segui LMN:     



Nella partita promossa da Papa Francesco canta Violetta

0 commenti

Martina Stoessel, la star argentina che interpreta Violetta nella serie televisiva di Disney Channel, si esibirà il 1° settembre allo Stadio Olimpico di Roma, durante la Partita Interreligiosa per la Pace.

 
“Il Papa ha voluto che si organizzasse questo evento perché calcio e musica sono in grado di unire i popoli e le persone di tutte le religioni. Il ricavato andrà in beneficenza”, ha spiegato Martina, ospite del programma "Hola Susana", che è andato in onda  in Argentina. 
 

La Partita per la Pace riunirà migliaia di appassionati nella fantastica cornice dello Stadio Olimpico di Roma. 
 
Insieme al suo connazionale Javier Zanetti – principale promotore della manifestazione di beneficenza – Tini sosterrà l'iniziativa promossa da Papa Francesco perchè diventi un momento indimenticabile per chi vivrà l'evento dal vivo e per chi lo vedrà in televisione in tutto il mondo.

Nel corso dell’esibizione romana, Martina canterà “En Mi Mundo”, un brano del suo repertorio in versione italiana.
 
Musica, sport, spettacolo e fratellanza saranno i tratti distintivi della manifestazione di Roma, tutti uniti per inviare un messaggio di pace, tolleranza e inclusione e per raccogliere fondi per la Fondazione PUPI e Scholas Occurrentes.
 

Ai grandi campioni di tutto il mondo che hanno confermato la propria presenza, si aggiunge una straordinaria selezione di giocatori argentini. Insieme al neo tecnico della nazionale bianco-celeste Gerardo “Tata” Martino, scenderanno in campo: Lionel Messi, Javier Zanetti, Javier Mascherano, Maxi Rodriguez, Rodrigo Palacio, Ricardo Alvarez, Juan Iturbe, Cristian Ledesma, Ezequiel Schelotto, Hugo Campagnaro, Esteban Cambiasso, Ezequiel Lavezzi, Mauro Icardi, Rubén Botta e Juan Pablo Carrizo.

Il ricavato della manifestazione è destinato al sostegno del progetto “Un’Alternativa di Vita” promosso da due importanti realtà no profit: Scholas Occurrentes: entità educativa di bene pubblico, promossa da Papa Francesco, con sede presso la Pontificia Accademia delle Scienze, che collega la tecnologia, l’arte e lo sport per promuovere l'inclusione sociale e la cultura dell’incontro, e Fondazione PUPI, creata oltre 10 anni fa da Javier e Paula Zanetti, promuove e sostiene programmi di adozione a distanza, alloggio e assistenza sociale per alleviare il disagio e le diverse condizioni di malessere dei bambini dei settori più poveri della società.
 
Le due realtà hanno deciso di unire le forze e concentrare le loro energie in un progetto comune: i fondi raccolti attraverso l’evento saranno quindi destinati a migliaia di giovani di Buenos Aires che potranno ricevere assistenza educativa e sostegno continuo.

————————–
Rete Cattolica – Ufficio Stampa
Art Director – Antonio Cospito
Sito Web: http://www.cattolici.eu 


Papa Francesco: Il 1° Settembre a Roma la prima partita interreligiosa per la pace

0 commenti

La sera del primo settembre, alle 20.45, allo Stadio Olimpico di Roma, si terrà la prima partita interreligiosa per la pace, evento internazionale a favore di "Scholas Occurrentes" e della Fondazione P.U.P.I. Onlus. Scenderanno in campo campioni di livello mondiale, come Lionel Messi, Gianluigi Buffon, Zinedine Zidane, Javier Zanetti, Roberto Baggio, Andrea Pirlo, Yuto Nagatomo e Samuel Eto'o, ognuno in rappresentanza delle diverse religioni.

