segui LMN:     



Hacker, distrutto sito lega e pubblicati i dati

0 commenti

Da quanto dice Anonymous nell' articolo pubblicato nel blog, hanno defacciato, distrutto il sito web, lasciato il comunicato e pubblicato tutti i dati del sito web per ostacolare le ideologie razzisce e fasciste della lega nord. A rivelarlo l' immediata rivendicazione in tutti i social network del famoso gruppo di hacktivisti e nel blog ufficiale in italiano. Pare che …
Continua …

Fonte: http://www.worldcomputing.it/news/210-hacktivisti-contro-ideologia-razzista-lega-nord.html


Guardie rispondono ai responsabili dell’ attacco

0 commenti

Guardie rispondono ai responsabili dell' attacco

La polizia invia una lettera di risposta ad Anonymous dopo il secondo attacco al sindacato di polizia che ha causato la distruzione del sito web, la sottrazione di tutti i dati e la pubblicazione di questi nel portale ufficiale del famoso gruppo hacker. Non solo, è stato pubblicato il numero del presidente del sindacato autonomo di polizia e invitati gli utente ad inviare messaggi ed email in totale anonimato. …
Continua …

Fonte: http://www.worldcomputing.it/news/212-polizia-penitenziaria-lettera-anonymous.html


Vacanze con la tavola: le mete per i patiti di snowboard

0 commenti

Per molti italiani le vere vacanze, quelle che per intenderci vengono attese spasmodicamente durante tutto l’arco dell’anno, non sono quelle estive bensì quelle invernali. Questo è dovuto non solo all’amore verso la montagna che tuttavia può essere appagato pure d’estate, ma anche e soprattutto dalla passione nei confronti di alcuni sport invernali come nel caso dello snowboard (vedi Wikipedia.it), che nel corso degli ultimi anni stanno crescendo in maniera molto evidente in quanto a popolarità. È fuor di dubbio che praticare lo snowboard freestyle con la possibilità di lasciarsi andare in straordinarie evoluzioni tecniche oppure confrontarsi con un’altra delle specialità dello snowboard, è un qualcosa di molto attrattivo soprattutto nei confronti delle nuove generazioni che, infatti, spesso e volentieri, preferiscono questo sport al classico scii alpino. Tuttavia è bene tener presente come sia necessario prendere i dovuti accorgimenti per evitare di incappare in pericolosi infortuni, che per la natura dello sport, potrebbero potenzialmente interessare qualsiasi parte del corpo. Per ridurre al minimo il rischio è quanto mai opportuno scegliere tavole da snowboard (come le tavole da snowboard freestyle Northwave), scarponi snowboard ed attacchi da snowboard (scopri di più qui) in linea con le proprie caratteristiche fisiche magari evitando di mettere al primo posto l’aspetto economico. Lasciando da parte questo discorso, vediamo quali sono i luoghi italiani che possono essere considerati a ragion veduta dei veri e propri paradisi terrestri per gli amanti dello snowboard. La prima meta è quella di Bardonecchia che propone uno snowpark altamente funzionale che tra le altre cose ricordiamo essere stata la location nella quale si sono svolte le gare di snowboard nell’ambito delle Olimpiadi Invernali di Torino 2006. La struttura è servita da una moderna seggiovia a quattro posti ad agganciamento automatico peraltro resa ancora più funzionale dalla stazione intermedia. Inoltre presenta tre are snowpark (Eagle – Grizzly – Baby), 1500 metri esclusivamente dedicati agli amanti dello snowboard freestyle e ben 60 rails and jib features. La seconda meta che si propone come molto interessante per trascorrere delle vacanze all’insegna della tavola da snowboard, è quella di Madonna di Campiglio sul cui territorio è presente l’Ursus Snowpark. Posto ad un altezza di circa 2 mila e 500 metri sul livello del mare, è tra i più alti d’Europa e si snoda in un paesaggio di straordinaria bellezza come quello proposto dalle Dolomiti del Brenta. Lo snowpark è tecnicamente diviso in due zone per fare in modo che quanti siano alle prime armi possano avere la possibilità di prendere confidenza con la disciplina senza sottoporsi ad eccessivi rischi. Da sottolineare come la società che lo gestisca, nel corso degli anni si stia facendo apprezzare per essere stata capace nel tempo di migliorare costantemente la struttura proponendo interessanti innovazioni. Altra meta di grande spessore che probabilmente è anche più conosciuta delle due appena descritte è quella di Livigno in Lombardia. Lo snowpark di Livigno denominato Mottolino, è il più grande presente nel territorio italiano e proprio per questa sua caratteristica riesce ad offrire una scelta piuttosto ampia di soluzioni tant’è che la struttura è suddivisa in quattro zone in base all’abilità. Nel caso si voglia optare per una soluzione estera ecco che la scelta si amplia e si può scegliere tra alcuni eccezionali località come Verbier nella vicina Svizzera, Fieberbrunn in Austria ed Avvoriaz in Francia. Queste appena elencate, sono tutte località che presentano snowpark estremamente appaganti sotto tutti i punti di vista.


