segui LMN:     



Niente mi pettina meglio del vento: gira il tuo spot per far conoscere l’Alopecia Areata: i vincitori

0 commenti

Domenica 12 ottobre 2014, presso La Corte dei Miracoli, in via Mortara a Milano, è andata in scena la premiazione del Video Contest “Niente mi pettina meglio del vento: gira il tuo spot per far conoscere l’Alopecia Areata”.

Le premiazioni hanno preso avvio alle 11:30 con Silvia Moretta, ospite d'onore dell'evento,  critico d'arte, presidente dell’Associazione culturale Akedà e neo eletta Vice Presidente di ASAA (Associazione Sostegno Alopecia Areata), che insieme alla psicologa Francesca Fadda, presidente di Art Meeting e da pochi giorni di ASAA, ha moderato l’evento e proclamato i vincitori del Video Contest.

Doveroso spazio è stato dato alla presentazione delle due associazioni che hanno promosso “Niente mi pettina meglio del vento: gira il tuo spot per far conoscere l’Alopecia Areata”:  Art Meeting – Associazione artistica socioculturale – e ASAA – Associazione Sostegno Alopecia Areata. Ad introdurre le due associazioni Fabio Costantino Macis (creativo, fotografo) per Art Meeting e Viviana Baratto (Consigliere ASAA fin dalla data di fondazione, Voce Amica ASAA) per ASAA.

La proiezione degli spot finalisti è stata preceduta da una piccola postilla nella quale Francesca Fadda ha sottolineato che i partecipanti al Contest sono stati professionisti e non, persone che vivono la patologia e non.  La rosa dei finalisti è composta da Chiara Gabrieli con “Accenti”, Sylvie Gehringer con “Ton reguard”, Nicola Antonelli con “Il colore dentro”, Noemi Medas ed Antonio Ravenna con “Pensa”.

Successivamente alla visione dei quattro spot, i presenti sono stati ammaliati da una performance intitolata “Oltre” delle artiste sarde Maria Jole Serreli e Noemi Medas, per la regia di Fabio Costantino Macis.

Inoltre la sala abbracciava i presenti con una mostra fotografica intitolata “La mia Alopecia in un selfie”, una serie di autoscatti che hanno dato visioni ironiche dell’Alopecia Areata.

Infine sono stati proclamati i nomi dei vincitori: Sylvie Gehringer per il Premio Web Like (targa e somma di 400,00 €); Noemi Medas ed Antonio Ravenna per il Premio della Giuria (targa e la somma di 1.000,00 €).

Il video “Pensa” di Antonio Ravenna e Noemi Medas (Noemi Medas protagonista, Chiara Diana co-protagonista, Davide Corda fidanzato al tavolo, Ilaria Varsi e Laura Spano ragazze al tavolo, musiche originali di Edoardo Pucci) tocca tutte le tematiche richieste dal bando: si concentra inizialmente sulle problematiche sociali del mostrarsi a testa scalza e sul rischio di schernimento e discriminazione che può incontrare nella vita quotidiana chi ha l'alopecia. Attraverso il sogno la "bulletta" ha la possibilità di entrare in empatia con il vissuto della protagonista, vivendo l'esperienza comune a molte volpine della perdita dei capelli sotto la doccia e del trauma del non riconoscersi più allo specchio. La scena dell'urlo in sé non turba, anzi, è efficace la tonalità horror che segna l'apice di un'escalation emotiva, che si scioglie, subito dopo, nel risveglio dall'incubo. Il finale ha un andamento disteso, l'attrice con alopecia ha un'espressione serena e di totale accettazione, quasi di compassione verso il gruppetto delle giulive fanciulle.