L'iniziativa è nata nell'aprile dello scorso anno, in occasione dell'udienza di Papa Francesco alle squadre di Italia e Argentina, al termine di una partita di beneficenza. In quell'occasione il Pontefice volle condividere con il calciatore Javier Zanetti l'idea di organizzare una partita alla quale partecipassero persone di diverse religioni per promuovere la fratellanza e la condivisione attraverso lo sport. I biglietti saranno messi in vendita da venerdì 25 luglio e il ricavato sarà interamente destinato a finalità caritative.

"Scholas Occurrentes", che ha sede presso la Pontificia Accademia delle Scienze, in Vaticano, è un'entità educativa di bene pubblico promossa da Papa Francesco, che utilizza la tecnologia, l'arte e lo sport per promuovere l'integrazione sociale e la cultura dell'incontro. La Fondazione P.U.P.I. Onlus, senza fini di lucro, creata oltre dieci anni fa da Paula e Javier Zanetti, promuove e sostiene programmi di adozione a distanza e di assistenza per alleviare le diverse condizioni di disagio.

————————–
Rete Cattolica – Ufficio Stampa
Art Director – Antonio Cospito

Sito Web: http://www.cattolici.eu


Don Roberto Fiscer, dj in spiaggia per evangelizzare

0 commenti

Don Roberto Fiscer è un giovane sacerdote genovese ed è stato il primo a creare una web radio parrocchiale nella diocesi di Genova. Radio Fra le note è nata lo scorso novembre e trasmette dall'oratorio parrocchiale di San Martino d'Albano.

 

Ma per la stagione estiva la radio assume una vesta “da spiaggia”. Il mercoledì pomeriggio, infatti, trasmette dai Bagni sporting di corso Italia, lungomare del Levante genovese.

 

Don Roberto, nato a Genova nel 1976, non è nuovo a simili iniziative: nell'estate del 2010 ha creato ad Arenzano la prima discoteca cristiana di Genova; ha ideato e prodotto il singolo "Replay non ha", il brano diventato famoso grazie anche alle registrazioni effettuate da numerosi calciatori del campionato di serie A e B. La vocazione di don Robert è uno dei frutti della Giornata mondiale della gioventù del 2000 a Roma.

 


“Ho lavorato come dj e animatore e questo mi ha insegnato a parlare con tutti, spesso attraverso la musica, ma non solo”, ha spiegato don Roberto a “Credere” (20 luglio). “Per anni – continua – questo strumento, questo talento l'ho suonato a vuoto, cercando me stesso, la vanagloria, gli applausi, il sentimi dire 'bravo' e venire amato. Ma mai per quello che ero, solo per quello che facevo. E come maschera mi piaceva. Portava molti risultati. Alla lunga, però, le maschere perdono colpi; quando la sera tornavo a casa, restavo solo con me stesso e la mia sempre più inseparabile tristezza”.

 

La ricerca interiore di don Roberto riceve una scossa nell'estate del 2000 sui prati di Tor Vergata nell'osservare la gioia travolgente dei sacerdoti. Tornando a casa una voce profonda comincia a risuonargli in testa: “Perché loro sì e tu no?”. “Da quell'istante io dovevo entrare in seminario e farmi sacerdote. Non avevo nessun'altra scelta. Gesù mi aveva preso per i capelli da un 'non senso' che mi stava circondando e addormentando come il gas di una caldaia difettosa e mi stava uccidendo”.

 

Grazie alla sua passata esperienza di dj e di animatore sulle navi da crociera, don Roberto è rimasto in contatto con numerosi artisti e sportivi. Anche grazie a loro è nata Radio Fra le note, “una radio 'dell'altro mondo', che propone musica, intrattenimento e divertimento sempre e solo 'allo stato puro”.

 

Il format è quello di una radio fatta da ragazzi che parlano ai ragazzi.

 

Tra i programmi "fissi" ci sono i "Discoratorio" (lunedì, mercoledì e venerdì), "Praylist" (martedì) e l'"Aperitabor" (il sabato sera). Punti fissi sono la musica, le parole e tanto divertimento in particolare il pomeriggio, nel doposcuola o al sabato sera. Naturalmente senza dimenticarsi di spazi importanti legati a testimonianze, storie ed approfondimenti come la parola del Parroco, la lettura del giornalino parrocchiale, la preghiera, il catechismo per e con i bambini.