Verso il rinnovo dell’Ordine dei Medici, candidato presidente Papa (Il Tuo Ordine): “Noi abbiamo detto no alle ingerenze dei politici. Altre liste no”

0 commenti

CASERTA. E' iniziato il conto alla rovescia per il rinnovo del Consiglio dell’Ordine dei Medici Chirurghi ed Odontoiatri di Caserta (triennio 2015/2017). Si voterà, infatti, sabato 29 e domenica 30 novembre, e lunedì 1 dicembre. Già da tempo scalpita ai nastri di partenza la lista Il Tuo Ordine, lo schieramento che candida il dottor Domenico Papa (consigliere uscente) alla presidenza del palazzo di via Bramante. Una lista compatta, che ha fatto del "rinnovamento" e del "pieno rilancio dell'Ordine", inteso come "strumento al servizio di tutti gli iscritti", il proprio cavallo di battaglia. "Lo stiamo dicendo da tempo. Bisogna rimettere la figura del medico al centro di tutto - spiega il candidato presidente Papa – ridonando dignità ad una professione, la nostra, troppo spesso finita sotto accusa". 

Ma il "Tuo Ordine" punta anche a mettere in campo una “formazione medica continua di tutti e per tutti", aprendo fortemente alle istanze dei giovani camici bianchi (ben sei quelli arruolati nel progetto). E dicendo no, in maniera chiara e definitiva, "alle ingerenze politiche". "Per carità - precisa Papa - non abbiamo nulla contro i politici. Preferiamo, tuttavia, tenerli fuori perché l'Ordine che sogniamo noi deve essere indipendente e scevro da qualsivoglia condizionamento. Proprio per questo abbiamo chiesto ai nostri candidati di firmare un regolamento in base al quale chiunque, in futuro, vorrà concorrere per uno scranno in Regione oppure in Provincia, dovrà automaticamente dimettersi, causa incompatibilità, dalla carica di consigliere". "Noi lo abbiamo chiesto e ottenuto" continua il leader dello schieramento. "Ma a guardare i componenti delle altre liste non sembra che la nostra scelta di indipendenza abbia fatto proseliti. Bontà loro! Sono sicuro che i nostri elettori ne terranno conto" conclude.  
 
Elezioni ORDINE DEI MEDICI di Caserta
MANDATO 2015/2017  
 
LISTA "IL TUO ORDINE" 
 
Candidati CONSIGLIO DIRETTIVO Scheda Bianca (15 Consiglieri):
  • Domenico PAPA (Medico Medicina Generale)
  • Francesca CAMPANILE CASTALDO (Resp. U.O. Servizio Prevenzione e Carta Servizi Asl Caserta)
  • Luigi DI LORENZO (Dirigente Reparto Cardiologia P.O. Sessa Aurunca)
  • Carmine FARINARO (Medico Medicina Generale)
  • Mauro IODICE (SA – Titolare di Fascia A  Endocrinologia Asl Caserta)
  • Pasquale LIGUORI  (Radiologo. Dirigente Medico P.O. “Moscati” di Aversa. Giovani Medici)
  • Roberto MANNELLA (Dir U.O.C. Centrale Operativa 118 Caserta)
  • Domenico PERRI (Dirigente del Reparto di  Pediatria presso Ospedale  di Aversa)
  • Lupo Giacomo PULCINO (Medico Medicina Generale)
  • Salvatore SANTONASTASO (Medico Medicina Generale)
  • Giovanni TANCREDI (Medico Medicina Generale)
  • Anna TARABUSO (Pediatra di Libera Scelta)
  • Claudio TROVATO (Dirigente Reparto Gastroenterologia Ospedale  "Moscati" Aversa)
  • Giuseppe VARGAS (Pronto.Soccorso Osp. Cardarelli di Napoli. Giovani Medici)
  • Benedetto ZANNINO (S.A. – Dir U.O.C. Oncologia Ospedale Sessa Aurunca  Asl Caserta)
 