La giura del premio:

Francesca Fadda; Giovanni Coda, fotografo e regista sardo; Fabio Costantino Macis, creativo, Arianna Di Tomasso, ideatrice e direttrice artistica di Settimo Senso Film Festival e del Premio Aurum; Maria Jole Serreli, artista sarda, Vice presidente di Art Meeting, ideatrice del progetto Niente mi pettina meglio del vento, rappresentante regionale ASAA per la Sardegna; Silvia Moretta; Viviana Baratto, socia fondatrice ASAA; Walter Petretto, illustratore, grafico e animatore. 

Francesca Fadda e Maria Jole Serreli sono state molto disponibili nel rispondere ad alcune curiosità su questo importante evento. Buona lettura!

 

A.M.: Arte e patologia. Come e quando è nata l’idea di una mostra sull’Alopecia Areata?

Francesca Fadda: Un sabato mattina del mese di febbraio del 2012 Jole Serreli, artista ed amica, mi chiamò al telefono per raccontarmi che aveva sognato di allestire una mostra sull’Alopecia Areata. Ricordo che le feci tante domande per capire che cosa quella visione onirica le stesse realmente chiedendo e perché lei volesse condividerla proprio con me. Nel giro di pochi giorni riuscimmo a metter su un progetto di selezione per invitare gli artisti a proporre delle opere che liberamente affrontassero il tema chiedendo loro di ispirarsi al verso della poetessa Alda Merini “Niente mi pettina meglio del vento”. L’impulso propulsivo di questa avventura era ed è ancora quello di sensibilizzare ed informare l’opinione pubblica sull’Alopecia Areata, una patologia che, come tante altre, non mette a rischio la vita della persona colpita ma la può rendere difficile, in particolare per il forte coinvolgimento del corpo nel suo manifestarsi in comunicazione con gli altri, per la scomparsa di quel filtro difensivo rappresentato dai capelli, abusati o dati per scontati se presenti, osannati e sofferti se assenti.  

Jole Serreli: Circa tre anni fa, dopo la mia partecipazione con l’installazione “Anime in fuga” per l’evento “Manicomi Aperti” organizzato da Art Meeting, evento del quale rimasi particolarmente colpita per allestimento e per la tematica trattata ma, soprattutto, per la grande sensibilità degli organizzatori  che mi permisero di entrare in stretto contatto con l’associazione. Questo mi ha permesso di entrare in confidenza in primis con la Dott.ssa Francesca Fadda ed, inseguito, di intraprendere un discorso lavorativo di crescita personale con Fabio Costantino Macis. Una delle mie prime confidenze è stata appunto raccontare loro che indossavo una parrucca acquistata un mese prima a Londra. Raccontai a Francesca della mia malattia che, con tanta cura, nascondevo da circa 5 anni, ma soprattutto del forte desiderio che nutrivo da tempo del voler incontrare e conoscere altri come me, poiché vivevo la mia patologia in piena solitudine, senza conoscerne le motivazioni e le cause. Vivevo nel buio. L’unica mia cura arrivava da una bellissima poesia trovata per caso su un blog, che si intitolava “Dura Jole”, in questa poesia scritta da Fabrizio Pittalis, due settimane prima che ci lasciasse, ho trovato la forza per reagire. Ho cercato Fabrizio per ringraziarlo e fargli sapere che la sua arte, le sue parole,  mi avevano aiutato tanto, come una vera cura.  Senza mai esserci incontrati, senza conoscerci. Mi aveva letto l’anima ed abbracciandola, in quell’istante mi aveva dato coraggio, in quelle parole un invito ad andare avanti. Ho trovato Lia e Gigi, i suoi genitori, li ho trovati subito e subito li ho incontrati. Questo evento, quasi magico, che mi è capitato, mi ha permesso di capire quanto l’arte, sviluppata in parola, immagine o suono possa con  la sua forza fare del bene, ed in alcuni casi possa aiutare a guarire l’anima. Ed infine per rispondere alla tua domanda ti racconterò la genesi di tutto. Una notte sognai di allestire una mostra, in un importante museo, la mostra aveva l’obbiettivo di per far conoscere all’opinione pubblica la patologia Alopecia Areata. La mattina seguente non aspettai un attimo, chiamai subito Francesca. Ricordo che stava facendo colazione e gli raccontai il mio sogno. Un sogno per me impossibile da realizzare. Raccontai tutto il sogno sin nei minimi particolari, e lei, in silenzio, mi ha ascoltato. Al termine del mio racconto, lei semplicemente esclamò “E facciamolo, no!?!” e cosi un po’ per gioco e con tanta consapevole incoscienza, abbiamo iniziato a lavorare al progetto per far conoscere la patologia in Sardegna e con  l’obbiettivo di incontrare altri come me! Con Art Meeting abbiamo creato un concorso artistico internazionale, partendo da Cagliari  senza grosse aspettative. Il concorso ha ricevuto importanti consensi di partecipazione da tutta Italia, dalla Slovenia e dall’Inghilterra  e grazie all’evento ed al coraggio acquisito da esso ho iniziato a mostrarmi in pubblico a testa scalza, ma soprattutto, ho avuto modo di incontrare altri sardi che come me soffrono di alopecia universale.