 

Si tratta, spiega don Roberto, di “una nuova forma di oratorio che dà voce a chi oggi, non sempre è ascoltato nei suoi 'perché' più dolorosi, nei suoi disagi e nelle solitudini di ogni genere”.

 

Ben presto sono arrivati anche i corsi gratuiti per piccoli disk jockey, giornalisti, attori e registi in erba.

 

“Cerchiamo di arrivare ai ragazzi con il linguaggio più diretto, attraverso l’esempio, il coinvolgimento, il lavorare sui proprio talenti, potenzialità, fragilità – afferma don Roberto – . Vogliamo cantare il Vangelo nelle periferie come dice Papa Francesco”.


———————————–

Rete Cattolica – Ufficio Stampa
Art Director – Antonio Cospito

Sito Web: http://www.cattolici.eu 


Giuseppe Tammaro: rilanciare Global Solar Fund nel segno della massima trasparenza

0 commenti

Global Solar Fund – il fondo che controlla e che gestisce, attraverso la Suntech Power Engineering Italy e la Global Solar Fund Engineering Italy, 180 parchi fotovoltaici in Italia (prevalentemente ubicati in Puglia) per 140 MW di potenza installata – punta sulla trasparenza per rilanciare la propria attività in Italia.

Global Solar Fund fotovoltaico

Attraverso un’attività di verifica e di riqualificazione degli asset di proprietà, GSF, sotto la guida esperta di Giuseppe Tammaro, intende proporre una nuova strada per affermare la propria presenza in Italia.

“Vogliamo rilanciare Global Solar Fund (GSF) nel segno della massima trasparenza e della discontinuità con la precedente gestione – spiega Giuseppe Tammaro, alla guida di GSF da qualche mese – e per questo abbiamo avviato attività di verifica e riqualificazione dei nostri asset per valutare tutti i principali aspetti che li riguardano (amministrativi, tecnici) in modo da poter avere un quadro completo e obiettivo, e ciò anche nell’ottica di apportare eventuali migliorie agli stessi”.

Trasparenza, chiarezza e confronto con tutti gli interlocutori: sono questi i punti di forza della nuova GSF su cui punta Giuseppe Tammaro per rilanciare il secondo produttore di fotovoltaico in Italia.

GSF logo

Giuseppe Tammaro, chiamato qualche mese fa dagli azionisti cinesi della Suntech a gestire una complessa fase di ricostruzione e di rilancio aziendale, è un manager di grande esperienza che vanta un curriculum d’eccellenza nel settore finanziario e nel mondo automobilistico. La sua mission è quella di valorizzare gli asset aziendali e di rilanciare, entro qualche anno, il business dell’energia rinnovabile in Italia, attraendo nuovi capitali dall’estero, con un approccio volto alla massima trasparenza.

“Il nostro modo di agire, trasparente e alla luce del sole – prosegue Tammaro – ha già raccolto segnali di apprezzamento da parte di diversi nostri interlocutori. Siamo convinti che questo approccio possa portare a un ripristino della credibilità che un gruppo così importante dovrebbe avere, e avviare in questo modo un nuovo percorso di dialogo e di confronto con tutti gli stakeholder, istituzionali e non”.

FONTE: Global Solar Fund


Antonella Ruggiero sta lavorando all’album di musica sacra

0 commenti

Per nulla diva e senza vezzi da star, Antonella Ruggiero, artista e cantante dalle doti vocali straordinarie, per anni voce dei Mattia Bazar, confida di aver seguito un suo percorso personale, “un sentire scollegato dai rituali, dai doveri, da quelle che sono in qualche maniera delle imposizioni” e di non aver mai smesso di cercare, spinta da una curiosità innata.

“Sono nata a in una famiglia cattolica – racconta in una intervista a 'Credere' (17 agosto). La mia fede è connessa con lo stupore che mi procura l'osservazione della natura e dei fenomeni naturali. Fin da bambina. Non sono credente perché qualcuno mi ha detto di esserlo o perché ho creduto a letture o parole. È totalmente istintiva e si rafforza costantemente di fronte alla bellezza e alla meraviglia della natura”.