REVISORE DEI CONTI  Scheda Verde (4 Revisori):
  • Concetta BETTINO (Libero Professionista – Giovani Medici)
  • Antonio IODICE ( Chirurgo Plastico libero Professionista – Giovani Medici)
  • Filomena LOMBARDI (Anestesista libero professionista – Giovani Medici)
 
Componente Supplente:
  • Mattia Davide DELLA ROCCA  (Chirurgo Libero Professionista – Giovani Medici )
 


Il manager Giovanni Fasciano, attualmente consulente di Timexpose Limited

0 commenti

Le principali esperienze di Giovanni Fasciano, in particolare presso Global Watch Industries, azienda di spicco nel settore della gioielleria e dell'orologeria.

Giovanni Fasciano - Linkedin

Alcune delle tappe principali della carriera di Giovanni Fasciano

Giovanni Fasciano nel 1989 inizia la sua carriera presso la GFD S.r.l., ricoprendo i ruoli di Marketing Manager, Brand Manager e responsabile delle relazioni con i fornitori; nel 1992 passa a Time Force LTD, azienda multinazionale con sede ad Hong Kong, ricoprendo la posizione di Marketing Manager con il compito di seguire tutto il processo di sviluppo dei nuovi prodotti e della gestione di tutti i clienti provenienti dall'Europa; nel 1998 verrà nominato General Manager per la sede europea della medesima azienda. Nel 2003 entra a far parte di Global Watch Industries S.p.a., all'interno della quale sarà General Manager (2003-2005), Presidente e CEO (2006-2007) e CEO per l'area asiatica (2008-2012). Dal 2012 ricopre la posizione di consulente per Timexpose Limited.

La partecipazione di Giovanni Fasciano a Baselworld

Nel corso dell'esperienza all'interno di Global Watch Industries, Giovanni Fasciano ha parteciato a Baselworld, il maggiore e principale evento mondiale dedicato al mondo dell'industria della gioielleria e dell'orologeria a cui partecipano tutti i principali marchi internazionali. Nel 2010 ha gestito la partecipazione all'evento e la presentazione di una nuova linea di gioielli, destinati a rafforzare la presenza della società all'interno di un mercato in cui tutti i principali marchi di moda lavorano su entrambi gli ambiti, quello degli orologi e quello dei gioielli. A Basilea ha presentato Ippocampo, un marchio di gioielli in argento made in Italy, e gioielli personalizzati con il marchio Sweet Years. Gli ultimi risultati per Ippocampo alla fiera hanno superato tutte le aspettative del manager la rapida crescita nella divisione gioielli, così come la prospettiva di firmare altre licenze prestigiose. L'azienda può infatti vantare la produzione di orologi con licenza per Chronotech, Blumarine, GF Ferré, Givenchy, Sweet Years, CT by Chronotech, Trudi Time by Chronotech, Hello Kitty, Billionaire, Milan e Juventus.


Per maggiori informazioni riguardanti la carriera di Giovanni Fasciano visita il suo profilo presente su Linkedin.


Commercio estero, ecco come è andato il mese di settembre

0 commenti

L’Istat ha appena pubblicato l’aggiornamento statistico relativo all’andamento del commercio estero al mese di settembre 2014, riscontrando un incremento sia delle esportazioni (+ 1,5%) sia delle importazioni (+ 1,6%). Cerchiamo tuttavia di saperne di più, comprendendo in che modo si stia orientando il processo di internazionalizzazione commerciale delle imprese italiane.