 

A.M.: “Niente mi pettina meglio del vento” è un verso della celebre Alda Merini. Com’è il vostro rapporto con la poetessa dei Navigli?

Francesca Fadda: Sono affascinata dalla storia di vita di Alda Merini, dai suoi stati emotivi espressi in poesia, dalla sua esistenza segnata fin da giovane donna da quell’Istituzione chiamata manicomio.

Jole Serreli: Oh! Adoro Alda Merini la seguivo sin da bambina, le sue comparse da Costanzo mi divertivano tanto, le sue parole mi aiutavano a sognare  donna semplice umile che non possedeva come tanti la presunzione dell’io assoluto, soprattutto utilizzava la sua cultura per donare non per soffocare. La scelta del titolo è venuta per caso, tra mille ricerche. Cercavo il nome di un fiore che perde il suo petalo composto da mille piccoli fiori bianchi leggeri che con un semplice soffio volano via portando i suoi semi lontani. Così, ho trovato la frase di Alda  “Niente mi pettina meglio del vento” e Francesca l’ha sposata subito dicendo “Sì, è il titolo giusto”.

 

A.M.: Perché è importante far conoscere la patologia Alopecia Areata con perfomance come “Oltre” e mostre fotografiche come “La mia Alopecia in un selfie”?

Francesca Fadda: La performance nell’evento è lo strumento che permette di investire i sensi dello spettatore e della spettatrice, di immergerli in un’esperienza corporea in cui è possibile riconoscersi e proiettare parti di sé mettendo in sospeso l’elaborazione intellettuale e lasciandosi trasportare dell’emozione del qui ed ora. “Oltre” è un invito a guardare e sentire quel processo interiore che anima il dialogo tra il corpo e la sua immagine, tra l’apparire fugace e l’essere nella propria pelle. “La mia Alopecia in un selfie” è lo spazio di un racconto autobiografico abitato da chi vive quotidianamente l’alopecia areata, un autoritratto in uno scatto implica la scelta precisa e veloce di una modalità di mostrarsi al mondo. Ironia, positività, allegria, nostalgia, poesia, musica accompagnano i volti delle persone che hanno voluto partecipare. Alcune di loro si sono mostrate per la prima volta a testa scalza per “Niente mi pettina meglio del vento”.  

Jole Serreli: Ritengo d’averti risposto con la mia esperienza personale, quell’incontro virtuale con Fabrizio Pittalis con la sua poesia, la sua arte mi hanno salvato l’anima. Noi in un certo senso abbiamo cercato di utilizzare lo stesso meccanismo. Poi, è stata una grande gioia vedere le foto  “artistiche” felici, di tanti ragazzi/e, e bambini che vivono la loro Alopecia nella quotidianità.

 

A.M.: Pensando all’evento del 12 ottobre a Milano, c’è qualche aneddoto curioso che volete condividere con noi?