Parlando invece di Luna crescente (Sacrarmonia), l'album di musica sacra del 2001, la Ruggiero ha ricordato di averlo portato anche a Fes, in Marocco, al più grande festival di musica sacra di tutto il mondo: “È stato un viaggio meraviglioso nelle tradizioni, specialmente la nostra, ovviamente, che mi ha dato la possibilità di cantare in luoghi pieni di suggestioni, in sintonia. Mi hanno chiesto di cantare l'Ave Maria nella grotta di Betlemme, per esempio, una delle tante cose che non mi sarei mai aspettata”.

A distanza di tanti anni, la cantante sta ora lavorando a un altro album di musica sacra, che sarà pronto in autunno, “e a questo punto parleranno e si sentiranno i suoni degli organi di grandi chiese che, solitamente, rimangono inaccessibili: organi antichi che sono uno spettacolo e che purtroppo, per vari motivi, non sono mai utilizzati”.

“A Genova, da bambina, ogni domenica con mio nonno andavamo in una chiesa in cui suonavano un organo – ricorda –: rimanevo ipnotizzata, talmente profonda la reazione che mi procurava. Riuscire adesso a realizzare un lavoro del genere mi sembra un sogno”.

————————————
Rete Cattolica – Ufficio Stampa
Art Director – Antonio Cospito
Sito Web: http://www.cattolici.eu


Remo Girone nella preghiera ha trovato consolazione

0 commenti

Remo Girone è sicuramente uno degli artisti più completi e poliedrici nel panorama dello spettacolo italiano. Nel corso della sua carriera ha infatti vestito i panni di personaggi diversissimi tra loro: dal mafioso Tano Cariddi della fortunata serie televisiva La piovra alla figura ieratica di Papa Pacelli nella fiction Suor Pascalina.

Vent'anni fa mi fu diagnosticata una brutta malattia che lasciava limitate possibilità di guarigione – ha raccontato Remo Girone in una intervista A Sua Immagine (2 agosto) –. Pochi minuti prima di essere sottoposto all'intervento chirurgico che mi avrebbe guarito iniziai a pregare: l'Ave Maria, il Padre Nostro e poi un'orazione della mia infanzia, la 'preghiera del cuore' che dice 'Signore Gesù Cristo, figlio di Dio, abbi pietà di me peccatore'”.

“Ebbene, da quel momento nella preghiera trovo tanta consolazione – ha aggiunto –. Negli ultimi anni, poi, non mi rivolgo al Signore solo quando sono in difficoltà, ma anche per ringraziarlo delle cose belle che mi dona ogni giorno, a iniziare dalle più semplici come, per esempio, una bella giornata d'estate. Piccole cose che prima davo sempre per scontate ma che in realtà danno il vero senso alla nostra esistenza”.

“La mia educazione è stata religiosa – ha continuato l'attore –. In Eritrea, dove sono nato, ho frequentato scuole e istituti cattolici, ma posso dire con certezza che fu nel momento della malattia, della prova, che mi venne una gran voglia di pregare. La sofferenza diede una prospettiva diversa alla mia vita. Ad esempio, di fronte a qualcosa che non va come avrei sperato reagisco con più distacco. Continuo a nutrire il dubbio, che credo sia parte integrante della fede ma nonostante ciò mi abbandono a una presenza superiore”.

—————————–
Rete Cattolica – Ufficio Stampa
Art Director – Antonio Cospito
Sito Web: http://www.cattolici.eu


Ron è devoto alla Madonna di Lourdes

0 commenti

Rosalino Cellamare, in arte Ron, da oltre quarant'anni non smette di regalare emozioni al suo pubblico con brani come Non abbiamo bisogno di parole o Vorrei incontrarti tra cent'anni.