Cosa stiamo esportando
A settembre 2014 l’incremento congiunturale dell’export italiano sembra essere determinato soprattutto dalla crescita delle vendite di beni strumentali (+ 5,6%), rispetto a una pur positiva crescita dell’export dei prodotti intermedi e dei beni di consumo non durevoli (+ 0,7%). L’incremento tendenziale delle esportazioni (+7,4%) è principalmente determinato dai beni strumentali (+11,6%) e dai beni di consumo non durevoli (+9,4%).

Tra i settori di attività, sottolineiamo una forte crescita a/a dei seguenti comparti:
• Mezzi di trasporto (esclusi autoveicoli): + 27,7%
• Articoli farmaceutici, chimici, medicinali, botanici: + 16,5%
• Articoli in pelle (escluso abbigliamento): + 9,8%
• Autoveicoli: + 8,6%
• Prodotti tessili: + 8,3%

Dove stiamo esportando
A settembre l’incremento delle esportazioni in termini congiunturali sembra essere stato determinato principalmente dalle vendite verso i paesi dell’area extra Ue (+4,1%), mentre quelle dell’area Ue (-0,7%) registrano una flessione. “Nel corso del trimestre luglio-settembre 2014 si registra una diminuzione congiunturale delle esportazioni (-0,2%) che riflette il calo delle vendite verso i paesi Ue (-0,9%). L’export verso l’area extra Ue è in aumento (+0,7%). Nello stesso periodo, le importazioni registrano un’analoga diminuzione (-0,2%) da attribuire esclusivamente all’area extra Ue (-2,7%)” – precisava l’Istat allargando il suo spettro temporale.
Per quanto attiene invece una crescita tendenziale, lo sviluppo delle esportazioni (+7,4%) è sostenuto dall’aumento delle vendite verso Belgio (+29,9%), paesi OPEC (+20,6%) e Stati Uniti (+13,3%).
“La crescita tendenziale dell’export” – precisa ancora l’approfondimento Istat – “è spiegata per oltre un quarto dall’aumento delle vendite di mezzi di trasporto (autoveicoli esclusi) verso i paesi OPEC e di articoli farmaceutici, chimico-medicinali e botanici verso il Belgio. La diminuzione delle vendite di prodotti petroliferi raffinati verso Turchia e Francia e di articoli farmaceutici, chimico-medicinali e botanici verso il Giappone rallenta la crescita delle esportazioni per quasi un punto percentuale”.

Con che valori stiamo esportando
Infine, risulta essere di particolare interesse cercare di comprendere quale sia l’evoluzione dei valori medi unitari e dei volumi di esportazione. A settembre 2014 si rileva un utile aumento tendenziale dei valori medi unitari all’export (+ 2,5%), con volumi in crescita del 4,8%.
L’aumento dei valori medi unitari all’export è inoltre principalmente influenzato dall’aumento riscontrato sia per i paesi dell’area extra Ue (+3,9%), sia per quelli dell’area Ue (+1,2%). L’incremento dei volumi esportati interessa tutti i principali raggruppamenti di prodotti, a eccezione dei prodotti energetici (-14,0% all’export e -0,1% all’import). L’aumento rilevato per le esportazioni in volume interessa principalmente i beni di consumo non durevoli (+6,8%) e i beni strumentali (+6,5%).

Anche con i dati di settembre, pertanto, il commercio estero italiano si conferma essere in positivo andamento, consentendo alle imprese tricolori di poter adeguatamente fronteggiare le note difficoltà derivanti dalla congiuntura del mercato interno.
Se desiderate saperne di più sulle opportunità che i mercati internazionali sono in grado di donare alla vostra azienda, e su quanto possa essere conveniente esportare attraverso la consulenza EGO, non perdete altro tempo: fuori dall’Italia, un mondo di occasioni vi sta aspettando!