Francesca Fadda: La performance “Oltre” portata in scena da Jole Serreli e Noemi Medas ha riempito il pubblico di commozione,  nella penombra si sentiva un calore diffuso,  lacrime timide riempivano gli occhi di tutti… così, mentre aspettavo di riprendere la parola per annunciare il video vincitore, la conduttrice ed ospite dell’evento Silvia Moretta, per stemperare la tensione ha ben pensato di farmi uno scherzo improvvisando un balletto sulle note di “These Boots are Made for Walking” di Nancy Sinatra che in pochi secondi ha coinvolto gran parte degli astanti, ricreando quel clima di festa che ci ha poi accompagnati fino alla fine della giornata.    

Jole Serreli: Io posso solo dirti che poter assistere allo spettacolo presso La corte dei Miracoli a Milano  soprattutto “La morte del cigno” di Renato Converso mi ha fatto morire dal ridere. L’incontro con questo grande artista, grande comico, grande Uomo mi ha insegnato che tutte le avversità, se prese con ironia, pesano meno. Lui è un maestro in questo, un maestro di vita.

 

A.M.: Anticipazioni: qualche novità per il restante 2014? Ci sarà un’edizione del Video Contest nel 2015?

Francesca Fadda: “Niente mi pettina meglio del vento” con il repertorio di immagini, video ed esperienze raccolte in questi anni nel 2015 accompagnerà delle conferenze di sensibilizzazione in tutta Italia, sarà strumento didattico-educativo a disposizione di laboratori e progetti per le scuole, sia verso nuovi progetti per i quali ora è indispensabile una pausa di sedimentazione.

Jole Serreli: Ho la speranza  di poter portare l’evento fotografico e la performance  realizzata con Noemi Medas, con la regia di Fabio Costantino Macis a Roma ad aprile 2015, in occasione dell’importante convegno che ASAA  ha intenzione di organizzare. Ma l’obbiettivo di Art Meeting ora è finalizzato alla massima divulgazione dello spot vincitore, l’ambizione più grande è che venga divulgato a grande scala su tutte le emittenti televisive nazionali con l’obbiettivo di far conoscere a tutti la patologia cosicché un alopeciato possa vivere allo scoperto in piena serenità la sua nuova fisicità senza nascondersi, senza paura d’essere additato. Per ora ci impegneremo a raggiungere più visualizzazioni possibili  tramite il canale Youtube. Per il 2015? Allora, fammi pensare un momento, ma certo ci sono: si potrebbe fare una grande sfilata di moda nella quale tutti i modelli “inusuali” raccontano cos’è l’alopecia. Magari invitando gradi stilisti a partecipare con le loro creazioni a questo evento che potrebbe  raccogliere fondi per la ricerca. Ambizioso sogno vero!?!

 

A.M.: Salutateci con una citazione…

Francesca Fadda: Vorrei lasciarvi con una citazione particolare, per la non casualità del caso ho letto questo verso su un epigrafe lungo i Navigli proprio il 12 ottobre dopo la premiazione: “…il resto arriva da solo, nell’intimità dei misteri del mondo”, è un verso di Alda Merini.

Jole Serreli: La mia citazione? eh… non posso fare altro che chiudere con lui, Gino Strada: “ È semplice capire che un piccolo sforzo dobbiamo farlo tutti, e se lo facciamo tutti allora è davvero una grossa forza, è una forza che rischia davvero di essere dirompente e di poter cambiare un sistema in meglio”.

