzo http://bs.gruppohera.it/. Il documento comprende per la prima volta il contributo di AcegasAps, aggregata dal primo gennaio 2013.

 

Grazie sia al contributo di AcegasAps che alla crescita organica della sola Hera, il valore aggiunto globale lordo prodotto è stato di 1.372 milioni (+27,6% sul 2012). Di grande importanza la ricchezza distribuita nel 2013 al territorio, salita a 1.996 milioni contro i 1.698 milioni dello scorso anno (+17,6%).

 

Anche la ricaduta occupazionale del Gruppo Hera è di tutto rilievo. Complessivamente, fra lavoratori diretti del Gruppo (8.294) e indiretti (5.278 dipendenti dei fornitori del Gruppo) l’occupazione totale ammonta a 13.572 unità.

 

Sul fronte della tutela dell’ambiente, è proseguito l’impegno nella produzione energetica “green”, che contempla anche l’energia ricavata dal recupero a fini energetici della parte biodegradabile dei rifiuti. Nel 2013 il 71,7% della produzione energetica elettrica e termica del Gruppo Hera è avvenuto da fonte rinnovabile o assimilata alle rinnovabili (ad es. cogenerazione).

 

Nel 2013, grazie allo sviluppo della base impiantistica al servizio del recupero e dei servizi concordati con le amministrazioni comunali, i rifiuti conferiti in discarica sono scesi al 16,4% (erano al 21% nel 2012 e al 49% nel 2002). Un dato ampiamente inferiore non solo all’Italia (41%), ma anche alla media dei paesi europei (34%). Il resto del rifiuto raccolto viene invece portato a recupero: o “di materia”, tramite impianti di compostaggio e recupero/selezione (50,9%), o “energetico”, tramite la termovalorizzazione (32,6%).

 

Si confermano in tenuta tutti gli indici relativi alla qualità dei servizi erogati, che hanno consentito

all’indice di soddisfazione della clientela residenziale rispetto ai servizi forniti (calcolato con metodologia uniforme nel tempo da una società terza) di salire da 73 a 75 punti su 100 (il dato non contempla ancora AcegasAps).

 

I tempi di attesa della clientela a sportelli e call center, si confermano fra i più bassi delle multiutility italiane e a livelli decisamente contenuti. Per quanto riguarda la clientela residenziale, i tempi di attesa al call center sono stati di 49,9 secondi, mentre quelli degli sportelli clienti sono stati pari a 13,2 minuti.

 

Il Bilancio è redatto secondo le nuove linee guida internazionali G4 pubblicate dal GRI (Global Reporting Initiative) nel 2013.

 

 

 

Il Bilancio di Sostenibilità è consultabile online con grafici interattivi su bs.gruppohera.it


Bando per l’edizione 2014/2015 del progetto “ufficio del giudice” presso il tribunale di milano

0 commenti

 

È stato presentato il nuovo bando per l’edizione 2014/2015 del progetto “Ufficio del Giudice” realizzato dal Tribunale di Milano e dall’Ordine degli Avvocati di Milano.

 

Il progetto prevede l’affiancamento a un magistrato di un giovane tirocinante, coniugando le esigenze di formazione professionale dei giovani laureati in giurisprudenza con le esigenze organizzative degli Uffici Giudiziari, per un “servizio giustizia” più moderno, cioè efficiente, di qualità e con una ragionevole durata dei processi, nonché in grado di ridurre strutturalmente l’arretrato costituito dai processi pendenti.

 

La sperimentazione del progetto negli anni scorsi, frutto di efficace collaborazione tra Tribunale e Ordine degli Avvocati di Milano, ha contribuito ad incrementare la produttività dei giudici e la qualità di sentenze/ provvedimenti di loro competenza, riducendo la durata dei nuovi processi in ambito civile e incidendo sulla riduzione dei procedimenti arretrati: incremento del 22% delle sentenze emesse pro-capite in un anno, riduzione dell’82% dei procedimenti iscritti prima del 2007 e riduzione del 35% dei procedimenti iscritti prima del 30.6.2009.