Rete Cattolica: Antonio Cospito è il nuovo presidente nazionale

0 commenti

Il nuovo presidente nazionale di Rete Cattolica, e direttore generale di Area Music 360, per i prossimi cinque anni sarà Antonio Cospito. Le doti organizzative vengono riconosciute a pieni voti da tutti, e ogni sua iniziative è sempre un grande successo. Rivolgiamo qualche domanda al nuovo presidente nazionale di Rete Cattolica:

Parlaci della tua esperienza spirituale?
Certo. Inizio dall’età di 14 anni come responsabile della musica e del canto sia nella parrocchia, che del gruppo di preghiera del movimento ecclesiale Rinnovamento nello Spirito (che il 1° giugno 2014 ha incontrato Sua Santità Papa Francesco allo stadio olimpico di Roma). Nel 1995 mi trasferisco a Milano, dove seguo attività di volontariato in ospedale, e animazione liturgica per il rito ambrosiano. Tale rito liturgico mi appassionò cosi tanto che mi dedicai a un’accurata formazione, sia nella parrocchia di appartenenza sia a livello diocesano. In diverse occasioni mi chiamano a livello nazionale, sia come animatore di preghiera e liturgico, che per seminari sulla musica e canto nella liturgia. Dal 2009 decido di consacrarmi a Dio con voto di castità, di seguire un negozio di articoli religiosi e libreria cattolica. Il mancato appoggio di genitori e parenti, mi hanno portato a trasferirmi altrove dove vivo una vita monastica, dedicandomi anche alla composizione (con la chitarra) di diversi brani cristiani liturgici e di preghiera.

Parlaci della tua esperienza musicale e televisiva?
Appena diplomato con alcuni compagni di scuola ho formato una band di musica leggera, che ci ha portato in giro per le piazze del sud-Italia. Finita tale esperienza, abbiamo deciso di aprire un locale esclusivo, dove si poteva mangiare e ascoltare musica dal vivo. Dopo una ricca stagione, con un cast prestigioso sia di band, sia di big della canzone italiana, decidiamo di chiudere l’attività per dividerci definitivamente in diversi luoghi e attività. Nel 1995 mi traferisco a Milano, dove inizio a seguire alcuni programmi televisivi, sia come organizzatore di pubblico sia come direttore artistico. Ricordo con grande gioia gli studi di “Scherzi a parte” con Teo Teocoli, “Super” con Laura Freddi e Gerry Scotti, “Jammin” con Federica Panicucci, “Ore 12” con Gerry Scotti, Ci vediamo in Tv con Paolo Limiti, “Ok il prezzo è giusto” con Iva Zanicchi, e tanti altri. Ho seguito le selezioni dell’Accademia di Sanremo, Sanremo Rock, e prodotto diversi artisti emergenti a livello nazionale. Ho lasciato il settore musicale e televisivo, per dare seguito alla mia vocazione come fedele della Chiesa Cattolica.

Come mai hai deciso di organizzare Una Canzone per Papa Francesco?
Per me è un Papa importante, che merita in ogni campo la divulgazione delle sue parole evangeliche. Infatti, nel giugno 2013 ho voluto incontrarlo proprio in udienza generale nella Città del Vaticano, dove ho deciso di dedicargli il Festival Nazionale di Musica Cristiana “Una Canzone per Papa Francesco”, che ha ricevuto anche la benedizione apostolica. Preciso ancora, e spero per l’ultima volta, che il Festival "Una Canzone per Papa Francesco" non è mai stato un concorso a premi o una gara, con regolamento o iscrizione a pagamento, ma è stato da sempre un mezzo esclusivo per la direzione artistica, per verificare il gradimento degli utenti sul web dei video già pubblicati dagli autori su YouTube.

Parlaci della tua collaborazione con Dario Baldan Bembo e Franco Romeo?
Occorre precisare, che in prima persona appoggio il loro progetto artistico e di solidarietà, dove non hanno bisogna di chiedere nulla, tutto sarà fatto affinché le loro composizioni e iniziative, siano un vero successo a livello mondiale. Con Franco Romeo c’è quasi un rapporto paterno, dove in molte occasioni non serve nemmeno parlare perché ci capiamo al volo. Mentre con Dario Baldan Bembo, dopo la vittoria al Festival “Una Canzone per Papa Francesco”, è nato un bel rapporto fraterno cristiano e grande stima reciproca. Penso che siano entrambi, artisti con cui qualcuno voglia collaborare in eterno. Sicuramente, vista l’umiltà e professionalità, faremo grandi cose insieme.