 

Written by Alessia Mocci

Addetta Stampa (alessia.mocci@hotmail.it)

 

https://www.youtube.com/watch?v=19Otut6aeYM

 

Info

http://nientemipettinamegliodelvento.wordpress.com/

nientemipettinamegliodelvento@gmail.com

Cell: 3472114917

 

Fonte

http://oubliettemagazine.com/2014/10/16/niente-mi-pettina-meglio-del-vento-gira-il-tuo-spot-per-far-conoscere-lalopecia-areata-i-vincitori/

 

 


Preziosi Antonio Sabato a Montecassino convegno sull’Europa

0 commenti

Abbazia di Montecassino, sabato 25 ottobre, ambasciatori europei e molte personalità, alla presenza del segretario di Stato Vaticano il card. Pietro Parolin, ricorderanno il 50esimo anniversario dalla proclamazione di San Benedetto a Patrono d’Europa. Al convegno dedicato ad “Identità europea e radici cristiane dell’Europa”, parteciperanno, tra gli altri, mons. Enrico Dal Covolo, Antonio Tajani, Gianni Pittella, Salvatore Adduce. Modererà l’incontro il giornalista RaiAntonio Preziosi.

Antonio Preziosi giornalista Rai Montecassino convegno sull'Europa_480

Sabato prossimo alle 17 presso l’Abbazia di Montecassino si terrà, in occasione del 50esimo anniversario dalla proclamazione di San Benedetto a Patrono d’Europa, il convegno “Identità europea e radici cristiane dell’Europa“.

Antonio Preziosi giornalista Rai Identità europea e radici cristiane dell'Europa_480

Modererà l’incontro Antonio Preziosi, giornalista Rai. Interverranno il card. Pietro Parolin, segretario di Stato Vaticano, Mariano Dell’Omo, archivista di Montecassino, docente nel Pontificio Ateneo S. Anselmo di Roma e nella Pontificia Università Gregoriana, Salvatore Adduce, sindaco di Matera, capitale europea della cultura 2019, Gianni Pittella, presidente del gruppo S&D al Parlamento europeo, Antonio Tajani, vicepresidente vicario al Parlamento Europeo, Joaquin Navarro-Valls, presidente dell’Advisory Board della Università Campus Bio-Medico di Roma ed ex portavoce di Papa Giovanni Paolo II, Mario Giro, Sottosegretario Ministero Affari Esteri, mons. Enrico dal Covolo, Magnifico rettore Pontificia Università Lateranense.

FONTE: Asca


Reputation Manager, leader nella reputazione online, si occupa di diritto all’oblio

0 commenti

Reputation Manager, specializzata in interventi di ingegneria reputazionale, fornisce assistenza e consulenza per quanto concerne le procedure e le pratiche per l'esercizio del diritto all'oblio.

Reputation Manager

Diritto all'oblio: in numeri parlano chiaro

Nell'ultimo Rapporto sulla Trasparenza, pubblicato il 13 ottobre, Google ha reso noto che la frase "diritto di essere dimenticati" è stata cercata dagli utenti circa 145.000 volte; nello stesso documento, il motore di ricerca ha attestato la richiesta di rimozione di circa 170.000 link, dei quali ne è stato effettivamente rimosso circa il 40%. Questi numeri dimostrano l'importanza che il tema del diritto all'oblio sta assumendo per gli utenti, e non solo per gli "addetti ai lavori". Desiderosi di una maggiore tutela della loro privacy, a seguito della sentenza del 13 maggio, si sono rivolti in massa a Google, chiedendo di poter esercitare il loro diritto. La sentenza riguarda la richiesta di rimozione di link lesivi da parte di un utente spagnolo, il quale sosteneva che alcune notizie presenti in rete, – peraltro appartenenti al passato e dunque non più pertinenti -, danneggiavano la sua reputazione. La Corte si è espressa a favore del richiedente, obbligando Google a rimuovere i link lesivi dell'elenco dei risultati di ricerca ed estendendo la prassi a tutti i casi simili.