 

Il Presidente Pomodoro evidenzia con soddisfazione che “l’iniziativa del Tribunale di Milano e dell’Ordine degli Avvocati, può essere realizzata grazie al contributo della Camera di Commercio di Milano, dell’Associazione Prospera e della Fondazione Forense. Queste realtà hanno condiviso la necessità di confermare un progetto che rafforza l’azione del Tribunale e consente il raggiungimento di più elevati livelli di produttività a vantaggio dell’intera comunità economico-finanziaria milanese e, in generale, degli utenti del ‘servizio giustizia’. Il Tribunale di Milano è sempre alla ricerca dell’eccellenza e intende essere in prima linea nello sforzo collettivo necessario per la ripresa –anche ideale- del nostro Paese. In particolare, creando opportunità concrete per i giovani meritevoli che vogliono impegnarsi nella costruzione del futuro del Paese e ridare speranza alle nostre comunità”.

 

Il Presidente dell’Ordine Giuggioli saluta con favore la nuova edizione del progetto “a conferma dell’impegno dell’Ordine degli Avvocati e della proficua collaborazione che si è consolidata con il Tribunale di Milano nel corso della precedente edizione. Ci auguriamo che i risultati superino le già eccellenti evidenze che hanno accompagnato la fase sperimentale. L’obiettivo è di incrementare, nel tempo, queste opportunità che contribuiscono all’efficienza e all’efficacia della giustizia. Siamo convinti che il progetto e l’attività svolta saranno un valido strumento per far crescere il talento dei praticanti di oggi e futuri avvocati di successo di domani”.

 

Tra i praticanti che accederanno al tirocinio presso il Tribunale Ordinario, 19 potranno usufruire di una borsa di studio finanziata dalla Fondazione Forense di Milano, dalla Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Milano, dall’Associazione culturale Prospera.

 

 

 

Milano, 7 aprile  2014

 

 

Riferimenti utili:

per il Tribunale: 02/54.33.3282; e-mail tirociniformativi.tribunale.milano@giustizia.it

per l’Ordine Avvocati: 02/54.92.92 26 o 33 finali; 345/47.12.785; e-mail news@ordineavvocatimilano.it

 

Il Bando in sintesi

 

Numero Borse di Studio: diciannove

Importo della Borsa di Studio: € 8.000,00 da ripartirsi in 12 mesi continuativi di tirocinio.

Destinatari: Laureati in giurisprudenza, che abbiano i requisiti per accedere al tirocinio formativo disciplinato dall’art.73 D.L. n.69/13, come convertito con L. n.98/13, e cioè:

-          conseguimento laurea all’esito di corso almeno quadriennale,

-          non abbiano compiuto i trenta anni di età,

-          abbiano riportato una media di almeno 27/30 negli esami di diritto costituzionale, diritto privato, diritto processuale civile, diritto commerciale, diritto penale, diritto processuale penale, diritto del lavoro e diritto amministrativo,

-           ovvero abbiano conseguito un punteggio di laurea non inferiore a 105/110.

Alla scadenza del bando, fissata al 9 maggio 2014, il candidato:

-          deve essere iscritto nel registro dei praticanti presso l’Ordine degli Avvocati di Milano;

-          deve aver presentato domanda di tirocinio ex art.73 D.L. n.69/13 presso il Tribunale Ordinario di Milano (utilizzando modulo on line, reperibile presso il sito del Tribunale di Milano, e indicando come prima preferenza Tribunale Ordinario di Milano);

-          deve impegnarsi a garantire, ove assegnatario di borsa di studio, una presenza presso l'Ufficio Giudiziario di 40 ore settimanali per 12 mesi continuativi, non svolgendo altra attività professionale o di lavoro retribuito.

Ove le domande di borsa di studio superino le disponibilità, l’assegnazione verrà effettuata, tra gli aventi diritto, secondo i seguenti criteri preferenziali:

1.     la media degli esami indicati all'art.73,

2.     a parità del criterio sub 1 il punteggio di laurea,

3.     a parità dei criteri sub 1 e 2 la minore età anagrafica.

 

Scadenza: 9 maggio 2014

 

Bando e modulistica:

 

-          sito di Tribunale di Milano/Tirocini Formativi  - www.tribunale.milano.it

-          sito dell’Ordine Avvocati Milano  - www.ordineavvocatimilano.it

 

 

Per informazioni circa compiti del tirocinante, regole ed effetti del tirocinio, si rimanda a quanto sancisce l’art.73 D.L. n.69/13 e a quanto disciplinato nella Convenzione stipulata in data 11 marzo 2014 tra il Tribunale di Milano, il Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Milano, l’Associazione Culturale "Prospera – Progetto Speranza", la Camera Commercio di Milano, la Fondazione Forense di Milano, rinvenibile sui siti di Tribunale Milano e Ordine Avvocati


Pagina 1 di 82612345»...Fine »