Dopo questa tua nomina come sarà gestita la direzione artistica?
La figura del direttore artistico non esisterà più in Rete Cattolica, ma ci sarà uno staff che in base alle esigenze, seguirà gli eventi musicali e gli artisti nelle varie ospitate e serate. Naturalmente, nessuno farà niente senza la mia previa autorizzazione o della segreteria nazionale.

Progetti futuri di Rete Cattolica?
Cercare di partecipare con un nostro artista al Festival di Sanremo 2015, musicare con Dario Baldan Bembo una “Preghiera alla Madonna” del 1336 scritta da un Cardinale, organizzare un Corso Nazionale di Musica e Canto nella Liturgia, organizzare un grande Evento Nazionale di Evangelizzazione, realizzare un programma televisivo, organizzare un grande evento nazionale di Solidarietà, e realizzare l’inno del GMG 2016 (Giornata Mondiale della Gioventù) con Dario Baldan Bembo e Franco Romeo. In conclusione, fare il modo che Rete Cattolica, diventi una grande organizzazione “NO PROFIT” ecclesiale mondiale.

A chi vuoi dire grazie?
Intanto, ringrazio il Signore Gesù per tutto, anche per la mia precaria salute. Poi voglio ringraziare tutte quelle persone, che in modo disinteressato si sono preoccupati ed occupati di me, nei momenti difficili degli ultimi mesi. Non faccio nomi perché non mi sembra giusto.

—————————————————-
Rete Cattolica – Ufficio Stampa
Sito Web: www.cattolici.eu


Il mondo della Cultura ha perduto un suo grande promotore

0 commenti

Un altro grande saggio lascia tanti ricordi di una lunga vita dedicata all'informazione e agli insegnamenti

 