Reputation Manager progetta interventi reputazionali per la tutela del diritto all'oblio

La procedura per la rimozione non è comunque, immediata; occorre seguire uno specifico iter e, in certi, casi, è opportuno consultarsi con un legale o un esperto in materia. L'azienda Reputation Manager, leader nel settore dell'ingegneria reputazionale, offre un servizio di supporto e consulenza per quanto concerne le procedure da attuare per l'esercizio del diritto all'oblio. Dal sito il diritto all'oblio è possibile avere un primo contatto con la struttura che si occupa del settore, segnalando il link o i link lesivi, attraverso una form dedicata; un incaricato si occuperà di rispondere in tempi brevi alla richiesta. L'azienda è specializzata in interventi di protezione reputazionale; ha progettato una specifica strategia di comunicazione, monitorando costantemente la sua situazione in rete.
Reputation Manager effettua un'esaustiva analisi del soggetto (privato, executive, azienda o istituzionale), individuando i contesti nei quali viene citato e gli eventuali contenuti lesivi e diffamatori. La diffamazione è infatti una delle problematiche più complesse nell'ambito dell'identità digitale, che coinvolge in modo diretto anche la sfera legale. Per questo motivo, Reputation Manager si avvale anche della collaborazione di alcuni legali esperti in materia.

Repuation Manager Diritto all'Oblio

Visitando il sito è possibile conoscere maggiori dettagli sul servizio di diritto all'oblio fornito da Reputation Manager.


QUICK-TECH mod. i-42 ULTIMATE

0 commenti

Tornio CNC a 10 assi con slitta anteriore e slitta posteriore con utensili motorizzati, asse Y ed asse B, contromandrino e CNC Mitsubishi M720VS

 

Il modello i-42 ULTIMATE si compone di 10 assi e 4 mandrini che comprendono un contromandrino con posizionamento X e Z. Questo segna anche l'integrazione degli utensili motorizzati aventi un potente asse B di fresatura  per la lavorazione efficiente e simultanea. grazie a questo miglioramento, l'applicazione di strumenti per parti complesse diventa più veloce e flessibile.

 

Macchine utensili


Inclinazione utensili motorizzati 
La testa di fresatura che è composta da 12 utensili motorizzati per 360 ° continui  porta ad una maggiore disposizione di strumenti flessibili e  produttività significativamente efficace per lotti medio piccoli. 

Mandrini sincroni 
Sia il mandrino principale che il contromandrino  possono essere sincronizzati per le operazioni di troncatura o possono essere utilizzati per tornire pezzi più lunghi. 
Con la sincronizzazione il trasferimento del pezzo dal mandrino principale al contromandrino  
è preciso e può essere realizzato l'allineamento delle dimensioni critiche. La sincronizzazione può essere raggiunta con una precisione di 0,02 gradi mentre i mandrini sono in movimento.


Arriva il Report Hera: qualità e risparmio con l’acqua di casa

0 commenti

Presentato “In buone acque”, il documento annuale della multiutility sulla qualità dell’acqua di rubinetto, disponibile on-line e presso i principali sportelli clienti del Gruppo

 

1.800 controlli al giorno, 648.252 analisi di cui 65.592 effettuate nel solo territorio bolognese dai laboratori Hera, attivi 7 giorni su 7 con 80 tecnici specializzati. Questo, in cifre, il lavoro che sta dietro al report “In buone acque”, realizzato come ogni anno dal Gruppo Hera per rendicontare la qualità dell’acqua di rubinetto. 

 

I numeri che raccontano le dimensioni del servizio idrico integrato di Hera disegnano una grande realtà: 243 Comuni fra Emilia-Romagna e Nord-Est e 3,6 milioni di cittadini serviti, 1.279 punti di captazione, 353 impianti di produzione e potabilizzazione, 34.788 chilometri di rete acquedottistica, 18.515 chilometri di rete fognaria e 1.030 impianti di depurazione. Importante la politica di investimenti del Gruppo, con 100 milioni di euro impiegati ogni anno a vantaggio del servizio idrico integrato. Nonostante questo, restano minimi i costi a carico dei cittadini, che per 1.000 litri di acqua del rubinetto pagano solo 1,71 euro, contro i 300 euro dovuti per la corrispondente quantità di acqua in bottiglia.