E in molte sue canzoni, soprattuto della produzione più recente, emergono continui riferimenti alla spiritualità e alla fede: “Più vado avanti, più la musica diventa un'occasione per liberare la mia anima” racconta il cantautore in una intervista A Sua Immagine (12 luglio). “Questa cosa mi dà la sensazione di essere più vicino a Dio. Ecco perché quando scrivo mi viene naturale entrare in una dimensione che non è unicamente materiale. Mi piace volare con la mente, lo spirito e il cuore”.

La fede, racconta, “mi accompagna fin da quando ero bambino. Poi ci sono stati episodi che mi hanno portato a dover sostenere la famiglia in un momento di difficoltà forte. Per non impazzire, ho cercato aiuto e l'ho trovato nella preghiera. Ho cercato Dio è posso dire 'sono tornato a quel Signore che mi avevano insegnato e che per anni forse avevo frequentato solo per abitudine'. Ho cominciato a chiedere, poi a mettermi nelle sue mani e rimettermi a tutto quanto mi poneva davanti. Ed è da lì che ho iniziato a camminare”.

Ron è anche fortemente impegnato come testimonial dei malati di Sla ai quali ha dedicato il brano L'inguaribile voglia di vivere presente nel suo ultimo Cd. Nel 2009 aveva portato nei teatri uno spettacolo, L’altra parte di Ron, ospitando sul palco Mario Melazzini, presidente dell’Associazione italiana sclerosi laterale amiotrofica: “E' straordinario vedere negli occhi di chi ne è affetto un sorriso disarmante. Persone totalmente in gabbia ma così forti e descritte nella mia canzone come giganti indistruttibili nello spirito”.

Ha poi parlato della sua profonda devozione alla Madonna di Lourdes: “Lì si avverte una forza che ci fa sentire unici. Nella nostra debolezza. Perché se ci si reca a Lourdes, è proprio per la coscienza di essere uomini, creature fragili. Non mi è mai successo di tornare a casa 'infreddolito' ma sempre col cuore molto riscaldato, sicuro di essere stato compreso come fa una vera Madre. Amo andarci la notte e passare davanti a Maria alcune ore, senza accorgermi del tempo che passa. Quella grotta è una calamita”.

Immancabile, infine, il ricordo dell'amico Lucio Dalla: “Quando gli ho fatto visita a Losanna per salutarlo l'ultima volta, credo Dio sia intervenuto ancora una volta. Perché dopo due giorni dalla sua morte il mio cuore era sereno. Era un maestro che mi ha insegnato tanto e a cui potevi ancora fare domande: lo potevi chiamare a qualsiasi ora del giorno e della notte. Lucio ha lasciato uno stile di vita, un modo di guardare il mondo, con stupore, come un bambino”.

————————–
Rete Cattolica – Ufficio Stampa
Art Director – Antonio Cospito
Sito Web: http://www.cattolici.eu


Non riesco a modificare DNS Vodafone

0 commenti

Non riesco a modificare DNS Vodafone. Non riesci a farlo non per colpa tua, non sei tu il problema, probabilmente non hai sbagliato nulla, solo che vodafone non vuole perchè deve contrallare il traffico, dirti cosa vedere e quale …

Continua …

http://www.worldcomputing.it/computer/internet/55-cambiare-dns-vodafone-station-2.html


Disattivare internet e telefono Vodafone

0 commenti

Disattivare internet e telefono Vodafone.
Ecco questo è proprio quello che cerchi. Vodafone dopo che hai modo di capire che servizio offre e con chi hai a che fare decidi molto velocemente di abbandonarla. Non è tollerabile …

Continua …

http://www.worldcomputing.it/computer/internet/56-disdetta-adsl-vodafone-cosa-fare.html


Fare htaccess su Windows, Linux e Mac

0 commenti

Sviluppare htaccess su Windows, Linux e Mac.
Non è difficile ma se ti trovi alle prime armi una sciocchezza può tramutarsi in una cosa seria e farti perdere tantissimo tempo inutile che avresti potuto evitare se solo …

Continua …

http://www.worldcomputing.it/computer/internet/66-creare-file-htaccess.html


Pagina 1 di 88412345»...Fine »