Il Professore Pasquale Palma, dopo 94 anni, che l'hanno visto costantemente impegnato, da docente come tanti ricordano per i suoi anni di insegnamento nella scuola italiana ed in veste di giornalista tanto amato dai colleghi per questa sua professione che ha sviluppato da sempre, ma in particolare dopo il pensionamento, con passione e la volontà di trasmettere le sue conoscenze di informazioni che aveva nei tanti argomenti che affrontava, ha ceduto al naturale ciclo di vita al quale tutti siamo chiamati. Anche nel momento del trapasso, dopo aver subito una crisi da broncopolmonite, si è ripreso e rivolgendosi alla figlia Emilia, che ha fatto per lui più del possibile per ogni accudimento specialmente nei suoi ultimi anni, alzandosi prima dell'ultimo respiro, ha detto adiamo, usciamo… con quel suo spirito che lo portava nei suoi anni migliori ad uscire per andare a manifestazioni o conferenze dove incantava tutti dapprima con il suo parlare da esperto in tanti settori e poi con i suoi articoli che interessavano, affascinavano e travolgevano il lettore portandolo a leggerli con piacere fino all'ultima parola. Proprio non molto tempo addietro, nel giugno di quest'anno l'illustre professore accolse, con la perfetta organizzazione di Emila che ha raccolto i suoi articoli, le sue foto, i ricordi di un grande papà realizzando un filmato artistico per il genitore ed i suoi amici, alcuni suoi alunni che scelsero di passare insieme a lui qualche ora per dimostrargli l'immensa gratitudine che sentivano di dovergli, per gli insegnamenti ricevuti, che hanno portato certamente i loro frutti: quelli di un Gran Maestro che ha saputo seminare competenze, passione, interesse, cultura ed amore per tutto. Ricordiamo alcune delle prime pubblicazioni di Pasquale Palma: “Il Ponte” edito da Maia di Siena,al costo di 600 lire, le quattro antologie italiane ”Il Solco”, “il Maglio”, “Gioia e lavoro”, “L'Ape d'Oro”, il saggio critico “L'Emeretismo”, la raccolta di novelle”La Solitudine” ed altre antologie. Numerose sono state le partecipazioni a convegni, manifestazioni e conferenze alle quali Palma ha partecipato e chi ha qualche anno in più certamente ricorda quanti trofei, targhe, ed onorificenze varie sono state attribuite e consegnate a questo noto personaggio che la cultura può vantare di avere avuto. La sua passione per il turismo ed enogastronomia lo hanno reso famoso nel mondo per essere stato vice presidente del “Golden Helmsmen of Tourisme.V.” il sodalizio che per tanti anni in Italia alla Bit di Milano e in Germania alla Itb di Berlino, ha premiato personaggi di spicco politici, imprenditori e del mondo della cultura con il ”Timone d'Oro” per avere promosso il turismo nel mondo. Numerosi sono stati anche i viaggi da lui creati, insieme al presidente Vittorio Imparato, per portare il gruppo dei Timonieri d'Oro a conoscere, studiare ed apprezzare tanti paesi nel mondo, consegnando alle autorità che li hanno sempre accolti con grande ospitalità, il riconoscimento per l'operato da loro svolto a favore del turismo con la consegna del mitico Timone d'Oro, attestato e tessera d'iscrizione ai Timonieri, associazione che vanta come soci Re Hussein di Giordania, sua figlia Haya Bint Al Hussein, un presidente degli Stati Uniti d'America e tanti altri noti e strategici personaggi nel mondo Da Santo Domingo al Brasile, alle Seychelles ecc.. Palma è stato anche vice Presidente del “Nastro Verde d'Europa” apprezzatissima associazione che ha promosso l'enogastronomia nel nostro continente. Da giornalista ricordiamo, come applauditissimo conferenziere e per i tanti articoli scritti per i quotidiani ROMA e Il Mattino e per tante riviste specializzate in enogastronomia e turismo, prima fra tutte La Madia Travelfood il più antico mensile dedicato alla ristorazione, che quest'anno ha festeggiato i suoi 30 anni e che vanta essere l'unica rivista italiana del settore ad essere distribuita alla ristorazione della Gran Bretagna. Di lui, Decano dei Giornalisti della Campania e Medaglia d'oro ai Benemeriti della Scuola, della Cultura e dell'Arte, persona ricca di cultura, intelligenza ed una allegria che trasfondeva ad altri come poche persone che posseggono questo dono sanno fare, resterà impresso, in tutti coloro che l'hanno conosciuto, veramente tanti, la grande signorilità e bontà che accompagnavano ogni suo gesto, ogni sua parola, ogni sua azione e fra i ricordi i tanti suoi articoli pubblicati da quotidiani e riviste specializzate delle quali, non in pochi, conservano quelle pagine.

Giuseppe De Girolamo


Telecupole: Clamorosa accoglienza per Dario Baldan Bembo e Franco Romeo

0 commenti

Telecupole fondata nel 1979 da Pietro Toselli, da sempre si pone l’intento di dar voce alla cultura popolare intesa come una finestra da cui guardare il mondo. Recupero delle tradizioni non come operazione nostalgica ma come elemento essenziale di promozione sul territorio. Il palinsesto è formato da un 60% di programmi autoprodotti, mentre l’informazione occupa un 25% della programmazione, il resto sono programmi musicali e rubriche varie. Da anni Telecupole è l’emittente piemontese con il più alto ascolto medio giornaliero 500.000 contatti medi.

"Ballando le Cupole" in diretta su Telecupole, il martedì dalle 20.30 alle 22.30, condotto da Sonia De Castelli e Piero Montanaro, è già un collaudato programma da moltissimi anni, senza mai dimenticare la professionalità del regista Gianfranco Mondino.

La puntata di martedì 18 novembre 2014, ha avuto una marcia in più per la presenza, del noto cantautore-compositore Dario Baldan Bembo e del cabarettista-autore Franco Romeo.

I due artisti milanesi si sono alternati ai momenti dedicati al ballo, con la presenza in pista di coppie di ballerini professionisti, dando sfoggio della loro bravura e professionalità.

Naturalmente, hanno potuto apprezzare l’ottimo anche il menu piemontese, e i vini, proposti nel corso della serata, dal ristorante presente all’interno del locale.