 

 “In buone acque” è stato redatto con la collaborazione della Regione Emilia-Romagna, di Arpa Emilia-Romagna, delle Aziende Usl del territorio e di Romagna Acque. Il report completo è, inoltre, arricchito dal contributo di tre “esperti di acqua”: Vito Belladonna, Direttore di Atersir, Stefano Tibaldi, Direttore di Arpa Emilia-Romagna e Giancarlo Marinangeli, Direttore del Reparto di Nefrologia e Dialisi dell’ASL di Teramo.

 

 “La nostra ricetta – afferma Stefano Venier, Amministratore Delegato del Gruppo Hera – si basa su investimenti importanti, per circa 100 milioni di euro ogni anno, un impegno che ci consente di essere al primo posto in Italia per il contenimento delle perdite idriche con costi per i cittadini fra i più bassi d’Europa. Scegliere acqua del rubinetto – continua L’AD di Hera – significa tutelare, in una volta sola, ambiente e portafoglio con la certezza, visti i risultati del Report, di non rinunciare alla salute”.

 

 

Leggi il report “In buone acque”

http://www.gruppohera.it/gruppo/attivita_servizi/business_acqua/qualita/buone_acque/

 

Controlla l’etichetta dell’acqua nella tua città

http://www.gruppohera.it/gruppo/attivita_servizi/business_acqua/qualita/qualita_acqua_hera/

 

 


Mobili da bagno sospesi Mastrofiore il top della gamma

0 commenti

Mastrofiore è una delle più importanti realtà nel settore della produzione di elementi d'arredo per il bagno.
Uno dei fiori all'occhiello della produzione di Mastrofiore è senza ombra di dubbio l'arredamento sospeso per il bagno.
I prodotti di Mastrofiore sono tutti realizzati con tecniche artigianali, utilizzando materiali di qualità eccellente.
I mobili sospesi si richiamano al passato e alla tradizione di installare nei bagni alcune consolle per riporre oli essenziali e profumi.
Mastrofiore, ispirandosi al passato, ha dato vita ad una linea di mobili sospesi per adattarsi alla perfezione alle esigenze di una clientela raffinata.
La realizzazione dei mobili da bagno sospesi Mastrofiore viene effettuata con grande passione e 'savoir faire', per dar vita a prodotti di elevata qualità, frutto non solo dello sforzo e della competenza ma soprattutto della passione per il proprio lavoro da parte dei tecnici e degli artigiani della ditta. 


Selfie, storia di una fotografia moderna

0 commenti

Tutti oggi conoscono la parola “selfie“. E’ cool, è di moda, è social, amato e odiato selfie. I nuovi social e le tecnologie degli smartphone hanno permesso la diffusione di questa pratica, che è diventata di massa e sociale, ma in realtà il selfie non è una novità. Nell’ambito della pittura prima e della fotografia poi, molti artisti, quasi tutti direi, si sono cimentati nella rappresentazione di se stessi con i mezzi artistici a disposizione o che preferivano, a seconda del periodo. 


Aree di servizio per camionisti, cattivo cibo e prezzi alti

0 commenti


Rivelazioni di un immortale di J. Briegel

0 commenti

In questo articolo vorrei scrivere sull'immortalità, e naturalmente, essendo argomenti correlati, anche sulla vita e sulla morte. Innanzitutto essere immortali è diverso dall'essere eterni. Nulla è eterno…


Microsoft non si fa attendere, subito pronta la build 9860

0 commenti

In meno di un mese è già disponibile la seconda versione dell' anteprima tecnica di windows 10. Microsoft non ha fatto aspettare tanto gli utenti che stanno testando il nuovo sistema operativo di casa Redmond. Oltre 1 milione gli …

Continua …

Fonte : http://www.worldcomputing.it/news/163-disponibile-la-seconda-anteprima-tecnica-windows-10.html


Pagina 1 di 90612345»...Fine »