Dario Baldan Bembo ha trascinato all'applauso il folto e numeroso pubblico, con alcuni successi della sua fortunata carriera, con Amico è, Aria, Tu cosa fai stasera?

Franco Romeo invece, è stata una piacevole "sorpresa", per la sua abilità di intrattenere e divertire il pubblico con le sue battute di autentico cabaret, basate su temi del vivere quotidiano. Oltre a presentare al pubblico di Telecupole, in anteprima la copertina del suo terzo libro dal titolo “L’altra realtà”.

La presenza di Dario Baldan Bembo e Franco Romeo, era già programmata da qualche tempo dalla produzione di Telecupole e la direzione artistica di Rete Cattolica.

Infatti, sono seguiti moltissimi spot televisivi, e articoli a livello nazionale, per presentare, in anteprima nazionale, il brano "Papa e Papà", (testo di Franco Romeo, musica e voce di Dario Baldan Bembo). Il brano, ha vinto il Festival Nazionale di Musica Cristiana "Una Canzone per Papa Francesco", con oltre 60.000 contatti, tra "mi piace" e visualizzazioni.

Una brano intenso e toccante che è stato fatto ascoltare direttamente a Papa Francesco, il quale ha gradito ed ha fatto pervenire tramite la Sua Segreteria Particolare, la Sua Benedizione Apostolica.

Franco Romeo invece riceve direttamente a casa, la lettera della Segreteria di Stato Vaticana, che per conto di Papa Francesco, ringrazia per il brano "Papa e Papà" a lui dedicato. Ecco parte del testo della lettera con data 6 novembre 2014:

"Pregiatissimo, è pervenuta al Santo Padre Francesco la cortese lettera del 10 ottobre scorso, a cui Ella ha unito, in devoto omaggio, un DVD recentemente realizzato con la collaborazione del signor Dario Baldan Bembo. Sua Santità, che ha gradito il gentile pensiero ed i sentimenti di filiale venerazione che lo hanno suggerito, auspica ogni desiderato bene….. Con sensi di distinta stima. Firmata da Mons. Peter B. Wells".

Ecco il prossimo evento per Dario Baldan Bembo e Franco Romeo:

-Giovedì 27 Novembre 2014 Udienza Speciale con "Papa Francesco", presso l’aula Paolo VI in Vaticano, insieme a tutta la Famiglia Paolina che festeggia il centenario di Fondazione. Come ha scritto il superiore provinciale dei Paolini don Vincenzo Marras, <sarà l’occasione per testimoniare il nostro amore alla Chiesa e nello stesso tempo raccogliere il prezioso messaggio che Papa Francesco vorrà lasciarci spronandoci a proseguire sulle orme dell’Apostolo delle genti e del nostro beato fondatore don Giacomo Alberione>. A tale udienza speciale con Papa Francesco, parteciperanno: Dario Baldan Bembo, Elisabetta Viviani, Franco Romeo, Tonino Puccio, Alfonso Baiano, non mancherà don Antonio Sciortino (direttore di Famiglia Cristiana), e don Antonio Rizzolo (direttore di Credere).

Nella Foto: Franco Romeo, Natale Maroglio e Dario Baldan Bembo.

——-
Rete Cattolica – Ufficio Stampa
Art Director – Antonio Cospito
Sito Web: www.cattolica.eu


RARENOISE presenta MOLE – ASCOLTA IN ANTEPRIMA IL NUOVO DISCO

0 commenti

MOLÈ

RGB”

RareNoise Records

A poco più di due anni dall’uscita, tornano i messicani MOLÈ, in trio con il bassista di NYC di origine giapponese Stomu Takeishi. “RGB” riprende la grammatica di “What’s The Meaning?” ma mette a fuoco maggiormente l’interazione ritmica fra pianoforte e batteria, da sempre marchio di fabbrica dei MOLÈ, capaci di spaziare dal jazz al rock al drum’n bass e le invenzioni melodiche di Aanderud.

ascolta qui in anteprima

https://rarenoiserecords.com/jukebox/mole/rgb/

 

 


Pagina 1 di 91612345»...Fine »